I costi nascosti di una recessione ad alto contenuto calorico

Questa recessione persistente sta prendendo il suo bilancio umano. Ho visto un uomo con un cartello "Will Work For Food" l'altro giorno, ed è stato straziante. Il segno non era uno straccio di cartone con scarabocchi indisciplinati. Era un segno pulito, del tipo che avresti fatto un Kinko, e l'uomo era ben vestito. La sua supplica mi ha portato alla mente il capitolo del mio libro intitolato "The Calorie Heuristic", di cui sto tracciando un po 'qui:

"Queste parole sono sempre dolorose da leggere, perché ci ricordano la fragilità della vita. Loro pizzicano anche una profonda corda nella nostra psiche, perché riducono la vita ai nostri bisogni più fondamentali. Dopotutto, il sentimento dietro quelle parole commoventi può essere rintracciato fino a un tempo in cui i nostri primi antenati lavoravano davvero per il cibo. Negli eoni prima dei salari minimi e delle carte di credito e del 401-Ks e degli arresti del mercato azionario, la cosa più vicina ai guadagni e ai risparmi era la taglia della caccia. Il cibo era più che un nutrimento. Era un vantaggio.

Quindi, come sono tutti i nostri bisogni e comportamenti di base: fame, ghiottoneria, frugalità, carità e avarizia, connessi nel cervello? In parole povere: il comfort alimentare può tradursi in sentimenti di sicurezza finanziaria? Potrebbe esserci un legame tra sazietà e generosità? Possiamo letteralmente essere affamati di denaro? Gli psicologi della Katholieke Universiteit Leuven in Belgio hanno esplorato questa dinamica. Barbara Briers e i suoi colleghi hanno fatto una serie di tre esperimenti progettati per mettere a nudo le connessioni tra il nutrimento e le finanze personali. Nel primo, hanno privato alcune persone di cibo per quattro ore, abbastanza a lungo da non essere affamate, ma quasi sicuramente avevano del cibo in testa. Gli altri mangiavano come al solito. Poi li hanno inseriti in una simulazione reale in cui è stato chiesto loro di donare a una delle diverse cause. Quelli con lo stomaco ringhiante davano sempre meno soldi alla carità, suggerendo che quando le persone percepiscono la scarsità in un dominio, conservano risorse in un altro. In altre parole, le persone con voglie fisiche non sono dell'umore per essere magnanimi.

Nel secondo studio, i Brier hanno effettivamente lasciato mangiare ai partecipanti come al solito, ma con alcuni ha scatenato il loro appetito diffondendo il profumo dei biscotti al forno nel laboratorio. Poi hanno giocato a un gioco per computer che, come la simulazione precedente, ha messo alla prova la loro generosità. Di nuovo, quelli con il cibo nelle loro menti erano meno disposti a separarsi dai loro soldi. È interessante notare che in questo studio nessuno dei partecipanti era effettivamente affamato, il che significa che il desiderio di brownies da solo era abbastanza potente da trasformarli in mazzette.

Questa è una prova abbastanza convincente. Ma gli psicologi hanno deciso di guardarlo al contrario. Cioè, volevano vedere se un accresciuto desiderio di soldi influiva su quante persone mangiavano. Avevano i partecipanti fantasticare sulla vittoria della lotteria, ma alcuni immaginavano di vincere alla grande (l'equivalente di circa $ 25.000) mentre gli altri pensavano a un premio molto più modesto (circa 25 dollari). I ricercatori volevano che la fantasia più stravagante aumentasse il desiderio di denaro, così i vincitori hanno ulteriormente fantasticato su ciò che questo fantastico guadagno avrebbe potuto comprarli: auto sportive, stereo e così via. Hanno praticamente reso alcuni dei partecipanti avidi e non altri.

Poi hanno fatto partecipare tutti i partecipanti a un test di assaggio di due tipi di M & Ms, anche se a loro insaputa gli scienziati stavano effettivamente misurando quanto hanno mangiato. E sì, le persone avide hanno ridotto notevolmente le caramelle. Sembra che il desiderio di accumulare denaro (e cose) sia una versione moderna dell'adattamento antico per accumulare calorie. (Significativamente, comunque, le persone che stavano osservando il loro peso non hanno infranto la loro dieta, anche se stavano sbavando per una TV a grande schermo: prova che possiamo davvero superare il nostro pensiero automatico se siamo motivati ​​e riflessivi.)

Quest'ultimo esperimento riecheggia un classico studio degli anni '40. In quello studio, i bambini poveri hanno costantemente sopravvalutato le dimensioni delle monete, mentre i bambini ricchi no. Le nuove scoperte sono anche coerenti con studi interculturali che mostrano che la preferenza degli uomini per la curvatura delle figure femminili varia direttamente con lo status economico degli uomini. Gli psicologi Leif Nelson ed Evan Morrison hanno dimostrato questa intrigante connessione in laboratorio: in un esperimento, hanno reclutato un grande gruppo di studenti del campus e hanno chiesto loro quanto denaro avevano nel loro portafoglio. Pensavano che quelli senza denaro sarebbero stati meno soddisfatti, finanziariamente, di quelli con soldi spesi.

Poi hanno chiesto loro le loro preferenze per il peso corporeo in un partner di incontri. Quando hanno analizzato tutte le informazioni, hanno scoperto che gli uomini senza soldi desideravano donne che erano significativamente più pesanti degli uomini con i portafogli sporgenti. Questa è stata la prima prova di laboratorio che pensare alla propria situazione finanziaria influenza le preferenze di appuntamento.

Gli psicologi hanno deciso di dare un'altra occhiata a questi risultati iniziali, in un modo leggermente diverso. Invece di chiedere denaro contante, chiesero ai volontari quanti soldi avevano messo in banca. Ma hanno chiesto ad alcuni di loro di posizionarsi su una scala da $ 0 a $ 500, mentre altri si sono posizionati su una scala da $ 0 a $ 400.000. L'idea era di manipolare il loro senso di relativa scarsità: alcuni si sentivano più ricchi rispetto agli altri, mentre altri si sentivano in qualche modo deprivati. Poi hanno di nuovo chiesto loro le loro preferenze nei partner, e di nuovo hanno scoperto che quelle sensazioni di colore volevano donne più magre. Gli uomini con un senso di scarsità della vita volevano che le loro donne portassero qualche chilo di troppo, quasi come se il grasso del loro partner potesse proteggerli dalla fame.

Qual è la dinamica qui? Cosa spiega questo strano legame mentale? Nelson e Morrison pensano che abbia a che fare con la vera fame; cioè, la mancanza di denaro o di risparmi innesca lo stato fisiologico a cui tutti noi associamo troppo poco cibo, e quel senso di bisogno innesca un bisogno fondamentale di più calorie, più grasso. Per mettere alla prova questa idea, i ricercatori si sono parcheggiati davanti alla porta della sala da pranzo di Stanford e hanno distribuito questionari sugli incontri con i commensali, alcuni mentre entravano e altri mentre se ne andavano. L'idea era che alcuni si sarebbero saziati quando pensavano di uscire insieme, mentre altri avrebbero avuto del cibo nelle loro menti. E in effetti gli uomini affamati preferivano donne più a figura intera.

L'euristica calorica è l'antico legame del cervello tra cibo, denaro ed equità. Sia il cibo che il denaro sono ricompense, danno piacere, ed è possibile che entrambi (e forse anche altri premi) vengano elaborati negli stessi cluster di neuroni dedicati ad assaporare ricompense. Qualunque sia la neurologia di base, i risultati potrebbero aiutare a spiegare un fenomeno che ha perplesso a lungo i funzionari della sanità pubblica: l'alta prevalenza di obesità potenzialmente letale tra le persone più svantaggiate della società. Sembra controintuitivo che quelli con meno soldi debbano consumare più calorie. Ma potrebbe essere, suggerisce Briers, che il successo materiale è diventato così importante che quando le persone falliscono nella loro ricerca di denaro, si sentono frustrati e il loro cervello cambia tra due ricompense intrecciate. In effetti, stanno tornando a uno stato primitivo, quando il cibo ipercalorico era la valuta comune. Quindi quelli che vivono alla giornata lavorano davvero per il cibo, ma purtroppo non sono cibo nutriente.

Solutions Collecting From Web of "I costi nascosti di una recessione ad alto contenuto calorico"