I costi del trauma della prima infanzia

Come dovremmo riconsiderare il trauma dell’immigrazione.

Photo by Dmitry Ratushny on Unsplash

Fonte: foto di Dmitry Ratushny su Unsplash

Sono un immigrato Sposato da oltre 10 anni con un marito americano, sono un terapeuta, insegnante, formatore e blogger. Potresti pensare che mi sentirei fiducioso al mio posto in America. Sinceramente, sono profondamente spaventato, preoccupato che in qualche modo il mio processo di naturalizzazione ancora incompleto sarà bloccato e sarò deportato.

Dovrei stare zitto e sfidare niente adesso. Stanno deportando così tanti. Cosa succede se vengono per me? La paura spesso mi sveglia durante la notte e mi tiene senza sonno per ore. Ma la mia conoscenza del funzionamento umano e la mia etica mi costringono a parlare quando la sofferenza viene inflitta senza volerlo agli altri.

Come terapeuta, trascorro gran parte del mio tempo con clienti che sono sopravvissuti al trauma. Per la maggior parte sono bambini che soffrono di traumi dello sviluppo infantile della prima infanzia o di adulti traumatizzati da bambini. Vedo ogni giorno l’impatto devastante del trauma precoce sui miei clienti e le loro famiglie. Il trauma arriva lontano nel futuro delle sue vittime ed è difficile annullare il danno che provoca.

Nella prima infanzia, i neonati e i bambini hanno bisogno di caregiver sicuri, prevedibili, accessibili e amorevoli per fornire una base per un’ulteriore crescita. Quando sono esposti a uno stress terrificante dovuto alla separazione (anche di breve durata quando non è seguita da una pronta riunificazione con il loro caregiver primario) o privati ​​della stabilità permanente per lunghi periodi, lo sviluppo del cervello, il funzionamento emotivo e persino il corpo sono colpiti. Maggiore è l’esposizione alla separazione o all’instabilità, maggiore è la lesione.

Il cervello si sviluppa dal basso verso l’alto. Le parti inferiori del cervello sono responsabili della nostra sopravvivenza e delle risposte allo stress. Le parti superiori sono responsabili del funzionamento esecutivo (come dare un senso a ciò che stai vivendo o esercitare un giudizio morale). Lo sviluppo delle parti superiori dipende dallo sviluppo precedente delle parti inferiori.

Quando le risposte allo stress vengono ripetutamente attivate per un lungo periodo di tempo in un neonato, lo sviluppo del cervello è compromesso. Questo può manifestarsi in seguito in comportamento ribelle e difficoltà di linguaggio e uditivo. Insieme, questi sono un setup per le difficoltà comportamentali e di apprendimento (molte diagnosi di Disturbo Oppositivo Defiant e ADHD sono alla radice il risultato di un trauma dello sviluppo).

Forse anche il trauma della separazione precoce, più dannoso, danneggia la capacità del bambino di formare e mantenere attaccamenti sani (connessione emotiva) con gli altri. Quando i bambini non riescono a sperimentare i caregivers come disponibili e compassionevoli nei momenti di paura e stress, reagiscono a tutta l’esperienza dell’attaccamento come non sicuri. Il risultato è ciò che i terapeuti chiamano disturbo dell’attaccamento reattivo, che si manifesta in un sistema nervoso fuori equilibrio (iper o ipo / insensibile). Spesso viene seguito negli anni successivi con altre diagnosi come disturbo della personalità, depressione, ansia, bipolare, ecc.

Trauma precoce crea un senso cronico di stress e paura che accompagna i sopravvissuti inesorabilmente attraverso la vita. I bambini privati ​​o rimossi dalla sicurezza delle amorevoli cure sono terrorizzati. Sono collegati per sapere che la loro sopravvivenza dipende dagli altri. Nel loro piccolo mondo di dipendenza totale, l’assenza o la scomparsa di caregivers familiari e amorevoli è simile a ciò che un adulto potrebbe sperimentare dopo essere stato informato che il mondo finirà in qualsiasi momento.

Lo stress si accumula in un bambino, come negli adulti. Il corpo ricorda e reagisce alle ripetute sensazioni di paura e stress. Nel corso del tempo, lo stress cronico spesso colpisce anche il benessere fisico sotto forma di metabolismo disturbato, un sistema immunitario compromesso e difficoltà nel dormire.

Il trauma è transgenerazionale.
Sebbene l’impatto devastante del trauma sia stato riconosciuto per molto tempo, non è altrettanto riconosciuto che il dolore che infligge può avere un impatto sulle generazioni future. Ora sappiamo che il trauma viene trasferito da una generazione all’altra attraverso l’epigenetica. Sembra che i geni trasmessi dai sopravvissuti ai traumi ai loro figli portino modifiche che funzionano per rendere i loro bambini particolarmente vigili contro la possibilità di ricorrenza di quel trauma. In altre parole, l’ansia e lo stress accresciuti vengono trasmessi alle generazioni future in modo che possano affrontare meglio ciò che i loro antenati hanno sopportato.

Tre generazioni rimosse dai sopravvissuti dell’Olocausto da un lato, e i pogrom dell’era della prima guerra mondiale dall’altra, sono cresciuto in storie di membri della famiglia separati in circostanze terrificanti l’uno dall’altro e in molti casi morendo.

Quando ho studiato la ricerca documentando gli impatti transgenerazionali del trauma, ho sentito che potevo finalmente capire perché ho vissuto tutta la mia vita con un senso di dolore e dolore per le persone che non conoscevo.

Vivendo quotidianamente, sia nella mia vita personale che professionale, con le conseguenze dei primi traumi della vita, è acutamente doloroso assistere al trauma inflitto ora ai bambini piccoli (e alle loro famiglie) ai confini dell’America. Mi sono chiesto spesso se i miei antenati fossero sopravvissuti se quelli intorno a loro si fossero rifiutati di essere silenziosi spettatori e si fossero espressi contro le atrocità che si sono verificate durante l’Olocausto.

Ora è straziante assistere agli esseri umani innocenti che mi circondano in modi che conosco causeranno danni debilitanti e permanenti a molti di loro. Oggi è il mio turno di essere più di un terzo.

La dott.ssa Colleen Craft, presidente dell’American Academy of Pediatrics, ha descritto le sue impressioni da una visita in un rifugio per bambini del Texas in un rapporto dell’NPR: “Separando genitori e figli, stiamo facendo danni irreparabili a questi bambini. La preoccupazione a lungo termine di ciò che chiamiamo stress tossico è che i cervelli non sono sviluppati in modo efficiente o efficace “.

Craft descrive un bambino “… che piange e batte forte e ha un enorme capriccio. Questo bambino stava solo urlando e nessuno poteva aiutarla. E sappiamo perché stava piangendo. Non aveva sua madre. Non aveva i suoi genitori che la potessero calmare e prendersi cura di lei. “

Vi invito ad ascoltare questo episodio del podcast del Circolo di Willis in cui lo psicologo Jim Coan parla con cinque importanti scienziati dello sviluppo sul potenziale impatto di questa separazione sui bambini.

Mentre scrivo, ci sono notizie di un ordine esecutivo presidenziale che pone fine alla separazione dei bambini dai loro genitori. Per questo sono grato. Ma questo non significa che questi bambini vulnerabili non siano più a rischio di decisioni di adulti che sono profondamente ignoranti o crudelmente induriti dal danno del trauma infantile.

C’è chi dice “ma è colpa dei genitori portare questi bambini”. Eppure quelli che oggi vivono in sicurezza e conforto, chiedono a gran voce i muri contro i nuovi arrivati ​​sono essi stessi nipoti di immigrati che sono fuggiti dal terrore, dalla persecuzione, dalla povertà e dalla disperazione. Mi chiedo come hanno perso la consapevolezza che la vita ha un modo di metterci tutti in situazioni di dipendenza dalla gentilezza degli altri o in transizione attraverso i confini di un tipo o dell’altro.

Le mura sono costruite dalla paura e io non sono immune alla paura. Ma più che estranei, temo il pericolo dei vicini che hanno perso la compassione per gli altri. Come persona, come madre, come professionista della salute mentale e come immigrato nervoso anch’io, sento di dover alzare la voce per i vulnerabili.

Solutions Collecting From Web of "I costi del trauma della prima infanzia"