I computer possono vivere per noi?

Gli scienziati ritengono di aver scoperto un modo per quantificare il processo mediante il quale i cacciatori nativi sono in grado di identificare un animale dalla sua posizione. Sebbene innegabilmente utile in qualche modo, dovremmo essere preoccupati per il cambiamento nel modo di pensare? Importa se la conoscenza è dentro di noi, o accessibile tramite un programma per computer (un problema che, a mio avviso, è al centro del dibattito di attualità su come Internet modifica le nostre menti e torna ai sospetti di Socrate di scrivere)?

Confido che non sia necessario difendere l'idea che il cervello non sia un'entità statica, ma un sistema dinamico in costante dialogo con la sua cultura e l'ambiente, ciascuno dei quali modella reciprocamente l'altro. Un tale punto di vista è, spero, un truismo, così come l'affermazione che il cervello migliora i compiti più è impegnato in loro, e meno bravo a loro quando non deve più eseguirli. C'è una ricchezza di prove di ogni genere che è così.

Da tempo i ricercatori hanno cercato di rendere operativa la conoscenza che cacciatori e inseguitori nativi africani usano per simulare il computer. Per inciso, ho notato che la ricerca è lesa in modo difensivo con termini come "empowerment" e "riconoscimento", i presunti benefici per i tracker africani. Questi concetti fanno sorgere domande importanti. 'Empowered' da chi, e per fare cosa, per chi e in quale contesto? Questo "potere" è desiderato da coloro che sono così, apparentemente altruisticamente, "potenziati"? E 'il riconoscimento', a proposito, da chi? Anche questo riconoscimento è desiderato? È utile? O forse irrilevante e, alla fine, persino legato a conseguenze dannose? Di chi sono i valori che siamo così desiderosi di promuovere? Forse il linguaggio è progettato per dirigere la nostra attenzione lontano dall'ovvio, che le abilità di queste persone vengono prese in consegna dalle macchine e che viene chiesto loro di colludere nella scomparsa di un aspetto della loro antica cultura, probabilmente (dal momento che sono descritti come analfabeti funzionali) senza la consapevolezza che lo stanno facendo.

Ma ci sono domande più ampie sull'esternalizzazione di una macchina di competenze implicite che sono il prodotto dell'esperienza, un'attenta attenzione al mondo e una relazione rispettosa e simbiotica con esso. La domanda è più ampia dei tracker stessi. È giusto che dovremmo indebolire le competenze implicite rendendole esplicite ed esportandole per un computer da fare per noi? La specializzazione relativa di questo particolare tipo di abilità – il tracciamento degli animali – costruito in uno specifico contesto geografico ed etnografico, lo rende in un modo tanto più urgente, perché quando va, è andato per sempre. Ma facciamo sempre qualcosa di simile a questo, casa più vicina per la maggior parte di noi, e l'urgenza di questa materia dipende, appunto, dalla sua applicazione generale nel mondo occidentale, e sempre più occidentalizzato.

Cacciatori e inseguitori imparano non solo a comprendere intellettualmente un sacco di fatti sull'animale che seguono, ma a sentirsi come se fossero l'essere stesso dell'animale. Imparano che devono imitare, anzi, in un certo senso, "diventare" – l'animale che stanno seguendo. Solo così possono prevedere con successo cosa farebbe l'animale in qualsiasi situazione e continuare con successo a seguire la pista. Questo processo coinvolge tutti i sensi – odore, vista, suono, gusto e tatto – un'intimità con il paesaggio, le sue rocce e le sue piante, così come i suoi animali e uccelli, una familiarità con le stagioni, una capacità di leggere i cieli di giorno e notte, e il rapporto del genere umano con tutto questo, un luogo in cui il cacciatore stesso arriva a capire chi è in relazione con il mondo, e ciò che il mondo è in relazione con lui e con il suo popolo. Attraverso questo processo può essere realizzato come un essere umano in un modo che possiamo guardare dall'esterno e forse dall'invidia. Quando un computer sembra fare questo lavoro per noi, cosa sta lasciando fuori? È importante? Importa solo per la persona con l'abilità che viene, insidiosamente, sostituita, o anche per il resto di noi?

Si potrebbe obiettare che tutto ciò è piuttosto romantico, e il fatto è che questi sviluppi hanno un impatto minore sul loro impatto di quanto non lo siano (potrebbero esserlo ora, ma senza dubbio, in caso di successo, comportano ulteriori impatti – cioè l'inevitabile storia della tecnologia). Inoltre, i computer ci aiutano a fare cose che possiamo fare comunque, ma li facciamo più velocemente e su una scala più ampia, in modo che qualsiasi danno collaterale debba essere accettato in nome dell'efficienza. Ma non sono così facilmente convinto. Prima di tutto l'idea che qualcosa sia "romantico" è concepita per fare un'accusa di essere "fuori dalla realtà" e incline al pensiero sciatto. Ma mi sembra sempre più che il pensiero sciatto sia da parte di colui che esercita questo termine. Sembra spesso un modo pigro di liquidare tutto tranne un tipo molto semplice di analisi degli affari umani, da cui è stata tolta molta importanza per semplificare i calcoli. Ciò rende uno in meno in contatto, non più in contatto, con la realtà. E perché dobbiamo supporre che fare qualcosa di più veloce sia necessariamente una buona idea? In molte situazioni umane fare più di qualcosa e farlo più velocemente degrada drasticamente. Non c'è saggezza in un ritmo che è in linea con la relazione simbiotica che supporta?

Credo che il significato di tali questioni in generale sia enorme, ma per me l'aspetto più significativo di tutti riguarda la memoria. Sappiamo sempre di più sull'ampia distribuzione della memoria all'interno del cervello e in effetti all'interno del corpo al di fuori del cervello. Non è qualcosa di inerte e fisso, come la 'banca della memoria' di un computer, da consultare di tanto in tanto quando i dati sono richiesti, ma qualcosa che è intrinsecamente legato a chi siamo … come pensiamo e sentiamo e come rispondere al mondo che ci circonda. Tutto ciò che sperimentiamo e tutto ciò che sappiamo e che abbiamo mai imparato, anche se potrebbe non essere più accessibile su comando per ri-sperimentare a piacimento, va a formare chi siamo e ci nutre, in una certa misura – nel caso di alcune cose molto più di altri, per essere sicuri, di come vediamo noi stessi e il mondo. Questo è il motivo per cui Socrate era scettico riguardo all'invenzione della scrittura. Significava che non dovevamo più portare la nostra saggezza dentro di noi.

Eppure sempre più il valore di memorizzare le cose, che siano fatti sul mondo o pezzi di poesia, o di svolgere noi stessi compiti cognitivi, viene declassato, dal momento che crediamo di sapere dove andare a trovare tali cose o di farle fare per noi. Di conseguenza questi pezzi di realtà e queste abilità non devono più abitare noi o noi. Ma questo non altera drasticamente chi siamo, come rispondiamo e cosa intuiamo? Le intuizioni sono di importanza cruciale e non sono mai solo un dato semplice. Le nostre intuizioni variano e quelle con le migliori intuizioni sono quelle che hanno ragionato bene, hanno imparato molto e hanno acquisito molta esperienza. Cioè, hanno dei ricordi sofisticati. Non possiamo esternalizzarlo a un computer. Altrimenti potremmo presto correre il rischio di dire (parafrasando lo scrittore francese di fine secolo de Villiers de l'Isle-Adam): "per quanto riguarda la vita, i nostri computer possono farlo per noi".

Solutions Collecting From Web of "I computer possono vivere per noi?"