I capi di culto femminili che uccidono

Molti serial killer, maschi e femmine, lavorano da soli. Tuttavia, ci sono coloro che credenze religiose e tendenze assassine sono intrecciate, risultando in un sistema sistematico di omicidio seriale. Diamo un'occhiata a due leader di culto femminili serial killer, nonostante abbiano vissuto 100 anni di distanza, condividono alcune somiglianze notevoli.

3 aprile 1912: Clementine Barnabet e La chiesa del sacrificio

Nel 1912, la diciottenne Clementine Barnabet scioccò Lafayette, in Louisiana, quando dichiarò di aver ucciso personalmente 17 persone come parte della sua devozione come alta sacerdotessa alla Chiesa del Sacrificio. Sette intere famiglie, in tutto 40, sono state uccise dai membri di questo gruppo religioso, che a quanto pare credevano che la ricchezza e l'immortalità potessero essere ottenute attraverso il sacrificio umano. Anche la vendetta sembrava essere un fattore in alcuni degli omicidi, come la signora Barnabet ha dichiarato che almeno due delle famiglie si erano rifiutate di obbedire ai "messaggi di Dio".

La signora Clementine ha affermato che gli omicidi si sono verificati soprattutto la domenica sera mentre le vittime dormivano. (Tuttavia, anche se i bambini si svegliassero, questo non fece nulla per dissuadere l'alta sacerdotessa dal continuare il suo massacro fino a quando tutti i membri della famiglia non giacevano sul pavimento.) Poche delle case furono derubate e molte delle vittime erano estranee a i seguaci del culto che li hanno uccisi. La Chiesa del Sacrificio era apparentemente una setta di pari opportunità; c'erano un numero uguale di membri maschili e femminili ed entrambi i sessi parteciparono ugualmente agli omicidi.

Sacrificio rituale: un duplice scopo

Tutte le vittime erano orribilmente mutilate, con arti e teste tagliati e sparsi per la casa. Lo smembramento sarebbe seguito da una cerimonia sacrificale, con canti e rituali. Apparentemente il sacrificio rituale non solo soddisfaceva gli insegnamenti della Chiesa, ma serviva anche a eliminare praticamente ogni indizio su chi avesse ucciso le vittime e perché. Non è stato lasciato nulla dietro cui gli assassini possano essere identificati; non c'è mai stata una scusa per indicare perché l'omicidio è stato commesso.

29 marzo 2012: Meraz Matriach e La Santa Meurte

Avanti veloce di 100 anni. Il 29 marzo 2012, otto presunti serial killer, membri della famiglia Meraz che presumibilmente praticavano sacrifici umani in Messico, sono stati arrestati per l'omicidio di tre vittime: due bambini di 10 anni e un adulto di 55 anni. I loro corpi – con gola e polsi tagliati con coltelli e asce – sono stati trovati sull'altare del sito omicida rituale del culto

Secondo i membri del culto, Silvia Meraz Moreno e suo figlio, Ramón Omar Palacios Meraz,   sono i presunti leader di culto del culto violento, che adora The Female Saint of Death, La Santa Muerte. Il motivo? I soldi. Secondo il loro capo di culto, il loro sacrificio di sangue sarebbe stato ricompensato dalla rivelazione di ricchezza e protezione dai danni di Santa Muerte.

Culti serial killer: una discussione comune?

Sfortunatamente, non sappiamo molto della storia personale che ha portato alle azioni di Clementine. Sappiamo che viveva in un'epoca in cui la vita era molto difficile per gli afroamericani, come dimostra il crudele commento del quotidiano di El Paso che "nella cintura di riso, la vita di un negro è considerata piuttosto economica". Senza dubbio, c'era un pervasivo senso di ingiustizia, disperazione e mancanza di controllo. Indiscutibilmente, era povera.

Piuttosto che colpire i suoi oppressori, però, Clementine ha scelto di perseguitare i suoi coetanei, aggrappandosi alla convinzione che il sacrificio umano le avrebbe portato ciò che altrimenti sarebbe sfuggito alla ricchezza, all'immortalità e alla vendetta.

Anche Silvia Meraz. Anche lei proveniva da uno sfondo pieno di pregiudizi e povertà, una famiglia di spazzini che trascorreva gran parte della loro esistenza quotidiana a lottare per sopravvivere. E, come i seguaci di Church of the Sacrifice all'inizio del XX secolo, le colombe disperatamente povere di Meraz probabilmente si sentivano molto più a loro agio in relazione a un santo emarginato che può offrire ricompense terrene e sono disposti a pagare le spese.

Solutions Collecting From Web of "I capi di culto femminili che uccidono"