"I cani sono persone!" (L'altro lato del dibattito)

In un precedente articolo (Are Dogs People? Really?), Ho criticato una recente pubblicazione del New York Times (Dogs Are People, Too) in cui il dott. Gregory Berns ha sostenuto che studi di imaging cerebrale suggeriscono che i cani (e forse altri animali) sono "Persone" e hanno quindi diritto a diritti legali. Mentre molti lettori erano d'accordo con me, il post ha anche generato alcuni commenti eccellenti da parte dei lettori che non erano d'accordo. Nello spirito di un dialogo incoraggiante su questioni relative al trattamento di altre specie, sto dando questo post alle voci di tre dei miei critici più attenti. (Questo è un po 'più lungo della maggior parte dei post di Animals and Us. Tuttavia, i loro commenti valgono la pena leggerli nella loro interezza.)

Si noti che sostengo la mia critica originale del saggio del New York Times . Tuttavia queste risposte al mio post sono un'ottima panoramica del caso per considerare "persone" di animali secondo la legge. Penso che meritino esposizione su questo forum e dovrebbero essere presi in seria considerazione.

* * * * *

I partecipanti:

Michael Mountain è stato un fondatore e per molti anni presidente della Best Friend Animal Society di Kanab, nello Utah. È l'editore di Earth in Transition. Per una descrizione estesa della mia visita a Best Friends diversi anni fa e della mia conversazione serale con Michael a Kanab sullo stato morale degli animali, vedi l'ultimo capitolo di Some We Love, Some We Hate, Some We Eat).

Lori Marino è un ricercatore di delfini e neuroscienziato presso l'Emory University. È la direttrice scientifica del Progetto diritti non umani e fondatrice e direttore esecutivo del Centro per l'advocacy per animali di Kimmela, Inc.

Hoss Firooznia è un protettorato degli animali di Rochester, New York. Ha una laurea in scienze cognitive.

* * * * *

Il primo commento di Michael Mountain.

Non sono uno scienziato, quindi non posso discutere questioni sul nucleo caudato del cane! Ma da un punto di vista legale, dobbiamo stare attenti a non confondere ciò che intendiamo quando parliamo di "persone", "persone"

Michael Mountain

e "umani". Gli "umani" sono una specie. Una "persona", secondo la legge, è qualsiasi entità con una capacità di diritti legali. (Le corporazioni e le navi sono riconosciute come persone. Quindi, in India, sono idoli indù.) E "gente" può significare qualsiasi cosa tu voglia che significhi!

Greg Berns mi dice in una e-mail che il suo titolo originale per il suo articolo del NY Times "Dogs Are People, Too" era "Dogs Are Persons, Too" ma che è stato lui a prevalere per cambiarlo in modo da essere "più accessibile a il lettore medio. "Penso che sia solo confuso il problema. I cani non saranno mai "umani". Potrebbero essere riconosciuti come persone un giorno. E molti di noi con i cani li considerano già persone e non si preoccupano di cosa significhi!

Quando consideriamo se i cani o altri animali non umani debbano essere riconosciuti come persone legali, stiamo semplicemente valutando se possano avere diritti legali. Non stiamo chiedendo se dovrebbero essere considerati come umani – non più di loro o dovremmo essere visti come navi!

Quindi la domanda non è se le risonanze magnetiche mostrano che hanno emozioni proprio come gli umani. Quello che un giudice dovrà considerare per primo è se un determinato animale non umano sia consapevole di sé, abbia avanzate capacità cognitive e sia ragionevolmente autonomo. Se la risposta è sì, allora possiamo sostenere che questo animale ha bisogno di essere riconosciuto come avente certi diritti legali di base – in particolare il diritto alla libertà fisica e all'integrità fisica. Non "diritti umani", ma diritti appropriati a chi lui o lei è.

Il Progetto sui diritti non umani si sta preparando a presentare un atto di habeas corpus per conto di un animale non umano. Presenteremo una petizione al tribunale affinché riconosca di avere il diritto legale alla libertà fisica e all'integrità fisica. Questo è un caso primo nel suo genere, e molto probabilmente sarà archiviato nei prossimi mesi a nome di un grande scimmione o di un elefante. Per definizione, se il giudice – e poi, ancora più importante, un tribunale di stato – concorda sul fatto che ha questo diritto legale di base, significa che è una persona giuridica. (Non un essere umano, non "persone", ma una persona.)

Nel frattempo, in questo momento, rimane una "cosa", un pezzo di proprietà senza più diritti legali rispetto al lettore DVD o al tavolo della cucina. (Le leggi sulla crudeltà stabiliscono che ci sono certe cose che non puoi farle, proprio come ci sono delle leggi che mi impediscono di rubare il tuo tavolo da cucina, ma il tavolo in sé non ha alcun diritto.)

Gregory Berns ha ragione nel dire che potrebbero passare molti anni prima che un cane sia riconosciuto come persona giuridica. Semplicemente non abbiamo le prove scientifiche per presentare petizioni a loro nome. Ma abbiamo questa prova quando si tratta di grandi scimmie, elefanti e certi delfini. (Probabilmente anche per certi uccelli.)

Dalla mia lettura dell'articolo di Berns, ciò che ha fatto è aggiungere un altro pezzo al crescente corpo di prove a supporto dell'argomentazione secondo cui gli umani non sono gli unici animali con emozioni, autocoscienza e autonomia. Questo tipo di prove può, a sua volta, contribuire a sostenere casi futuri in cui si sostiene che determinati animali non umani meritano certi diritti fondamentali che sono rilevanti per la loro specie e che sono nel loro stesso interesse.

Michael.

* * * * *

La risposta di Hal a Michael:

Michael … potresti non essere uno scienziato, ma sei un ragazzo molto intelligente. La mia intuizione è che "persone" = "persone umane". Tuttavia, come ho appreso in una conferenza sulla legge sugli animali un paio di anni fa da David Favre del Centro legale e storico degli animali, quando si parla di legge, la mia intuizione è sbagliata. (In breve, hai ragione.)

Tuttavia, continuo ad avere problemi con l'eccessivo allargamento del termine "persona". La decisione della United Nations Citizens United della Corte Suprema secondo cui le società sono persone potrebbe distruggere la democrazia americana. Se gli embrioni sono determinati a essere persone dai tribunali, Roe v Wade scende i tubi. La mia opinione è che considerando che le corporazioni, i polli, gli idoli indù e le "persone" embrioni estendono il termine al punto che diventa privo di significato.

La mia intuizione (ammettiamolo, una pessima fonte di guida morale) concorda con te sul fatto che creature come grandi scimmie, balene e delfini meritano alcuni diritti (ad esempio, il diritto alla vita, il diritto a non essere ingabbiati). Tuttavia, la mia intuizione non estende questi diritti agli uccelli, agli idoli indù e alla marmotta che mangia i miei fiori. Alcuni hanno sostenuto che abbiamo bisogno di diverse categorie di "persone". -say, "persone umane" e "persone non umane". Tuttavia, questo ci riporta a dove abbiamo iniziato. Presumo, a proposito, che la personalità implichi, per lo meno, il diritto di non essere mangiato. Gli attivisti degli animali lo applaudiranno. Tuttavia, i tribunali non sono immuni dall'opinione pubblica e il 95% degli americani che mangiano carne consumano 10 miliardi di persone non umane all'anno.

Infine, la mia obiezione all'operato di Berna si basa anche su questo fatto, che ha esagerato sull'importanza dei risultati dello studio della risonanza magnetica. (Sono d'accordo sul fatto che i suoi metodi siano rivoluzionari.) Gli scienziati sanno da tempo che il nucleo caudato era coinvolto nelle emozioni in animali umani e non umani. Inoltre, penso implicasse che il team Emory avesse scoperto che i cani avevano emozioni. Non vero. Si spera che il nuovo libro di Greg Berns darà il merito agli scienziati di Darwin che hanno indagato sulle emozioni dei cani. Oggi questo include i migliori ricercatori come Adam Miklosi, Brian Hare, Alexandra Horowtiz, Kurt Kotrschal, Julia Kaminski, Josep Call, ecc. Ecc. I laboratori per la conoscenza del cane nascono più velocemente delle erbacce nel mio giardino fiorito.

Grazie per i tuoi commenti perspicaci!

Hal

* * * * *

La risposta di Michael alla mia risposta:

Hal,

Ci aspettiamo che, come lei suggerisce, una delle prime domande che verranno poste in tribunale è: "Se sono d'accordo con te sul fatto che questo scimpanzé è una persona giuridica con la capacità di certi diritti specifici, hai intenzione di tornare qui? la prossima settimana con una mucca e un pollo e un maiale? "

Questo è l'argomento "pendenza scivolosa" e, come suggerisce l'articolo di Greg Berns, i cani potrebbero, un giorno, trovarsi fuori dal menu. (Prendi nota, Cina e Corea!). È lo stesso scivoloso pendio che il famoso giudice Lord Mansfield dovette affrontare quando gli avvocati dello schiavo americano James Somerset andarono in tribunale a Londra nel 1772. Somerset, che era stato portato a Londra dal suo proprietario, Charles Steuart, era fuggito e riconquistato e ora giaceva in catene su una nave che stava per partire per le piantagioni di zucchero della Giamaica. Ma un gruppo di avvocati abolizionisti ha presentato una petizione all'Alta Corte, usando la legge dell'habeas corpus, secondo cui il Somerset dovrebbe essere riconosciuto come una persona giuridica con i diritti appropriati alla libertà fisica.

Gli avvocati di Steuart non potevano provare che Somerset fosse subumano, quindi sostenevano, invece, che questa era una china scivolosa e che se Lord Mansfield avesse stabilito un precedente garantendogli la sua libertà, ciò avrebbe portato al collasso delle industrie dello zucchero e del cotone in le colonie americane – e la rovina dell'intera economia occidentale.

Mansfield ha supplicato con entrambe le parti di sistemare le loro divergenze in tribunale perché sapeva dove stava conducendo. Ma loro rimasero in piedi. E così il giudice emise la sua sentenza, dicendo che "anche se i cieli cadessero" non aveva altra scelta che concludere che la schiavitù è "odiosa" e che il Somerset doveva essere liberato. Tutto ciò era ancora prima della Dichiarazione di Indipendenza, ma presto ha portato a casi simili su e giù negli Stati Uniti appena nati. Nel nord, i giudici dominano principalmente a favore della libertà; nel sud, molti stati arrivarono al punto di approvare leggi che negavano l'habeas corpus agli schiavi! Alla fine ci volle una guerra civile per risolvere la questione.

Quindi sì, c'è una pendenza scivolosa. E chissà dove porterà tutto questo. Ma ciò non impediva a Lord Mansfield di fare ciò che sapeva essere giusto. E non dovrebbe impedirci di accettare che la scienza è solida quando si tratta di grandi scimmie, elefanti e delfini. E quel giorno potrebbe essere solido anche in relazione a mucche, maiali e cani. Anche le tue marmotte!

PS Direi che gli oppositori sono, in realtà, preoccupati per la pendenza scivolosa sbagliata. Non è la concessione di diritti legali ad altri animali che causerà problemi a noi umani, ma piuttosto il nostro fallimento nel concedere tali diritti. Trattandoli come "cose" e "proprietà" da mercificare e sfruttare a volontà, stiamo già facendo un danno indicibile anche a noi stessi.

* * * * *

I commenti di Lori Marino

Hal … Nella tua critica dello studio della risonanza magnetica di Greg Berns con i cani hai creato un numero di uomini di paglia. Primo, Greg non ha mai equiparato l'attività nel nucleo caudato con la personalità. Nell'articolo del New York Times stava semplicemente esplorando la questione della personalità per i membri di altre specie. Infatti, come Michael

Lori Marino

Mountain ha detto che la personalità ha a che fare con criteri legali e diritti specifici delle specie. Greg non sta affermando che i cani sono umani (nonostante l'opinione dei media sul problema).

Secondo, affermi che la personalità nei cani significherebbe non "imprigionarli" e "forzarli" a giocare a prendere. Ma i cani sono addomesticati e si sono co-evoluti con noi per godersi alcuni degli stessi ambienti e attività. Giocare con un cane non è più "energico" che giocare con un bambino o un amico. La tua argomentazione qui non regge.

In terzo luogo, come sapete, il comportamentismo ha più a che fare con la riluttanza a teorizzare e riconoscere i processi di pensiero in altri animali (cioè, ciò che è nella "scatola nera"). Non si tratta delle tecniche specifiche utilizzate per addestrare qualcuno. Certo, Greg ha usato il condizionamento standard per insegnare ai cani a entrare nello scanner della risonanza magnetica, ma questo è totalmente al di là del punto dello studio. I metodi comportamentisti prendono semplicemente il posto di chiedere al cane di farlo in inglese. Lo sai. Non è un aspetto intrinseco di ciò che Berns stava cercando di esplorare.

In quarto luogo, anche se dobbiamo sempre fare attenzione nell'interpretazione dei risultati di neuroimaging, il fatto è che il caudato è una struttura evolutivamente altamente conservata che è stata ora dimostrata essere attivata differenzialmente nei cani nelle stesse condizioni che potrebbero attivare il caudato nell'uomo – positivo Esperienza. Questa non è una prova definitiva ma piuttosto fortemente indicativa che ci sia qualcosa di condiviso tra cani e umani.

Se dovessimo prendere sul serio le vostre critiche, avremmo bisogno di buttare via l'intero corpus della letteratura sulle neuroimmagini negli esseri umani e in altri animali. Tutto il lavoro di neuroimaging si basa sulla stessa logica e sulla stessa inferenza usata da Berns nel suo studio.

Infine, sono rimasto colpito da una dichiarazione rilasciata nel tuo blog sul dover riconoscere e rispettare l'autonomia dei cani. Mi sembra che tu pensi che i cani non siano autonomi e non dovrebbero essere rispettati come esseri autonomi. Se sto interpretando male la tua affermazione, fammi sapere.

* * * * *

Hoss Firooznia 'Commenti

Hal ha scritto:

[Leslie Irvine] scrive: "Se riconosciamo il valore intrinseco delle vite degli animali, allora è immorale tenerli per il nostro piacere, indipendentemente dal fatto che li chiamiamo compagni o animali domestici". Se, come afferma il dott. Berns nel titolo del suo editoriale, "Dogs Are People, Too", come possiamo giustificarlo imprigionandoli nelle nostre case …? "

Non mi è chiaro perché "riconoscere il valore intrinseco delle vite degli animali" dovrebbe essere così problematico. Certamente, riconoscere la personalità animale proibirebbe un trattamento crudele, ma non significherebbe necessariamente la fine degli animali da compagnia.

Non tutte le persone giuridiche hanno completa autonomia. Dopotutto, riconosciamo il valore intrinseco dei bambini umani – concediamo loro persino lo status legale di "persone" – ma ciò non ci esclude dal "imprigionarli nelle nostre case" e costringendoli a fare ogni sorta di cose (ad es. , mangiare verdura, fare le faccende, andare a scuola) che vanno contro i loro interessi immediati. *

* * * * *

Le mie ultime parole – Grazie a Michael, Lori, Hoss e altri riflessivi commentatori per averci spinto a riflettere più profondamente su questi temi.

* * * * *

Hal Herzog è professore di psicologia alla Western Carolina University e autore di Some We Love, Alcuni odiamo qualcuno che mangia: perché è così difficile pensare dritto agli animali.

Solutions Collecting From Web of ""I cani sono persone!" (L'altro lato del dibattito)"