I cani sentono davvero la vergogna e il senso di colpa?

dog canine pet emotion fear guilt shame punishment scold bad

Le persone attirano sempre la mia attenzione su siti popolari online pieni di foto di cani che si vergognano e si vergognano. Questi siti, come dogshaming.com e shameyourpet.com, così come molti video pubblicati su siti come YouTube, hanno spesso cani che portano cartelli che sono umoristicamente scritti "confessioni", ei cani sono spesso circondati dai resti del loro comportamento scorretto. Per la persona media non c'è dubbio che in molte delle foto, i cani sembrano colpevoli o vergognosi di aver mangiato qualcosa che non avrebbero dovuto o aver distrutto qualcosa o essersi comportati male in qualche altro modo.

Il primo sito di dog shaming è stato avviato nell'agosto 2012 da Pascale Lemire, residente a Vancouver, nella British Columbia. Rimane il più popolare tra questi siti e ha ricevuto oltre 58 milioni di pagine viste e oltre 65.000 presentazioni con foto. Lemire ha anche pubblicato un libro intitolato Dog Shaming che si è fatto strada nella lista dei bestseller del New York Times. Tuttavia, non è convinta che tutte le foto in realtà mostrino vergogna. Ha detto a un giornalista: "Non credo che i cani provino vergogna. Penso che sappiano come placarci con questo triste aspetto da cucciolo che ci fa pensare che si vergognino di quello che hanno fatto. La mia ipotesi è che il loro modo di pensare sia: "Oh uomo, il mio padrone è pazzo di qualcosa, ma non so cosa, ma sembra calmarsi quando gli do la faccia triste, quindi proviamoci di nuovo".

Il consenso scientifico sembra essere che Lemire abbia ragione e che i cani non provino vergogna. Piuttosto, quello sguardo triste e colpevole con le orecchie indietro, la testa in giù, gli occhi cadenti, la coda tra le gambe e la postura del corpo inferiore è in realtà un segno di paura, non di vergogna o senso di colpa. Il cane ha imparato che quando le prove del loro comportamento scorretto sono visibili e il loro proprietario appare, accadono cose cattive ai cani, come rimproveri o punizioni. Una volta ho dimostrato questo per uno show televisivo. Il cane in questione era un bel collie ruvido di nome Marla, che aveva preso l'abitudine di rovesciare il cestino della spazzatura in cucina e rovistarci dentro per trovare tutti i commestibili che avrebbe potuto salvare. I membri della famiglia credevano che Marla sapesse che cosa stava facendo era sbagliata perché quando tornarono a casa e trovarono le prove della sua delinquenza, lei appariva sempre colpevole e vergognosa. Ho deciso di dimostrare loro che la colpa e la vergogna non erano i motivi del comportamento di Marla, ma piuttosto il semplice timore di una punizione che ha causato quel "look". In primo luogo, ho lasciato la famiglia e poi sono andato a Marla in cucina, lei in posizione seduta, mentre io buttavo giù il cestino e stendevo il suo contenuto sul pavimento. Siamo poi tornati nel soggiorno dove ho chiamato la famiglia in casa. Nel momento in cui Marla li vide, guardò oltre la sua spalla verso la cucina e poi cominciò immediatamente a mostrare i comportamenti che i suoi proprietari avevano sempre interpretato come vergogna e senso di colpa anche se non aveva fatto nulla di male.

Ovviamente il mio piccolo test con Marla era solo una dimostrazione e non una scienza. Tuttavia vi sono prove scientifiche di due studi che confermano la mia conclusione. Il primo era di Alexandra Horowitz, professore di psicologia al Barnard College di New York. Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista Behavioral Processes * e ha coinvolto 14 cani che sono stati ripresi nella serie di prove per vedere come hanno reagito quando il loro proprietario ha lasciato la stanza dopo aver detto loro di non mangiare una sorpresa. A volte i cani obbedivano e talvolta disobbedivano. A volte, quando il proprietario tornava, sgridavano il cane e altre volte semplicemente salutavano il cane. Horowitz riassume i suoi risultati dicendo: "Ho scoperto che il" look "appariva più spesso quando i proprietari sgridavano i loro cani, indipendentemente dal fatto che il cane avesse disobbedito o fatto qualcosa per cui potevano o dovevano sentirsi in colpa. Non era "colpa", ma una reazione al proprietario che ha spinto il look. "

Uno studio più recente, Julie Hechta, Ádám Miklósi e Márta Gácsia, è stato condotto presso l'Eötvös Loránd University, a Budapest, in Ungheria, e pubblicato sulla rivista Applied Animal Behavior Science **. Coinvolse 64 cani ed era un po 'simile nel design in quanto a un cane veniva insegnato di non mangiare un boccone, e poi quando il proprietario era fuori dalla stanza, il cane obbediva o disobbediva. Di nuovo il problema era come il cane ha reagito quando il proprietario è tornato. Ancora una volta i risultati furono che l'obbedienza o la disobbedienza dei cani non avevano nulla a che fare con il "colpevole sguardo". Inoltre, sebbene il 92 percento dei proprietari affermasse che il loro cane mostrava un comportamento "colpevole", era perché il cane sa di aver fatto qualcosa che il proprietario disapprova, quando in realtà si confronta con il loro cane che mostra "look", i proprietari non possono determinare in modo affidabile se il cane abbia effettivamente obbedito o disobbedito a quel processo sperimentale.

La conclusione ovvia è che i cani stanno rispondendo con quello sguardo colpevole e vergognoso perché hanno paura di quello che succederà dopo, non perché percepiscono che hanno fatto qualcosa di sbagliato. Tuttavia, potrebbe essere un comportamento utile da parte del cane vergognarsi più o meno nello stesso modo in cui il fondatore di dogshaming.com, Pascale Lemire, suggerì in precedenza. Nello studio del gruppo di ricerca ungherese, è emerso che tra i proprietari che affermano che il loro cane mostra un comportamento colpevole, più della metà (59%) dichiara che il comportamento dei cani "colpevoli" li induce a sgridare meno i loro cani. Il cane potrebbe non sapere di aver fatto qualcosa di sbagliato, di non provare vergogna o senso di colpa, ma potrebbe aver imparato che dare quell'aspetto colpevole e imbarazzante alla fine rende le cose un po 'meno cattive.

Per ulteriori informazioni sulle emozioni dei cani clicca qui.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

Dati da:

* Alexandra Horowitz (2009). Disambigliando lo "sguardo colpevole": Salient suggerisce un comportamento familiare del cane. Processi comportamentali 81, 447-452

** Julie Hechta, Ádám Miklósia, Márta Gácsia (2012). Valutazione comportamentale e percezione del proprietario dei comportamenti associati al senso di colpa nei cani. Scienza del comportamento animale applicato 139, 134- 142

Solutions Collecting From Web of "I cani sentono davvero la vergogna e il senso di colpa?"