I cani hanno impiegato 18.000 anni per raggiungere il Medio Oriente?

La fine del 2015 ha portato un afflusso di notizie relative al cane, tra cui uno studio che pone definitivamente l'emersione del cane dal lupo nell'estremo sud-est asiatico 33.000 anni fa e una previsione nella rivista Science che il 2016 potrebbe essere l'anno in cui il tempo e il luogo [s] dell'emergenza del cane sarebbe definitivamente rivelato. Poi, il 19 gennaio del nuovo anno, il New York Times soppesò con un pezzo piuttosto confuso di James Gorman che strombazzava, come aveva fatto Science, lo studio multinazionale, guidato da Greger Larson e Keith Dobney, per usare il DNA di cani e lupi antichi per rispondere alle domande di tempo e luogo.

Quelle sono domande importanti per essere sicure, e si sono dimostrate difficili da rispondere, con date proposte che vanno da 135.000 a 10.000 anni fa e luoghi che vanno dal Medio Oriente alla steppa mammut, all'Asia centrale e al sud-est asiatico, a sud dello Yangzi Fiume. La mia risposta a quella pletora di scelte è stata quella di dire che lupi e umani si sono avvicinati ovunque si fossero incontrati sulla pista. Non tutti quegli allacci producevano cani, ma uno o più. Se dovessi scegliere di nuovo, sceglierei i Monti Altai della Mongolia e della Siberia, le montagne del Caucaso, regione del Mar Caspio e un'area ora sotto il Golfo Persico. Il requisito centrale è che i lupi e gli umani si trovino in quel luogo allo stesso tempo.

Le due più recenti indagini genetiche collocano i primi cani in Asia. Il primo ad arrivare fu un sondaggio negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS) dei cani del villaggio in Asia centrale, tra cui Nepal e Mongolia, dal progetto di cane villaggio di Adam Boyko alla Cornell University. Lo studio ha posto i primi cani in Mongolia e Nepal circa 16.000 anni fa. [Vedi il mio post sul blog qui.] Appena un mese dopo Guo-dong Wang dell'Accademia cinese delle scienze e un gruppo internazionale tra cui Peter Savolainen del KTH-Royal Institute of Technology, Solna, Svezia, ha dichiarato in Cell Research che i primi cani emerse nel sud-est asiatico 33.000 anni fa. Lì apparentemente aumentarono di numero fino a quando non cominciarono a seguire gli umani verso occidente 18.000 anni dopo. Wang e colleghi dicono che i cani hanno raggiunto il Medio Oriente e il Nord Africa 15.000 anni fa e l'Europa 10.000 anni fa. Sulla strada per l'Europa, un lignaggio si separò dai Monti Altai per mescolarsi con i cani cinesi del nord prima di procedere verso le Americhe. I ricercatori hanno fatto affidamento sul DNA mitocondriale, sul DNA del cromosoma Y e sul DNA nucleare per raggiungere le loro conclusioni, che dicono rivelano la storia dei primi viaggi di cani in tutto il mondo.

La parte di questa ricerca con la data e il luogo di origine ha attirato i titoli non appena è stato rilasciato senza menzionare la presenza nei Monti Altai di un cosiddetto cane incipiente. I resti parziali di questo animale sono stati trovati nella grotta di Razboinichya e datati a 33.000 anni fa. Sicuramente, la presenza di questo animale richiede almeno una nota a piè di pagina nel "definitivo" nuovo lavoro, anche se è stato detto che non ha contribuito con alcun gene ai cani moderni.

Nessuno dei resoconti che ho visto fa molta della generale assenza di prove fisiche di cani e lupi nell'Asia meridionale 33.000 anni fa, né c'è una spiegazione per il divario di 18.000 anni tra l'emergenza dei cani nel sud-est asiatico e il loro arrivo a il Medio Oriente. I 5.000 anni dal Medio Oriente all'Europa sono altrettanto dispersi. Questi nuovi arrivati ​​sarebbero arrivati ​​dopo che i cani esistevano già in Europa, ma come potrebbe essere, dal momento che questi viaggiatori erano discendenti del primo e unico cane, secondo i ricercatori, non è spiegato.

È comune nelle relazioni sul tempo e sul luogo di emergenza dei cani aggiungere quello che è noto come linguaggio di lingua nazionale, sostenendo che il modo in cui la trasformazione è avvenuta è stato concordato dalla maggior parte degli scienziati. Non ho visto nessun sondaggio sulla questione, ma anche se fosse soggetto al consenso scientifico, ciò non significa che sia vero. La storia della scienza è disseminata di saggezza ricevuta, verità di consenso che hanno fallito, comprese quelle riguardanti i cani.

Fino a poco tempo fa, ad esempio, l'assoluta "verità" sulle origini del cane riteneva che i lupi che si stavano chinando nella discarica del villaggio mesolitico fossero autorizzati a rimanere indisturbati dagli umani solo se erano docili o mansueti nei loro confronti. Nel corso del tempo, quei lupi auto-selezionati si sono ibridati e sono diventati una popolazione di quelli che ho chiamato snocciolando i sommozzatori che si insinuavano nelle vite degli abitanti del villaggio.

Quella narrazione aveva molti difetti, ma vacillò quando divenne chiaro che i cani non provenivano da villaggi mesolitici semi-permanenti, ma dentro e intorno agli accampamenti di cacciatori e raccoglitori paleolitici. Il racconto sostitutivo è ancora in fase di revisione, ma ecco il riassunto di James Gorman per il New York Times: "Immagina che alcuni lupi antichi fossero un po 'meno timidi nei confronti dei cacciatori nomadi e scavassero regolarmente dalle loro uccisioni e dai campi e gradualmente si evolvessero per diventare domatori e domatori , producendo un sacco di prole a causa delle raccolte relativamente facili. Ad un certo punto, sono diventati il ​​mendicante agitatore della coda ora celebrato come il migliore amico dell'uomo. "

Da un certo punto di vista, ciò rappresenta un miglioramento rispetto alla versione precedente, ma è degno di nota per la sua vaghezza e l'uso sciatto del linguaggio – essere meno "timidi" non significa essere "domatore", ad esempio, e essere "domatore" non è necessariamente quello di diventare "un mendicante che scodinzola". Se già stavano scavando con successo dentro e attorno a siti e campi, perché dovevano essere sottoposti a pressioni per cambiare così drasticamente la loro natura? Gorman invoca l'evoluzione, ma la sua narrazione richiede l'accettazione della nozione che i cani "si sono inventati", come se un gruppo di lupi decidesse a un certo punto di ignorare la selezione naturale e dirigere la propria evoluzione, o risultasse da un'esperienza di conversione o da un magico incantesimo. In ogni caso, passano dall'essere esseri liberi a mendicanti muti. Gorman scivola oltre il meccanismo per la trasformazione del lupo in cane mentre suggerisce che il suo principale vantaggio era liberare i cani dai pericoli della caccia "alci" – non un favorito dei lupi nella maggior parte della loro portata storica – ma la retorica conta più di i fatti nella sua discussione sul lupo convertito che sotto le spoglie dell'amorevole "cane di casa" si è evoluto in un "parassita". Attribuisce questa descrizione a Raymond Coppinger, professore emerito di biologia all'Hampshire College.

Coppinger ha fatto questa discussione per anni nei libri e nelle interviste ai giornalisti. Se Gorman prende il comando da Coppinger o da qualcun altro per la discussione che segue non riesce a dire, ma afferma che la maggior parte del miliardo di cani stimati nel mondo sono cani da strada che fanno razzie su una vita marginale intorno agli insediamenti umani fino a quando qualcuno ogni tanto li fa scivolare un boccone. Non formano pacchetti. Sono assolutamente promiscui. I maschi non contribuiscono alla crescita dei loro cuccioli. Gorman e la sua fonte dovrebbero impiegare un po 'di tempo per rivedere la crescente letteratura sui cani randagi e la varietà di comportamenti e strutture sociali che si trovano in quello che è il più grande gruppo al mondo di carnivori medio grandi. Cani liberi e tutela della fauna selvatica , a cura di Matthew E. Gompper, è un buon punto di partenza. Oppure può considerare il lavoro sui cani indiani di razza libera di SK Pal. Pal scoprì che tutte e sei le femmine del suo studio esercitavano almeno un certo grado di scelta negli amici, mentre 4 delle 6 femmine erano monogame. Tutti hanno nutrito i loro cuccioli attraverso l'allattamento e il rigurgito. Quattro padri / compagni sono rimasti con le figliate e hanno agito come guardie, proteggendoli fisicamente, se necessario, e anche nutriti con rigurgitare il cibo.

Gorman e la sua fonte potrebbero anche considerare il rapporto tra cani del villaggio e umani, che è spesso più complesso di quanto dimostrino le spiegazioni semplicistiche.

In effetti, nell'ampio gruppo di cani liberi sono quelli, come i dingo, che sono animali selvatici, ma che comunque hanno una relazione continua con gli umani. Il rapporto tra dingo e certi gruppi di aborigeni, infatti, serve da modello per quello di certi lupi e uomini paleolitici.

L'articolo di Gorman riflette l'inesatta assunzione che i lupi e gli umani siano stati nemici dal primo incontro perché i lupi rappresentano un pericolo reale e presente; così, per avere accesso al campo umano e alla riserva di cibo, dovevano contenere se stessi, per diventare qualcos'altro.

Gli umani temono e detestano il Lupo Cattivo, ci viene detto, e gli umani potrebbero portarli nei loro campi e nelle loro case solo se fossero trasformati. È improbabile perché i cacciatori e raccoglitori del Paleolitico erano con ogni probabilità degli animisti che intrecciavano ogni cosa con uno spirito nella natura , un essere. Portavano abitualmente gli animali a casa e in alcuni numeri se l'animale era importante nella loro vita. I lupi erano importanti nel localizzare la preda perché i cacciatori potevano seguirli da soli o seguendo i corvi che uccidono i lupi. I cuccioli di lupo, non importa quanto desideriamo negarlo, sono carini. Ciò che deve essere esplorato è il modo in cui il periodo di socializzazione naturale nei lupi e negli umani, che ha permesso l'accettazione dell '"altro" come una delle tue "tribù", è stato considerevolmente esteso. L'etologo austriaco Wolfgang Schleidt ha suggerito che le madri che allattano nel villaggio debbano essere state coinvolte come balie per giovani cuccioli. In alcuni casi formerebbero forti legami. È anche chiaro che alcuni lupi adulti sono più curiosi e senza paura nell'avvicinarsi e persino a formare una relazione con gli umani e i lupi non correlati rispetto ad altri. Ciò sembra particolarmente vero tra i lupi artici oggi che seguono le mandrie migratrici di caribù nell'Artico. Nel Pleistocene migrare mandrie e lupi in coda sarebbe stato più banale, pensate al bisonte delle Grandi Pianure. Alcuni di questi lupi sarebbero rimasti nei campi o nelle vicinanze e vi si sarebbero riprodotti; altri, meno accettando, si sarebbero chiesti, ma con il tempo avresti potuto avere un gruppo di compagni di viaggio. Dato il giusto mix di isolamento e consanguineità in una o più aree e un po 'di fortuna, potresti finire con alcuni animali all'estremità della scala di socializzazione, consentendo la formazione di potenti legami di attaccamento.

Il cane è il risultato di una interazione dinamica tra umani e lupi, due animali simili in così tanti modi che si sono affidati l'uno all'altro.

Solutions Collecting From Web of "I cani hanno impiegato 18.000 anni per raggiungere il Medio Oriente?"