I cani hanno il "Look of Love"?

Fonte: Licenza Creative Commons CC0

Ero seduto sul mio divano a leggere un articolo su un giornale scientifico quando alzai gli occhi per un momento. A pochi passi da me, il mio Cavalier King Charles Spaniel, Ripley, giaceva nel suo letto di cane e la sua testa spuntò. Mi ha guardato con i suoi grandi occhi scuri. Era solo uno sguardo di un cane giovane, ma in qualche modo mi faceva sentire caldo e amato. Tuttavia, pochi istanti dopo quella parte del mio cervello che si occupa di psicologia e ricerca è entrata in azione. Ho cominciato a chiedermi se anche altre persone percepissero lo stesso calore e la stessa sensazione di legame basato sul semplice contatto visivo con il loro animale domestico.

Ho lasciato il comfort del mio divano e ho iniziato a esaminare i miei file di ricerca, e in effetti c'era effettivamente qualche ricerca su questo argomento. Un gruppo di ricercatori che lavorano presso l'Università di Azabu in Giappone ha pubblicato il documento sulla rivista scientifica Ormoni e comportamento. Miho Nagasawa, Takefumi Kikusui, Tatsushi Onaka e Mitsuaki Ohta non erano disposti ad accettare semplicemente l'auto-segnalazione di persone come me che sentivano che il loro cane semplicemente guardandole le faceva sentire meglio. Invece andarono in caccia scientifica per vedere se potevano trovare qualche verifica chimica o ormonale.

Si scopre che gli psicologi dello sviluppo hanno già stabilito il fatto che lo sguardo, nel senso di stabilire un contatto visivo diretto, è un fattore importante nell'attaccamento tra una madre e il suo bambino. Quando un bambino osserva il proprio custode, viene interpretato come un'espressione di affetto o una richiesta di qualche tipo di interazione. Il legame con i cani deriva dal fatto che un sondaggio condotto dall'American Animal Hospital Association riporta che il 75% dei proprietari di cani considera i propri animali domestici come l'equivalente dei bambini piccoli. La maggior parte dei proprietari di animali domestici sembra trattare e rispondere ai segnali che i cani emettono nello stesso modo in cui rispondono ai segnali di un bambino.

L'esperimento progettato da questi ricercatori giapponesi era abbastanza semplice nella sua concezione, sebbene la misurazione e l'analisi effettive richiedessero sofisticazione tecnica. Cinquantacinque persone e i loro cani da compagnia hanno prestato servizio come partecipanti. Per prima cosa hanno preso un questionario che ha valutato quanto fosse forte il loro legame con il loro cane in termini di sentimenti di soddisfazione e quanto spesso comunicavano con il loro cane. Sulla base di questo questionario, gli individui con legami forti erano separati da quelli con legami più deboli verso i loro animali domestici.

Ora qui è dove arriva la sofisticazione. Questo team scientifico ha deciso che avrebbero usato la concentrazione di ossitocina come indicatore per l'affetto. L'ossitocina è un ormone che molti ricercatori ritengono sia associato alle interazioni sociali e all'affetto. Alcuni sono andati fino a chiamarlo "l'ormone dell'amore". La concentrazione di ossitocina è stata ottenuta nell'urina dei partecipanti umani, che è stata raccolta prima e dopo ogni sessione di test.

L'esperimento ha coinvolto due condizioni, una in cui il cane e il suo proprietario erano autorizzati a interagire. L'umano non poteva muoversi ma doveva rimanere nella sua sedia ma potevano parlare con il cane, dargli istruzioni, come semplici comandi, e stabilire un contatto visivo con il cane. Nella condizione di controllo il cane e la persona si trovavano entrambi nella stessa stanza, ma all'uomo fu ordinato di non fare alcun contatto visivo con il cane. La quantità effettiva di contatto visivo tra cane e proprietario è stata valutata da una videoregistrazione delle interazioni.

I risultati sono stati interessanti. Ci si aspettava che il livello di ossitocina nell'uomo aumentasse in base al cane e al proprietario che creava un contatto visivo, e lo fece, ma solo per il gruppo che aveva il legame più forte, cioè per i proprietari che comunicavano più frequentemente con il loro cane e feltro più soddisfatto con il loro animale domestico. Quei proprietari con legami più deboli verso il loro cane non sembravano beneficiare dei cani che li osservavano.

I cani che erano ben legati ai loro proprietari tendevano a guardarli molto di più, e i dati confermavano che più guardavano i loro proprietari più alti i livelli di ossitocina aumentavano, suggerendo che i sentimenti di benessere del loro custode umano, e di essere amato, stavano anche sorgendo.

Quindi la linea di fondo sembra essere che i cani hanno uno "sguardo d'amore" che può strattonare le corde del cuore e farti sentire meglio, ma solo se hai già un legame affettuoso con quel cane.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata , ripubblicata senza autorizzazione

Solutions Collecting From Web of "I cani hanno il "Look of Love"?"