I cani amano le persone più di loro amano gli altri cani?

I nostri cani domestici non sono lupi e alcune prove interessanti sulla differenza tra cani e lupi provengono dal modo in cui formano attaccamenti con altri esseri viventi. Può anche darsi che abbiamo allevato in modo selettivo i cani per amare gli umani più di quanto amino gli animali della loro stessa specie. Uso la parola "amore" anche se gli psicologi e i biologi comportamentali tendono a rifuggire dalla parola e preferiscono termini come "attaccamento" o "legame". Molti scienziati hanno la sensazione che la parola "amore" sia riservata ai poeti e ai cantautori, piuttosto che ai ricercatori dal naso duro. Inoltre, un certo numero di ricercatori che accettano l'amore come un sentimento valido per fare riferimento agli umani, hanno ancora dubbi sul fatto che i cani possano effettivamente provare quella stessa emozione.

Elements from Clipart division of Vital Imagery
Fonte: elementi della divisione Clipart delle immagini vitali

Come spesso accade, spesso siamo portati a conclusioni errate sulla natura del comportamento del cane sulla base delle osservazioni dei lupi in cattività. Nell'ultimo mezzo secolo è diventato un luogo comune presumere che, dal momento che i cani erano probabilmente addomesticati dai lupi, otteniamo uno sguardo più chiaro e privo di distorsioni sulle naturali predisposizioni comportamentali dei cani osservando cosa fanno i lupi. Quindi è risaputo che i lupi che sono isolati dagli altri membri del loro branco diventano ansiosi. Se sono in ambienti non familiari sembrano trarre conforto dall'avere membri del loro branco attorno a loro. Inoltre, i lupi raramente formano legami stretti con i loro rapitori umani. Da questo la gente ha assunto che i cani si legano naturalmente con altri cani, e il loro attaccamento alle persone è secondario.

Recentemente ho riscoperto un rapporto di ricerca che era stato pubblicato sul Journal of Comparative Psychology da un gruppo di ricerca guidato da Michael Hennessey della Wright State University, insieme ad alcuni scienziati della Ohio State University (David Tuber, Suzanne Sanders e Julia Miller). Questo studio mostra quanto siano diventati addomesticati i nostri cani e come il loro orientamento sembra essersi spostato più verso gli umani che verso gli altri cani.

Gli animali coinvolti in questa ricerca erano otto cani di razza mista che avevano tra 7 e 9 anni. Avevano vissuto come coppie di cucciolate in canile da quando avevano otto settimane. Tutti questi cani erano stati pienamente socializzati quando erano giovani e erano piuttosto a proprio agio con le persone. Erano stati assistiti da un custode che, almeno per quanto riguardava i cani, era il loro proprietario. Il fattore importante per noi è che quando l'esperimento ebbe inizio, questi cucciolati non erano stati separati l'uno dall'altro (neanche per pochi minuti) nei due anni precedenti, e raramente erano stati separati durante tutta la loro vita.

Per testare il loro attaccamento l'uno all'altro, un membro di ciascuna coppia è stato rimosso dal canile per quattro ore e l'animale rimanente è stato osservato. Se allontani un cucciolo dai suoi compagni di figlia, di solito piagnucola e agisce in difficoltà fino a quando non si ricongiunge ai suoi compagni di cucciolata, tuttavia questi cani adulti, quando lasciati soli nella loro cuccia, non mostrano alcuna prova di ansia. Raramente hanno abbaiato o stimolato, e il livello dell'ormone dello stress, il cortisolo, nel loro sangue non è cambiato a causa della loro separazione dal loro compagno di kennel. Questo era vero finché il cane rimanente era rimasto nella sua penna familiare.

La situazione era abbastanza diversa quando i cani venivano sistemati da soli in un canile sconosciuto. Ora mostravano chiaramente segni di disagio e apprensione. Sono diventati agitati e il loro livello di ormone dello stress è aumentato di oltre il 50 percento. La scoperta più importante è che questo aumento dell'ansia è avvenuto indipendentemente dal fatto che il cane fosse da solo o se fosse stato spostato nel luogo non familiare in compagnia del suo compagno di allevamento. In questo posto non familiare i cani non interagivano molto e non sembravano trarre conforto dalla presenza del loro partner abituale, come dimostrato dal livello di ormone dello stress nel sangue.

La situazione era piuttosto diversa, tuttavia, quando il loro custode umano sedeva tranquillamente con ogni cane in questa nuova e strana situazione. In queste circostanze il cane sarebbe rimasto vicino all'umano e avrebbe cercato di fargli interagire e prendere contatto. In risposta a questo comportamento di ricerca del comfort, il custode avrebbe accarezzato brevemente il cane. Questa interazione con un essere umano sembrava essere sufficiente a ridurre quasi completamente il livello di ansia dei cani. Ciò è stato verificato dal fatto che il livello di ormone dello stress è rimasto molto vicino alla norma in presenza della persona.

La conclusione che si può trarre da questo è che questi cani si comportavano come se avessero un legame più forte con il loro custode umano, quindi con il loro fratello o sorella, nonostante il fatto che fossero stati in compagnia di quel cane per tutta la vita. Questo era vero anche se questi cani non hanno condotto lo stesso tipo di esperienza di vita di un cane domestico, e quindi non hanno avuto continui contatti intimi con i loro proprietari umani.

Se vogliamo fare un paragone tra cani e lupi basato su questa ricerca, sarebbe da notare che i cani, come i lupi, hanno territori, almeno nel senso che si sentono più a loro agio quando si trovano in luoghi familiari. Sappiamo che in natura i lupi possono spostarsi in posti nuovi senza alcun aumento dei loro livelli di stress, purché siano in compagnia di membri del loro branco. Lo stesso vale per i cani, tuttavia sembra che il membro del branco più significativo sia un essere umano (di solito il proprietario del cane) e non un altro individuo della sua stessa specie. Per la maggior parte dei cani il loro proprietario è stato una caratteristica costante nelle loro vite da quando erano cuccioli. Sembra che non solo alleviamo i cani ad accettare cani ed esseri umani come partner sociali rilevanti, ma considerare gli umani come socialmente più significativi di altri cani.

Ciò ha importanti implicazioni per quando i cani vengono re-homed. I rifugi spesso sentono che i cani che hanno vissuto insieme in coppia devono essere adottati solo in una nuova casa che è disposta a prendere entrambi i cani. Se estrapoliamo dalla presente ricerca, questa sembra una pratica inutile, purché la casa a cui ogni cane va ha un individuo umano con cui il cane può legarsi. Fortunatamente la ricerca ha dimostrato che i cani possono legarsi rapidamente con un nuovo essere umano basandosi su pochi minuti di attenzione amichevole per un paio di giorni.

I cani non sono lupi. Ora disponiamo di dati che suggeriscono che abbiamo allevato selettivamente il cane domestico in modo che sia fortemente prevenuto ad amare gli umani (o almeno un essere umano) più fortemente di quanto non piaccia agli altri cani.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: Born to Bark, The Modern Dog, Why Do Dogs Have Wet Noses? Le impronte della storia, come pensano i cani, come si parla il cane, perché amiamo i cani Facciamo, cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani, perché il mio cane agisce così? Comprensione dei cani per i manichini, i ladri del sonno, la sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

Solutions Collecting From Web of "I cani amano le persone più di loro amano gli altri cani?"