I benefici terapeutici della scrittura di un romanzo

Quando mio marito è morto improvvisamente nel 2001, non avevo mai sentito parlare di scrittura espressiva. E tu sai cosa? Non avrebbe avuto importanza se avessi avuto. Tre mesi di gravidanza, aver cresciuto un bambino di tre anni e improvvisamente una vedova, l'ultima cosa che volevo fare era passare un solo secondo minuto di diario su come mi sentivo. Senza offesa per il dottor Pennebaker, il fondatore del movimento di scrittura espressiva. È solo che non potrei sopravvivere rivivendo il dolore del suicidio di mio marito, non allora, non per conto mio. Avevo bisogno di convertirlo, confezionarlo e spedirlo via.

Così ho iniziato a scrivere fiction.

Trovavo tasche e angoli di tempo, e in esse ho iniziato a creare un mondo dove c'era la morte, ma c'era anche giustizia. Risposte. Alleati. Chiusura. Il risultato finale fu May Day, che divenne il mio primo romanzo pubblicato. Non avevo deciso di scrivere un mistero. È solo che ho avuto queste domande, questa vergogna, questa paura, e avevo bisogno di togliermelo dalla testa o mi avrebbe distrutto. Incanalarlo in finzione sembrava il metodo più sicuro.

E tu sai cosa? Non solo ho creato un libro pubblicabile. Ho iniziato a guarire.

La ricerca ti direbbe che stavo esternando la storia, abituandomi ad essa, inoculandomi contro il profondo dolore esponendomi ad essa in piccole dosi controllate. Tutto quello che sapevo era che il mio cervello non girava tanto e stavo cominciando a sentirmi di nuovo, anche se erano le emozioni dei personaggi immaginari. A poco a poco, stavo ritagliando un nuovo spazio per i pensieri che non riguardavano la morte o la depressione. Attraverso il delicato ma impegnativo esercizio di scrivere un romanzo, stavo imparando a controllare le storie, che è ciò che sono le nostre vite, storie.

Shutterstock Image
Fonte: immagine di Shutterstock

La guarigione che ho sperimentato ha senso quando si considera la scoperta del Dr. Pennebaker che due elementi sopra ogni cosa aumentano il valore terapeutico della scrittura: creare una narrativa coerente e una prospettiva mutevole. Questi non sono casualmente i capisaldi del racconto e del romanzo. Gli scrittori chiamano trama e punto di vista.

Sono venuto a chiamare questo processo di guarigione "riscrivendo la mia vita", mentre stavo prendendo eventi reali e li ho riutilizzati per adattarli a una narrativa fittizia. Il potere di questo processo è trasformativo. Scrivere fiction ti permette di diventare uno spettatore dei mari più impervi della vita. Dà forma ai tuoi pensieri erranti, presta empatia alla tua prospettiva, ti permette di coltivare la compassione e la saggezza prendendo in considerazione le motivazioni altrui e ci fornisce la pratica per controllare l'attenzione, l'emozione e il risultato. Guariamo quando trasmutiamo il caos della vita nella struttura di un romanzo, quando impariamo a camminare attraverso il mondo come osservatori e studenti piuttosto che feriti, quando facciamo delle scelte su quali parti di una storia sono importanti e su cosa possiamo lasciare andare di.

In base al numero di persone che si sono allineate dopo i miei seminari di scrittura per una parola privata o che mi contattano online, so di non essere solo. Ci sono molti di noi che hanno bisogno di elaborare la nostra spazzatura in modo che possiamo scegliere una vita migliore, ma chi non può sopportare l'idea di scrivere memorie, sia perché siamo troppo vicini al trauma, non vogliamo ferire o essere ferito da coloro di cui stiamo scrivendo, o semplicemente preferiamo il veicolo della finzione.

Non sono il primo scrittore a scoprire questo processo di guarigione.

David Copperfield di Charles Dickens è il suo pubblico alle prese con alcune delle sue esperienze di infanzia più ossessionanti, tra cui una relazione complicata e inquietante con suo padre. Oltre a Dickens che dichiara David Copperfield il suo più autobiografico e preferito di tutti i romanzi che ha scritto, The Guardian lo colloca al numero 15 in una lista dei 100 migliori romanzi della storia. Tim O'Brien è un veterano della guerra del Vietnam di cui The Things They Carried parla di un veterano della guerra del Vietnam di nome Tim O'Brien. Il lavoro è finzione. Egli fonde qualcosa di fondamentale, qualcosa di quasi mistico nel cuore della riscrittura della tua vita, quando scrive nel suo libro più famoso: "Una cosa può accadere ed essere una bugia totale; un'altra cosa potrebbe non accadere ed essere più vera della verità. " The Things They Carried ha venduto oltre 2 milioni di copie a livello internazionale, ha vinto numerosi premi ed è un alimento di classe inglese.

Isabel Allende fu la prima scrittrice a trattenermi in una frase, rapita e meravigliosa. Non sorprende che la sua scrittura più trasformativa scaturisca dall'angoscia personale. Il suo primo libro, The House of the Spirits , iniziò come una lettera al suo nonno morente che non riuscì a raggiungere in tempo. Eva Luna , uno dei miei libri preferiti di tutti i tempi, parla di un'orfana che usa il suo talento narrativo per sopravvivere e prosperare tra i traumi, e Allende si riferisce al potere trasformativo della scrittura in molte delle sue interviste. I libri di Allende hanno venduto oltre 56 milioni di copie, sono stati tradotti in oltre 30 lingue e trasformati in opere e film di successo. Questo è il potere di scavare nel profondo.

Il romanzo a cuore di Nora Ephron Heartburn è un racconto romanzato acutamente divertente del matrimonio di Ephron con Carl Bernstein. Non riusciva a controllare il suo imbroglio durante la gravidanza o il successivo scioglimento del loro matrimonio, ma attraverso la novelizzazione della sua esperienza, riuscì a rivedere il finale di quella particolare storia. In Heartburn , Rachel, il personaggio basato su Ephron, viene chiesto da un amico perché deve fare di tutto una storia. La sua risposta parla direttamente al potere di narrare la tua vita: "Perché se racconto la storia, controllo la versione. Perché se racconto la storia, posso farti ridere, e preferirei farti ridere di me piuttosto che dispiacerti per me. Perché se racconto la storia, non fa tanto male. Perché se racconto la storia, posso andare avanti. " Heartburn è il primo romanzo pubblicato da Ephron. Oltre ad essere un bestseller, la sua sceneggiatura è stata trasformata in un successo al botteghino con Meryl Streep e Jack Nicholson.

Questa alchimia di trasmutare-dolore-in-oro non è la competenza di un gruppo elitario di autori dotati e ben preparati che sono nati con la penna in mano. Quando scrissi May Day , avevo una laurea in inglese ma non avevo mai frequentato un corso di scrittura di romanzi. Non conoscevo nemmeno le basi per scrivere una breve storia, per non parlare dell'incontro con una persona che in realtà scriveva libri. Inoltre, vivevo nel Minnesota rurale e, pre-Internet (almeno dove vivevo), non avevo accesso a gruppi di scrittura. Mi sono insegnato a scrivere un romanzo.

Né è il potere terapeutico della scrittura romanzo esclusivo per coloro che hanno vissuto un trauma profondo. La dottoressa Pennebaker ha scoperto che la scrittura diretta ed espressiva è benefica per tutti, incontrandoci dove siamo, se stiamo facendo i conti con un pendolarismo difficile, lottando contro un fastidioso collega, navigando in un divorzio o affrontando un profondo dolore o PTSD .

Conari Press, used with permission
Fonte: Conari Press, usato con permesso

Non devi neanche voler pubblicare ciò che scrivi, e in effetti va bene se non lo fai. Se cominci dal punto di vista che la tua scrittura è privata, ti dai il permesso di scrivere liberamente e con integrità senza inquinare la tua storia con le volubili richieste del mondo dell'editoria, perché qui è la verità: non importa se masterizzi il romanzo secondo, finisci di scriverlo Puoi anche lanciarlo in aria, bruciare ancora, sparare proiettili, versare acido su di esso quando cade e seppellire le ceneri. Potrai comunque raccogliere tutti i benefici fisici e psicologici della scrittura. Il balsamo e l'intuizione si trovano nell'esternalizzare e controllare la storia, non nel mostrarla agli altri.

Se e quando deciderai di pubblicare, però, avrai qualcosa di genuino e potente da offrire al mondo. Dickens, O'Brien, Ephron, Allende e centinaia di altri autori di best seller hanno creato storie avvincenti perché li hanno portati da un luogo di verità, vulnerabilità ed esperienza. Trasformare i momenti cruciali in un romanzo non è solo rigenerativo per lo scrittore, è glorioso per il lettore. Quella autenticità crea una storia indelebile.

Non devi credere nulla di tutto ciò.
Devi solo farlo.
Questo è il potere della scrittura.

Il libro di Jessica Lourey (fa rima con "dowry"), Riscrivi la tua vita: scopri la verità attraverso il potere curativo della finzione , l'unico libro che ti mostra come trasformare i tuoi fatti in un romanzo avvincente e curativo, è uscito adesso. Jessica è un professore di ruolo di scrittura creativa e sociologia e ha tenuto il TEDx Talk "Rewrite Your Life" del 2016. Puoi saperne di più su www.jessicalourey.com.

Solutions Collecting From Web of "I benefici terapeutici della scrittura di un romanzo"