I benefici per la salute della luce

Come funziona la terapia della luce

La luce di diverse intensità e colori è usata nella biomedicina convenzionale e in molti sistemi di medicina non convenzionale per curare sia i disturbi medici che psichiatrici. Sono probabilmente coinvolti diversi meccanismi di azione, tra cui la regolazione della melatonina e dei neurotrasmettitori. Trascinamento dei cicli sonno-veglia da segnali luminosi esterni e la soppressione associata della produzione di melatonina da parte della ghiandola pineale è il meccanismo d'azione stabilito alla base dei benefici terapeutici dell'esposizione alla luce sul sonno e sull'affaticamento durante il giorno.

Terapia della luce intensa per l'umore depresso

L'esposizione alla luce solare naturale, soprattutto al mattino presto, ha significativi benefici antidepressivi e può ridurre la durata delle degenze in pazienti gravemente depressi che sono ricoverati in ospedale. Una revisione sistematica di studi controllati ha confermato un effetto antidepressivo di esposizione alla luce brillante (10.000 lux) in condizioni di umore depresso stagionale, ma ha fornito solo prove limitate a sostegno della luce intensa come trattamento dell'umore depresso non stagionale. Una più recente meta-analisi di studi controllati ha concluso che l'esposizione alla luce intensa o la simulazione dell'alba per l'umore depresso stagionale e l'esposizione alla luce intensa (ma non all'alba) per la depressione non stagionale avevano un'efficacia paragonabile agli antidepressivi. I risultati di un piccolo studio randomizzato controllato hanno suggerito che la terapia con luce intensa potrebbe essere un'alternativa efficace agli antidepressivi nelle donne depresse in gravidanza.

Luce rossa o blu attenuata per l'umore depresso stagionale

Studi recenti hanno suggerito che l'esposizione regolare alla luce rossa o blu fioca potrebbe essere efficace come la luce intensa, specialmente nella gestione dell'umore stagionale depresso. In uno studio in singolo cieco di quattro settimane (57 soggetti), i pazienti con diagnosi di disturbo affettivo stagionale (SAD) sono stati randomizzati alla luce intensa giornaliera rispetto all'esposizione alla luce rossa debole. Entrambi i gruppi hanno sperimentato una riduzione equivalente e significativa (40%) dei sintomi. I risultati preliminari suggeriscono che gli effetti antidepressivi dell'esposizione mattutina alla luce blu o verde a spettro stretto possono essere equivalenti ai benefici ottenuti dall'esposizione alla luce intensa a spettro completo. L'esposizione dei pazienti depressi alla luce artificiale a bassa intensità circa due ore prima che fossero esposti alla luce del mattino presto aumentava la velocità di risposta agli antidepressivi convenzionali. Trenta pazienti ricoverati trattati con citalopram a 40 mg al giorno sono stati randomizzati alla luce verde tenue del mattino presto, 400 lux, rispetto a un dispositivo fittizio non emettente luce durante le prime due settimane di trattamento farmacologico. I pazienti nel gruppo di esposizione alla luce combinato con citalopram hanno riportato miglioramenti dell'umore significativamente maggiori e più rapidi rispetto al gruppo con solo citalopram. Non sono stati segnalati effetti avversi con esposizione regolare alla luce fioca.

Terapia della luce per i disturbi del sonno

Un rapporto di consenso esperto sul trattamento leggero per i disturbi del sonno ha concluso che vi sono prove convincenti dell'efficacia dell'esposizione alla luce intensa nella gestione dei problemi del sonno del ritmo circadiano, ma non per altri tipi di insonnia. La maggior parte dei protocolli consiglia giornalmente da 30 a 40 minuti di esposizione alla luce intensa per effetti benefici nello spostamento dei ritmi circadiani e nel cambiamento dei cicli sonno-veglia. Gli effetti benefici della terapia con esposizione alla luce intensa di solito si notano in pochi giorni e un piano di trattamento appropriato spesso risincronizza il ciclo sonno-veglia del paziente con il proprio fuso orario in due o tre settimane. La corretta tempistica dell'esposizione alla luce è essenziale per il successo del trattamento dei problemi circadiani del sonno e l'esposizione alla luce intensa tra le ore della tarda mattinata e del tardo pomeriggio probabilmente non ha alcun effetto sulla fase del ritmo circadiano. I risultati preliminari suggeriscono che la melatonina utilizzata in combinazione con l'esposizione alla luce intensa può ottenere una più rapida normalizzazione del ciclo sonno-veglia.

Problemi di sicurezza

Gli individui interessati a provare la terapia della luce per l'umore depresso o un disturbo del sonno dovrebbero evitare l'uso di lampade solari (che emettono raggi ultravioletti nocivi) e tenere gli occhi aperti mentre si osserva la luce con un angolo obliquo (circa 45 gradi) per evitare un eccessivo affaticamento della vista. Alcune persone esposte a luce solare del mattino a 10.000 lux su base regolare riportano effetti collaterali transitori, inclusi lievi nervosismi o mal di testa (10 percento) e lieve nausea (16 percento). Sono stati segnalati casi sporadici di ipomania, specialmente nei depressivi invernali o nei pazienti bipolari esposti alla luce intensa del primo mattino. Quasi i due terzi dei pazienti che utilizzano la terapia di esposizione alla luce intensa la sera segnalano l'insonnia.

Solutions Collecting From Web of "I benefici per la salute della luce"