I batteri dell'intestino sono progettati per uccidere i più grandi?

Carolyn Bohach, un microbiologo dell'Università dell'Idaho, stima che ci siano 10 volte più cellule batteriche nel tuo corpo rispetto alle cellule umane. Sebbene siano più piccole delle cellule umane e pesano solo l'1-3% del nostro peso corporeo, le 500-1000 specie di batteri che abitano il nostro corpo si sono evolute con noi per milioni di anni.

Anche se i batteri sono dappertutto nel nostro corpo – dentro e fuori – vediamo come mantiene l'equilibrio in particolare nell'intestino umano. Ci sono meno cambiamenti fisici nel sistema gastrico degli anziani rispetto a qualsiasi altro sistema nel corpo. Anche se lo stomaco perde la sua elasticità e potrebbe essere più soggetto a danni, principalmente a causa dell'assunzione di alcuni farmaci, l'intestino tenue e crasso, il pancreas, il fegato e la cistifellea cambiano in minima parte con l'età. I principali cambiamenti nel nostro stomaco provengono da batteri che abitano questo mondo interno.

Nell'intestino ci sono 100 trilioni di microrganismi che si attivano nella fermentazione, uccidendo altri batteri e virus dannosi, migliorando il nostro sistema immunitario e producendo vitamine e ormoni. Questa attività batterica è così necessaria all'organismo che il loro risultato, funziona come un organo indipendente, un organo virtuale "dimenticato". Qui, i batteri aiutano a estrarre energia e sostanze nutritive dal nostro cibo. Questa condivisione di benefici mostra esperimenti in cui i roditori privi di batteri devono consumare quasi un terzo in più di calorie rispetto ai roditori normali per mantenere il loro peso corporeo. Meno ben capito è il ruolo dei funghi e dei protozoi che fanno parte di questo mondo nascosto nel nostro intestino.

Nel 2012 Marcus Claesson e Ian Jeffery dell'University College Cork in Irlanda e dei loro colleghi, hanno riportato questo mondo nei nostri cambiamenti intestinali tra alcuni adulti più anziani, e hanno correlato i cambiamenti nel tipo di batteri con fragilità e mortalità. Hanno scoperto che gli anziani istituzionalizzati hanno un batterio diverso nell'intestino rispetto agli anziani della comunità e ai giovani. E hanno messo in relazione questo cambiamento nei batteri – causato da una dieta ristretta – a diventare fisicamente più deboli.

Ma è stato solo nel 2014 che Martin Blaser della New York University e Glenn Webb della Vanderbilt University di Nashville, nel Tennessee, hanno affermato che i batteri uccidono gli adulti più anziani. Sostengono che i moderni problemi medici, come il cancro precoce indotto dall'infiammazione, la resistenza alle malattie infettive e le malattie degenerative sono in risposta ai cambiamenti batterici quando invecchiamo e questo ha una causa evolutiva. Utilizzando modelli matematici gli autori mostrano come i batteri si sono evoluti perché hanno contribuito alla stabilità delle prime popolazioni umane: migliorare la sopravvivenza dei giovani adulti aumentando la vulnerabilità degli anziani. Un tale processo evolutivo ha dei vantaggi, ma nel mondo moderno – sostengono – l'eredità dei batteri ora è un peso per la longevità umana. Sebbene questo modello matematico abbia molti difetti, in primo luogo la teoria della pleiotropia antagonista e che ci siano altri fattori, diversi dai batteri, responsabili di malattie specifiche, consente ai gerontologi di vedere l'invecchiamento come un equilibrio, non come un evento tutto o niente.

I batteri sono necessari per bilanciare le attività biologiche nel nostro corpo umano. In un esempio, gli scienziati stanno usando i batteri che causano il botulismo per sradicare i tumori. Mentre in un altro esempio, Linlin Guo e i suoi colleghi del Buck Institute for Research on Aging in California, hanno aumentato la durata della vita nelle mosche alterando i batteri nel loro intestino. Sembra che i batteri formino un sistema importante nel corpo che potrebbe avere ripercussioni sulla nostra longevità. Il nostro corpo è un universo di attività organica e stiamo ancora imparando a conoscere questo miracolo interiore.

© USA Copyrighted 2014 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "I batteri dell'intestino sono progettati per uccidere i più grandi?"