I ballerini sono fantastici

Nel 1987 stavo lavorando in una mostra professionale a Londra, in Inghilterra. Ero circondato da attori, musicisti e ballerini e mi è venuto in mente, in un lampo di polvere magica di Abanazar, che i ballerini sono fantastici. Non solo fantastico, ma davvero sorprendente.

Prima di uno spettacolo, i musicisti ricevono lo spartito, praticano e poi, nella notte dello spettacolo, sotto la guida di un direttore d'orchestra, suonano i loro strumenti musicali con una copia stampata della musica davanti a loro. Il lavoro dell'attore è leggermente più difficile. Prima di uno spettacolo, gli attori prendono la sceneggiatura e la leggono. Poi lo portano a casa e lo rilegano ripetutamente finché non lo imparano a memoria. Per la maggior parte del periodo di prove, gli è persino permesso di avere i loro copioni con loro. Anche durante la performance gli attori non hanno bisogno di preoccuparsi troppo di dimenticare le loro battute, dato che di solito c'è qualcuno seduto all'angolo che urla, in un sussurro teatrale, qualsiasi linea che sia stata dimenticata.

I ballerini, d'altra parte, devono fare qualcosa di completamente diverso. I ballerini devono imparare migliaia di sottili cambiamenti nella posizione del corpo semplicemente guardando qualcuno che dimostra questi movimenti. Non scrivono le mosse verso il basso, e non ricevono un libro con le loro e le mosse di tutti gli altri scritti. Immagina se attori o musicisti dovessero imparare le loro parti a memoria semplicemente guardando o ascoltando qualcun altro. Quando i ballerini tornano a casa alla fine delle prove devono fare pratica, ma non hanno nulla per ricordare loro le mosse di danza, oltre al loro fantastico ricordo. I ballerini di notte di spettacolo non hanno un direttore, come fanno i musicisti, per tenerli a tempo con gli altri ballerini, e non hanno qualcuno seduto fuori dal palco durante un'esibizione che ricorderà loro cosa verrà dopo, che dovranno fare tutto questo per se stessi, nella piena luce del pubblico.

Com'è possibile? È più facile ricordare in qualche modo il movimento di una serie di parole o note musicali? Io non la penso così, perché se lo fosse allora sicuramente i musicisti si limiterebbero a ricordare gli intricati movimenti associati al suonare certi brani musicali e farebbero a meno della musica cartacea. Detto questo, come non-musicista, quando penso a qualcuno che suona il violino, per esempio, penso al braccio che fa l'inchino come a una specie di danza.

Forse ballare con il corpo è in qualche modo "più facile" che imparare stringhe di parole scritte. Ancora una volta, non penso, quando guardo gruppi di ballerini, che siano ballerini classici indiani o una compagnia altamente coordinata di ballerini Hip Hop, sono colpito dalla complessità, coordinazione e precisione dei modelli di movimento. Questi ballerini non eseguono alcune sequenze semplicissime. Eseguono contemporaneamente migliaia di gesti individuali con diverse parti del loro corpo, e lo fanno esattamente nello stesso momento in cui altri ballerini eseguono determinati movimenti e coordinano le loro mosse con la musica.

Nessun conduttore, nessun suggerimento, solo straordinario.

Dott. Peter Lovatt
www.DanceDrDance.com

© Dott. Peter Lovatt.
Tutti i diritti riservati. 9 aprile 2010

Solutions Collecting From Web of "I ballerini sono fantastici"