I 2 elementi più critici di qualsiasi relazione

XiXinXing/Shutterstock
Fonte: XiXinXing / Shutterstock

Sembra che viviamo in un tempo polarizzato, con aspre divisioni basate su distinzioni politiche, razziali, religiose, etniche, di genere e di altro genere. O almeno sembra così se si presta attenzione alle notizie quotidiane. Anche l'inciviltà sembra essere più comune che nel passato – e tristemente, le persone sembrano essere più rapide ad essere insultanti, amareggiate, arrabbiate e comportarsi in comportamenti di bullismo.

Anche se non esiste un modo semplice per trasformare queste tendenze inquietanti in giro, potremmo essere in grado di ruotare in una direzione più produttiva. Fare ciò implica ricordare due parole chiave e filtrare tutto il nostro comportamento attraverso di loro ogni volta che interagiamo con gli altri, di persona o online. Queste parole dovrebbero essere usate come un mantram e come un principio di organizzazione e centratura. Sono rispetto e compassione .

Rispetto

Uno dei predittori evidence-based del conflitto relazionale, così come la conseguente frustrazione e aggressività, è sentirsi mancato di rispetto, o "dissentire". Essere trattati con rispetto e con dignità ha una lunga strada nelle relazioni interpersonali e tra gruppi. Persone e gruppi possono non essere d'accordo e non piacersi l'un l'altro, ma se sentono di essere rispettati dagli altri, possono evitare la polarizzazione aggressiva che vediamo così spesso oggi.

Mostrare un certo grado di rispetto per tutti è una strategia vincente per relazioni migliori. La prima regola di civiltà del presidente George Washington, nelle sue famose regole di civiltà e comportamento dignitoso in compagnia e conversazione , afferma: "Ogni azione svolta in azienda dovrebbe essere con un certo segno di rispetto, verso coloro che sono presenti".

Questo è un buon consiglio da un padre fondatore.

Compassione

Un altro predittore di conflitto relazionale basato sull'evidenza è la sensazione che gli altri non si preoccupino solo di te. Una mancanza di compassione, reale o percepita, può essere devastante. Esprimere compassione per gli altri – ancora, anche per coloro che non ti piacciono molto o che hanno poco in comune – può essere disarmante e aiutare a disinnescare conflitti, frustrazioni e aggressioni. Offrire un commento di sostegno e compassionevole o gestuale, verbale o non verbale, ha una lunga strada in tutte le relazioni.

Mentre trattare tutti con rispetto e compassione può sembrare ovvio o semplicemente un buon senso, in realtà non lo è: spesso le persone trovano difficile mettere in azione la pratica del buon senso. È particolarmente difficile farlo nel calore del momento. Persino l'American Psychological Association, il più grande gruppo di psicologi del mondo, si è sentito costretto a formare un gruppo di lavoro di educazione civica per convincere i suoi membri a comportarsi in un modo più civile che include rispetto e compassione reciproca. È notevole!

Rispetto e compassione dovrebbero essere usati come filtro comportamentale o mantram in tutte le nostre interazioni con gli altri, a casa, nel lavoro e nella sfera pubblica. Dovremmo filtrare il nostro comportamento online anche attraverso questo obiettivo, comprese le recensioni di Yelp, i commenti su Facebook o altri siti di social media.

Abbracciare rispetto e compassione e mettere questi principi nella pratica quotidiana, può migliorare tutte le nostre relazioni. E se mettere in risalto il rispetto e la compassione diventa la norma per le nostre interazioni reciproche, forse possiamo creare un clima e una cultura migliori per tutti.

Vale almeno la pena di provarlo, non credi?

Visita il mio sito Web e seguimi su Twitter @ThomasPlante.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, consultare:

  • Plante, TG (Ed.). (2015). La psicologia della compassione e della crudeltà: comprendere le influenze emozionali, spirituali e religiose. Santa Barbara, CA: Praeger / ABC-CLIO.
  • Plante, TG (2004). Fai la cosa giusta: vivere eticamente in un mondo immorale. Oakland, CA: New Harbinger.

Copyright 2016, Thomas G. Plante, PhD, ABPP.

Solutions Collecting From Web of "I 2 elementi più critici di qualsiasi relazione"