I 10 titoli di canzoni che catturano il dolore e la malattia cronici

Grazie a David Letterman per aver trovato la Top Ten List. Ecco la mia ultima voce (tra parentesi sono gli esecutori che associo alle canzoni, potrebbero non essere i compositori):

10. "Un bianco più chiaro di pallido" (Procol Harum)

Ancora non so a cosa si riferisca Procol Harum nel titolo di questa canzone, ma qualunque cosa sia, la vedo sullo specchio.

9. "Se i muri potessero parlare" (Koko Taylor)

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Molti anni fa, ho avuto l'esperienza indimenticabile di vedere la grande cantante blues Koko Taylor eseguire questa canzone in un piccolo cabaret. Ora, ogni volta che qualcuno mi dice "Ma tu non sembri malato", immagino che la pena è che lui o lei deve ascoltare le mie pareti parlare di come è la vita dentro casa mia: lo stato di "stordimento" ( come la chiamo How to Be Sick ), quando è difficile per me fare qualsiasi cosa se non fissare il soffitto; le ore a letto, incapaci di addormentarsi a causa di un sovraccarico di sintomi; e il modo in cui mi sento dopo essere tornato a casa dall'uscita in cui questa persona ignorante ma ben intenzionata mi ha detto che non sembravo male. Ah sì. Se i muri potessero parlare

8. "Heartbreak Hotel" (Elvis)

I primi anni dopo essere diventato cronicamente malato – che include il dolore cronico – ho trascorso molte notti nell'Heartbreak Hotel, pagando il conto con rabbia e auto recriminazione. Tutto ciò è stato fatto per assicurare che il mio soggiorno sarebbe stato prolungato per un'altra notte. Poi ho capito che non era colpa mia se ero malato e dolorante, poteva capitare a chiunque. Quello è stato il giorno in cui ho lasciato l'Heartbreak Hotel, anche se trascorro ancora la notte lì di tanto in tanto quando mi manca qualcosa che è davvero speciale per me.

7. "Ball and Chain" (Janis Joplin)

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Nel 1967, mentre guardavo Janis ipnotizzare tutti noi al Monterey Pop Festival con la sua straziante interpretazione di questa canzone di Big Mama Thornton, non avevo idea che la malattia cronica sarebbe diventata la mia palla al piede. Detto ciò che posso fare, dove posso andare, quanto tempo posso restare, quando mi siedo, quando mi stendo sdraiato. In una giornata molto brutta, quella palla al piede può farmi sentire come se …

6. "I Got Plenty O 'Nuttin'" (George Gershwin e DuBose Heyward, Porgy e Bess )

Sì, la malattia cronica può farmi sentire come se avessi un sacco di niente. Mi sono sentito così per molti anni di seguito. Poi ho scoperto che avevo ancora un sacco di 'sumtin'. Ho iniziato a trovarlo quando ho iniziato a curare questa malattia e le limitazioni che mi impongono come punti di partenza nella vita. "Inizia dove sei", come ha detto saggiamente l'insegnante buddista Pema Chödrön.

5. "I Walk the Line" (Johnny Cash)

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Secondo il dizionario urbano, "camminare sulla linea" significa "mantenere un fragile equilibrio tra un estremo e l'altro". Mi sento come se trascorressi la mia vita a superare il limite. E questo equilibrio è estremamente fragile, perché non ho quasi alcun margine di errore. Le persone che sono in buona salute possono spingere i propri limiti – andare all'estremo – e il massimo che sentiranno sarà un po 'stanco il giorno dopo. Se spingo i miei limiti, mi ci vogliono giorni per recuperare.

Anche la frase "spingere i limiti" ha un significato diverso per i sani e per i malati cronici. Per i sani, può significare stare fuori tutta la notte. Per me, può significare stare fuori un'ora più di quanto io possa sopportare.

4. "Le gocce di pioggia continuano a cadere sulla mia testa" (BJ Thomas)

Se potessi stringere insieme qualche giorno di fila quando non farei altro che riposare, potrebbe alleviare i miei sintomi un po 'o, almeno, non esacerbarli. Ma ogni volta che penso di aver pianificato le cose in modo che io possa farlo, la vita interviene. L'ultima volta che pensavo di poter riposare ininterrottamente per qualche giorno, lo scaldabagno si è rotto e mi sono ritrovato ad ospitare l'idraulico per un'ora fuori dalla casa, adiacente al "gabinetto" che ospita lo scaldabagno. Non avendo posto dove sedermi, rimasi lì mentre lui spiegava in dettaglio tutto il lavoro che dovevano fare per far installare correttamente quello nuovo.

E perché emergono sempre le emergenze per la manutenzione della casa quando mio marito è fuori città? Oh è vero: così che le gocce di pioggia possano continuare a cadere sulla mia testa!

3. "L'ho ascoltato attraverso la vite" (Gladys Knight and the Pips, Marvin Gaye)

Ho sentito bene, l'ho sentito attraverso la vite, perché sono sicuro che non lo sentirò di persona, confinato come sono, a casa mia quasi sempre.

2. "Non puoi sempre ottenere ciò che vuoi" (The Stones)

Sano o no, tutti imparano questa lezione. Sembra come se fosse stato martellato nel malato cronico un po 'duramente.  

E il titolo della canzone numero 1 che cattura il dolore e la malattia cronici:

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

AIUTO!

© 2014 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)  

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Potrebbe piacerti anche "10 cose che non sapevo prima che mi ammalassi".

Solutions Collecting From Web of "I 10 titoli di canzoni che catturano il dolore e la malattia cronici"