I 10 miti principali sulla crisi della mezza età

Introdotto alla psicologia popolare a metà degli anni '70, la crisi della mezza età sta ora entrando nei suoi anni di mezza età. A differenza della diminuzione di energia che dovrebbe indebolire tutti gli adulti di mezza età, tuttavia, la crisi di mezza età non mostra segni di abbandono dell'orizzonte. Incorporata in tutti i media dalla letteratura ai tabloid, la crisi della mezza età viene utilizzata per spiegare quasi ogni aspetto della personalità, della salute, delle carriere e delle relazioni degli adulti. Possiamo tenere conto di tutto, dal voler salire su una Harley o unire la scena del club notturno all'angoscia che inevitabilmente accompagna gli anni infelici che vanno dagli anni '40 agli anni '50 (o oltre).

La crisi di mezza età è iniziata in modo molto innocente con il nome meno acclamato della "transizione della mezza età". Uno psicologo di Yale di nome Daniel Levinson ha pubblicato un libro (con diversi collaboratori) alla fine degli anni '70 chiamato Seasons of a Man's Life (e voleva dire "uomo"). Levinson e il suo team hanno basato il loro libro su interviste informali a 40 uomini, 10 da ciascuna delle 4 professioni. La crisi della mezza età ha avuto il suo nome incisivo con l'aiuto della giornalista Gail Sheehy, che ha pubblicato il suo libro ( Passages ), basato pesantemente sul lavoro di Levinson insieme a un libro a tema simile dello psichiatra della UCLA Roger Gould.

Levinson credeva che la transizione della mezza età fosse una delle tante nella vita in cui gli adulti esaminano e possibilmente ricostruiscono le loro "strutture di vita". Sheehy ha aumentato il volume proponendo che l'età di 42 anni portasse con sé una prevedibile crisi di proporzioni epiche che colpisce tutti ( uomini e donne). Potresti impostare il tuo calendario, se non il tuo orologio, secondo Sheehy, dai colpi di scena psicologici della vita di una persona che accompagna ogni passaggio magico da un decennio all'altro. La sua intera premessa, tuttavia, è sbagliata perché l'età è, veramente "solo un numero" e spesso imprecisa. "

La pubblicazione dei libri di Levinson, e poi di Sheehy, scatenò una raffica di studi empirici sulla psicologia dello sviluppo degli adulti che tentavano di verificare le loro asserzioni. Letteralmente nessuno di questi studi ha trovato la crisi della mezza età come un fenomeno universale, o persino quasi universale. Per me, la più interessante è stata quella condotta attraverso il Boston VA, chiamato "Normative Aging Study" (Costa e McCrae, 1980). Gli uomini di questo studio sono stati seguiti dai loro primi anni '20 per tutta la vita adulta e gli unici che hanno avuto una "crisi di mezza età" (cioè depressione e disperazione) erano quelli che, a 20 anni, erano anche depressi e ansiosi. Una volta un individuo soggetto a crisi, sempre un individuo soggetto a crisi, secondo questo studio.

Un altro studio importante è stato un sondaggio nazionale di oltre 3000 uomini e donne conosciuti come Midlife negli Stati Uniti, originariamente sponsorizzati dalla MacArthur Foundation (Wethington, 2000). Della piccola minoranza del campione che sosteneva di aver avuto una crisi di mezza età, la fascia di età era così ampia (fino a 65 anni) nel tempo stimato della crisi, che ha perso ogni significato come esperienza di "mezza età", a meno che quelle persone credevano ottimisticamente che avrebbero vissuto fino a 130 anni. Ho anche fatto le mie ricerche sulla mezza età e, come i miei colleghi, non ho trovato prove a sostegno. Nel mio ultimo studio a seguito di 180 adulti del college attraverso la mezza età (pubblicato in The Search for Fulfillment), ho riportato, come i risultati dello studio dell'invecchiamento normativo, che le uniche persone ad avere una crisi di "mezz'età" avevano sperimentato molte crisi durante gli anni dell'adulto.

Questi sono solo alcuni esempi di ricerca che non sono riusciti a sostenere la generalità della crisi della mezza età, non solo come fenomeno universale, ma come fenomeno. Se sei depresso nella mezza età, ci possono essere molte ragioni per questo, la meno importante è la tua "età". La linea di fondo importante è questa. Se senti che tu, o qualcuno che conosci, sta attraversando una crisi di mezza età, è cruciale cercare un intervento sia attraverso il counseling, la psicoterapia o altri contatti con un professionista della salute mentale. Non c'è motivo per una crisi di mezza età che si verifichi spontaneamente, solo perché si trasforma una certa età.

Con questo background in mente, diamo un'occhiata a quei miti. Non c'è posto migliore per trovarli che guardare uno dei giochi che era popolare negli anni '80 chiamato "Midlife Crisis". Le sue carte incapsulano (in forma umoristica) l'essenza della crisi di mezza età dai cambiamenti fisici ai problemi con i coniugi, lavoro, finanza e bambini. Nel caso in cui non ti sia familiare, il gioco ti porta da un "ZAP!" O "CRISIS" a un altro con le presunte esperienze inevitabili che accompagnano la mezza età. Si accumulano "Punti di stress", "Punti di divorzio" e "Costi (in incrementi di 1000 dollari)" mentre si procede in un viaggio che coinvolge cambiamenti fisici, problemi coniugali e passi falsi della carriera. Praticamente il 99,9% delle carte descrive eventi negativi. Vinci accumulando meno problemi dei tuoi avversari.

Per ogni mito, cito la scheda di gioco, e poi mostro perché è un mito. Puoi cliccare sui link all'interno di ciascuno di questi miti per scoprire di più su ciascun argomento.

1. La station wagon di 10 anni deve essere sostituita. Il tuo coniuge vuole un'altra station wagon, vuoi una macchina sportiva da 150 miglia all'ora. Alcune persone non imparano mai. AGGIUNGI UN DIVORZIO PUNTO.

Naturalmente questa è l'immagine iconica della crisi di mezza età resa popolare da American Beauty quando Lester compra la sua auto sportiva rossa da guidare e un altro giocattolo da giocare in casa. Questo è il mito numero 1 perché è diventato così emblematico della stupidità della mezza età. Probabilmente non vale la pena di nobilitare con le statistiche, ma se si suppone che il rosso sia il colore di scelta per i midlifers, non si rivela in questo modo nelle abitudini di acquisto delle persone. Nel complesso, i veicoli rossi rappresentano una piccola parte dei colori delle auto e, anche se si suppone simboleggiano sensualità, dinamismo e alta energia, le persone di tutte le età sembrano avere gusti più addomesticati. Può una differenza di opinioni sulle auto portare al divorzio? Come in American Beauty , questa divergenza simboleggia problemi più profondi rispetto al solo veicolo da parcheggiare nel vialetto.

2. Entrambi i tuoi genitori sono morti. Ti rendi conto che ora sei la vecchia generazione. AGGIUNGI 300 PUNTI DI SFORZO.

Non è un mito che le persone perdano i loro genitori in età adulta, né è un mito che ciò sia stressante. Il mito è che l'esperienza deve inevitabilmente essere collegata alla crisi e che deve essere associata alla mezza età. Le persone hanno aspettative normative sugli eventi nelle loro vite, che includono la vita oltre i loro genitori. Poiché abbiamo le nostre prime vite adulte per prepararci a questo fatto, non c'è ragione di supporre che debba sempre portare a crisi. Inoltre, l'appartenenza alla vecchia generazione non deve causare uno stress eccessivo poiché le persone sono ben preparate ad assumere queste posizioni per guidare e sostenere le giovani generazioni.

3. Sei stanco del lavoro manuale. Torna al college per diplomarti. (PENALITÀ VARIABILE).

Questa carta ti costerà $ 12.000 ma aggiungi punti di stress in base alla tua età. Se hai più di 40 anni, aggiungerai 400 punti (quindi è peggio che perdere i tuoi genitori). Non è un mito che la gente ritorni al college in mezza età, e in effetti è sempre più probabile che lo faccia. Il mito è che questo è progressivamente più stressante e che ti costerà denaro. Ritornare all'università perché ora ne hai la possibilità o perché ti rendi conto che hai bisogno di più istruzione, è un passo positivo da compiere, indipendentemente dalla tua età. Se non ti piace il lavoro manuale, questo sarebbe un valido motivo per cercare una laurea che ti dia la possibilità di esplorare un nuovo percorso di carriera. Inoltre, molto probabilmente aumenterai il tuo stipendio perché una laurea è, anche nell'economia attuale, associata a maggiori guadagni.

4. Finalmente. La tua prima relazione durante 18 anni di matrimonio. Il tuo partner è delizioso secondo qualsiasi standard, ma non puoi esibirti. AGGIUNGI 500 PUNTI DI STRESS.

Non sono sicuro del motivo per cui questo non si qualifica per un divorzio, ma supponiamo che il coniuge non sia a conoscenza della tua decisione di entrare in questo presunto "tipico" comportamento di crisi di mezza età. Contrariamente a questo scenario, i normali cambiamenti legati all'età non comportano la perdita di interesse o abilità sessuale. Lo stress, il superlavoro e, in questo caso, la colpa potrebbero invece giocare un ruolo molto più grande quando si tratta di cercare una relazione.

5. Molte coppie sviluppano un'amicizia duratura e una preoccupazione reciproca che trascende il sesso e che le porterà nei loro ultimi anni. Tu, tuttavia, sei interessato a una tenera carne giovane e alle relazioni transitorie. AGGIUNTA UN SEGUENTE TOKEN.

Seguendo la suddetta carta, questa è solo la metà di un mito. La prima frase è corretta, anche se "trascendere il sesso" del tutto potrebbe esagerare nel caso. La seconda frase rende il primo ridicolo. Certamente, se credi in una crisi di mezza età, sarebbe sensato volere "carne giovane e tenera". Tuttavia, questo non è ciò che la maggior parte degli adulti di mezza età vuole o addirittura fa. Invece, la maggior parte delle coppie gode effettivamente dei legami che si legano nel corso degli anni e hanno una vita sessuale attiva allo stesso tempo.

6. Sei appena tornato dalla tua riunione di classe. Eri l'unico lì che non era un successo strepitoso e che non ricordava la canzone della scuola. Non avere successo è comprensibile, ma hai scritto la canzone della scuola. AGGIUNGI 200 PUNTI DI STRESS.

Scompattiamo questa carta per scoprire i suoi 2 miti nascosti. Il mito è che "sei stato l'unico lì che non è stato un successo incredibile …" Durante gli anni della crisi di mezza età, così il mito continua, devi fare i conti con la tua incapacità di realizzare i tuoi sogni giovanili. Narcisisticamente, sei convinto che tutti gli altri ti guardino come un fallimento. In realtà, molte persone non sono così narcisiste da credere che tutti nella loro cerchia sociale le stiano guardando. La seconda parte è che non ricordavi la canzone che hai scritto. Questo attinge al mito dell'inevitabile perdita di memoria, o "momenti senior" come parte integrante della mezza età. Purtroppo, una volta che le persone iniziano a comprare questo mito, potrebbero effettivamente peggiorare le loro possibilità di mantenere il loro funzionamento cognitivo in perfetta forma.

7. Le rughe sul viso diventano insopportabili. Prendere accordi per un lifting e preoccuparsi. La vita è così. AGGIUNGI 100 PUNTI DI STRESS.

È vero che le rughe si accumulano quando le persone invecchiano, anche se uno dei peggiori colpevoli – il sole – può essere facilmente evitato se si inizia ad usare la protezione solare quando è giovane. Tuttavia, tutti sentono che queste rughe sono veramente "insopportabili"? Ancora una volta, il mito della crisi di mezza età dice che invecchiando ci sentiamo inevitabilmente scoraggiati nei confronti delle nostre vecchie facce. Tuttavia, la realtà è che le persone accettano cambiamenti nei loro volti, e altrove, perché si verificano gradualmente durante tutta la vita. Alcune persone sono persino orgogliose delle loro "risate" e credono che li aiutino a sembrare più saggi e spiritosi, se non leggermente più anziani. Nota che molte carte nel mazzo si riferiscono ad altre variazioni normative dell'età con dichiarazioni simili di doom, gloom e punti di stress quando, in effetti, la maggior parte delle persone si adatta bene nel tempo.

8. Tempo di rimettersi in forma (PENA DI VARIABILE)

Questo mito sulla mezza età presuppone che iniziare a lavorare per migliorare la propria salute attraverso la dieta e l'esercizio sia invariabilmente spiacevole e stressante. I costi associati a questa mossa iniziano ad accumularsi dopo i 40 anni ($ 2000 e oltre), così come i punti di stress (600 e oltre). Contrariamente a questo mito, decidere di migliorare la propria salute non è un motivo per aumentare i livelli di stress. In effetti, l'esercizio fisico è uno dei modi migliori per mantenere il tuo funzionamento fisico e mentale, evitando in tal modo alcuni degli altri problemi ritenuti intrinseci alla mezza età. Sarai molto più in grado di gestire lo stress tornando in forma e ti assicurerai che la tua "mezz'età" non si riferisca a 20 o 30 anziché a 40, 45 o più.

9. Alle 3 del mattino di giovedì 16 giugno scoprite di non avere un sistema di valori. Nessuna risposta su ciò che è veramente importante e utile nella vita. Questo è motivo di preoccupazione, o è? AGGIUNGI 200 PUNTI DI STRESS.

Questo mito della crisi di mezza età si basa sul presupposto che il desiderio di trovare un significato nella vita colpisce con una vendetta quando le persone raggiungono i 40 anni. Non è stressante come non essere in grado di esibirsi pur avendo una relazione, ma comunque stressante. Contrariamente a questo mito, le persone si evolvono gradualmente nei loro valori, credenze e intuizioni mentre attraversano la vita. È improbabile che ci sia un punto che chiunque potrebbe identificare durante il quale sono venuti a conoscenza dei loro valori, o della mancanza di valori, o che questo punto è persino collegato a un'età specifica. Se tu avessi una tale esperienza, tuttavia, sembrerebbe essere un motivo per sottrarre – non aggiungere – punti di stress. In definitiva, avrai un maggiore benessere se riesci a raggiungere un punto in cui realizzare ciò che è importante e utile.

10. Abbandona il tuo lavoro ad alta pressione altamente remunerativo per lavorare con l'argilla. Sviluppa un profondo rispetto per il fango e la tolleranza per la povertà. PERSO 200 PUNTI DI STRESS.

Infine, si potrebbe dire, un evento di crisi di mezza età in cui si perde, piuttosto che guadagnare punti di stress! Sarei d'accordo con te, tranne per il presupposto implicito che l'unico modo per ridurre lo stress è rinunciare al tuo lavoro e perseguire il tuo lavoro di fantasia. Invece, le persone possono perdere lo stress in qualsiasi momento della vita approfittando di alcune delle stesse strategie che abbiamo già visto: esercizio, chiarimento dei valori, aggiustamenti di carriera, ricerca di un intervento in caso di problemi personali o di relazione. Potrebbe andar bene rinunciare al tuo lavoro e cercare la realizzazione artistica, ma è più realistico incorporare graduali passaggi di rilascio di stress nella tua vita di tutti i giorni, almeno all'inizio.

Per riassumere, non esiste un singolo componente del mitico concetto di crisi di mezza età che includa crescita o cambiamenti positivi. Questi 10 miti sono dolorosi a modo loro, implicando che invecchiando dobbiamo inevitabilmente affrontare la perdita, il fallimento, i problemi relazionali e la disperazione esistenziale. Perpetuato dai media, che è ancora affascinato dal concetto, la crisi di mezza età è l'equivalente psicologico di un uragano. Le persone sono più propense a seguire un disastro nelle notizie che a prestare attenzione a uno status quo pacifico.

Se sei convinto che stai avendo una crisi di mezza età, potrebbe essere utile per te seguire le aree che ti riguardano di più: che sia la tua salute, le tue relazioni, il tuo lavoro o il tuo benessere. Gli anni della mezza età si estendono per molti decenni e, con un po 'di fortuna o un piccolo aiuto se ne avete bisogno, possono essere gratificanti fisicamente e psicologicamente.

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo su Facebook, "Completamento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Copyright Susan Krauss Whitbourne 2012

Riferimenti:

Costa, PTJ e McCrae, RR (1978). Valutazione della personalità obiettiva. In M. Storandt, IC Siegler, e MF Elias (Eds.), La psicologia clinica dell'invecchiamento (pp. 119-143). New York, NY: Plenum.

Wethington, E. (2000). Aspettando lo stress: gli americani e la "crisi della mezza età". Motivazione ed emozione, 24 , 85-103.

Solutions Collecting From Web of "I 10 miti principali sulla crisi della mezza età"