Homo Denialus: i topi non sono animali, il cambiamento climatico è reale

Topi e ratti non sono animali ma i cambiamenti climatici sono reali

Sono stato a lungo interessato a come gli umani possono negare tutto ciò che vogliono, spesso in modi molto egoistici. In Rewilding our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza Ho scritto su Homo denialus per fare proprio questo punto. Recentemente ho anche avuto una conversazione con un ricercatore che ha detto di essere scioccato dal fatto che le persone si chiedessero se il cambiamento climatico fosse reale. Sono d'accordo e gli ho chiesto come si sentiva riguardo all'idea che topi e ratti non fossero animali, ed è rimasto scioccato nel sentire questo. Bene, è un triste "fatto" secondo l'US Federal Animal Welfare Act (AWA).

In un recente saggio ho notato che la legge federale sul benessere degli animali non riconosce i ratti del genere Rattus e i topi del genere Mus come animali (per favore vedi "La legge sul benessere degli animali afferma che i ratti ei topi non sono animali" e link in esso). La linea di fondo è che i ricercatori accettano ancora l'idiozia di questa affermazione e questi (e altri "non animali") possono essere usati nei modi più orribili in ogni tipo di ricerca invasiva. Ho chiesto, "Dove sono tutti gli scienziati che sanno che ratti e topi sono esseri animali senzienti? Perché non protestano contro l'idiozia dell'AWA? "

I topi possono odorare il dolore di altri topi

Durante la scorsa settimana, ho ricevuto notizie su due importanti studi con topi e ratti che aggiungono al database in crescita quanto sono emotivi e intelligenti questi roditori, indipendentemente dal fatto che l'AWA li riconosca come "animali".

Nel primo studio è stato riportato che i topi possono sentire l'odore del dolore di altri topi. La ricerca di Monique Smith, che lavora nel Dipartimento di Neuroscienze comportamentali presso la Oregon Health and Science University, ei suoi colleghi pubblicati su Science Advances dal titolo "Trasferimento sociale del dolore nei topi" ha comprensibilmente ricevuto un'ampia copertura internazionale. L'abstract dice:

Esiste una relazione complessa tra l'ambiente psicosociale e la percezione e l'esperienza del dolore, ei meccanismi della comunicazione sociale del dolore devono ancora essere chiariti. Il presente studio ha esaminato la comunicazione sociale del dolore e dimostra che topi "astanti" alloggiati e testati nella stessa stanza di topi sottoposti a dolore infiammatorio o di astinenza da morfina o alcool sviluppano iperalgesia corrispondente. I segnali olfattivi mediano il trasferimento dell'iperalgesia sui topi degli spettatori, che possono essere misurati con test meccanici, termici e chimici. L'iperalgesia negli astanti non si verifica in concomitanza con ansia o cambiamenti nel corticosterone e non può essere spiegata da un contagio emotivo visivamente dipendente o da un'iperalgesia indotta dallo stress. Questi esperimenti rivelano la multiforme relazione tra l'ambiente sociale e il comportamento del dolore e supportano l'uso dei topi come sistema modello per indagare su questi fattori. Inoltre, questi esperimenti evidenziano la necessità di considerare adeguatamente come gli animali sperimentali sono ospitati e testati.

Quindi, in poche parole, i topi di astante sentono il dolore degli altri e questi ricercatori sostengono che i loro risultati "supportano l'uso dei topi come un sistema modello per indagare su questi fattori". Beh, se i topi non sono animali, come possono i ricercatori fare questo Richiesta. Si noti che questa ricerca è stata condotta negli Stati Uniti.

Uso degli strumenti da parte dei ratti

Nel secondo studio di Akane Nagano e Kenjiro Aoyama intitolato "Tool-use by rats (Rattus norvegicus): scelta degli strumenti basata sulle caratteristiche degli strumenti", apprendiamo che questi animali possono essere abbastanza abili nell'utilizzare strumenti. Simile allo studio del dolore condiviso nei topi, questa ricerca ha ricevuto un'ampia copertura globale. Un sommario di facile lettura di Agata Blaszczak-Boxe può essere visto qui.

Homo denialus

Perché gli scienziati non sono oltraggiati dall'esclusione di topi e ratti dal regno animale, e come possono accettare i cambiamenti climatici e negare ciò che, in qualche modo, è più un fatto? Quando ho posto questa domanda ad alcuni colleghi ho ricevuto una risposta abbastanza standard che diceva "Funziona bene perché i ricercatori neghino che topi e ratti sono animali perché, allora, qualsiasi tipo di ricerca può essere condotto".

Dove sono andati tutti gli scienziati?

Chiaramente, questa sorta di ipocrisia è egoistica ed è un esempio meraviglioso ma deprimente di come alcuni membri dell'Homo negaliano vedono il mondo: teniamo topi e ratti (e alcuni altri animali) fuori dal regno animale e possiamo usarli comunque noi per favore E, anche se stiamo imparando che sono esseri senzienti, continuiamo a usarli comunque, a nostra scelta.

Alcune buone notizie mi sono venute incontro negli ultimi giorni quando ho appreso che ci sono davvero persone che cercano di far rivedere l'AWA per riflettere la biologia reale, il tipo che insegniamo ai giovani e agli altri, cioè che i topi ei ratti sono animali dopotutto.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: Saving Moon Bears (con Jill Robinson), Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole, perché i cani e le api vengono depressi: l'affascinante scienza dell'intelligenza animale, le emozioni, l'amicizia e la conservazione, Rewilding Our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza, e The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson). L'agenda degli animali: libertà, compassione e convivenza nell'età umana (con Jessica Pierce) sarà pubblicata all'inizio del 2017.

Solutions Collecting From Web of "Homo Denialus: i topi non sono animali, il cambiamento climatico è reale"