Hippo Love

Karen Paolillo, used with permission.
Fonte: Karen Paolillo, usato con permesso.

Karen Paolillo è fondatrice e direttrice del Turgwe Hippo Trust, Zimbabwe, la prima e unica organizzazione no profit dedicata alla conservazione e alla protezione degli ippopotami. Karen e questi "Giganti del fiume" sono una straordinaria testimonianza della mutualità trans-specie.

Per decenni, Karen e gli animali di Turgwe hanno vissuto e imparato l'uno dall'altro. Il tempo di Karen con gli ippopotami non è solo per lo studio, ma per comprenderli profondamente e rendere possibile la loro sopravvivenza. Grazie alla Turgwe Trust, gli ippopotami hanno la possibilità di mantenere la loro cultura e crescere i loro piccoli nelle tradizioni e nelle patrie di ippopotami.

Vita per gli abitanti della valle del fiume Turgwe a causa della violenza umana, Karen descrive la sua notevole esperienza con gli ippopotami nel suo nuovo libro, A Hippo Love Story.

Qui nell'intervista, Karen fornisce alcuni retroscena e l'importanza cruciale della lingua e della cultura cross-species nella conservazione

Karen, può dirci qualcosa su come sei stato coinvolto con gli ippopotami e come è iniziato il Trust?

Il Turgwe Hippo Trust nacque dopo la terribile siccità del 1991-1992, il peggiore dei ricordi viventi. All'epoca mi capitava di vivere all'interno della Save Valley Conservancy e mi ero già allarmato per il declino degli ippopotami nel Lowveld dello Zimbabwe. Prima della siccità del 1993, oltre 2.000 ippopotami vivevano all'interno del Lowveld; al mio ritorno nel 1990, ho scoperto che i numeri erano scesi drasticamente a circa 600 animali. Durante la siccità, ho iniziato un programma di alimentazione intensiva degli ultimi tredici ippopotami nel fiume Turgwe sotto casa mia. Tutti i tredici animali che ho nutrito personalmente durante quei dieci mesi di siccità sono sopravvissuti. Il costo per salvare questi ippopotami era alto, ma i risultati sono stati meritevoli: negli anni '90, in un momento critico, abbiamo visto nascere almeno 16 nuovi vitelli. Tutto sommato, ci sono stati 45 vitelli nati qui dal 1993.

Karen Paolillo, used with permission.
Fonte: Karen Paolillo, usato con permesso.

Una volta salvati le loro vite nel 1992, questi ippopotami sono diventati estremamente importanti per me. Non solo per il mio impegno, ma anche perché mi sentivo responsabile nei confronti di molti sconosciuti che mi avevano aiutato a sponsorizzare il loro cibo. Dal dicembre 1992, ho condotto uno studio quotidiano su questi ippopotami di Turgwe, che hanno portato alla creazione del Turgwe Hippo Trust nell'ottobre 1994.

Puoi descrivere la natura della tua comunicazione con gli animali e di cosa parli?

Ho studiato un gruppo di ippopotami per quasi venticinque anni per capire di più su individui specifici e sul suo comportamento naturale. Poiché ho a che fare con animali selvatici ogni giorno, ho dovuto sviluppare un mezzo di comunicazione in cui si sarebbero relazionati con me come una non minaccia. La maggior parte degli umani nell'ambiente in cui vivo hanno cacciato ippopotami per "caccia sportiva" o li hanno affogati come mezzo di cibo. Mentre vivevo con gli ippopotami ho anche stretto un rapporto stretto con una truppa di oltre 50 scimmie di cercopiteco e con un'altra truppa di oltre 40 babbuini Chacma e vari altri animali. Tutti loro sono stati selvaggi e non in alcun modo allevati a mano, né sono entrati in contatto fisicamente con gli umani prima di entrare in scena.

La comunicazione con tutti loro è iniziata con le parole, le mie parole, poiché questo è qualcosa che tutti noi usiamo e non vedo alcuna ragione per cui non si possa parlare ad un animale. Ho scoperto molto presto che se si manteneva un tono monotono e non si alzava la voce, né in modo aggressivo né, per esempio, in divertimento, come in una risata, che gli animali rispondevano in modo molto più calmo. Nel corso degli anni ho capito che tutti gli animali, a prescindere dalla loro specie, non amano le voci umane o le risate. È importante mantenere una calma monotona calma che non è minacciosa. Lo stesso vale per le persone che incontrano nuove persone.

Ho anche scoperto che gli ippopotami possono imparare a identificare i loro nomi individuali. Come in ogni specie, ogni individuo è diverso da un altro. Alcuni che rispondono meglio alla mia voce rispetto ad altri, e così via. In particolare, un ippopotamo si è distinto. Era il toro dominante e quindi il protettore generale della famiglia, e lui mi ha risposto molto più di molti altri. Non solo identificò il suo nome, ma sarebbe venuto quando lo chiamò, spostandosi spesso fino a mezzo chilometro nel fiume quando sentì il suo nome. Con il tono della mia voce avrebbe anche risposto e al mio umore in quel momento. Lo rassicurerei sempre che lui e la sua famiglia non hanno bisogno di temermi. Nel suo passato, gli uomini avevano ucciso alcuni membri della sua famiglia e quindi vedevano gli umani come una minaccia. In quei primi anni era aggressivo nei miei confronti e mi riconosceva solo come una minaccia. Ma col tempo, ha imparato chi ero. Era molto perspicace e, dato ciò che le persone fanno e come sono di solito, incredibilmente aperto.

Gli animali con cui parli comunicano allo stesso modo?

Tutti gli animali selvaggi hanno il loro modo di comunicare verbalmente e quindi, se stai studiando un animale selvatico, acquisisci presto le sue diverse abilità comunicative. Dopo un paio d'anni, gli ippopotami chiamavano sempre quando li lasciavo dopo alcune ore di permanenza in loro compagnia. Lo fanno ancora oggi. È una chiamata riconosciuta che si fanno l'un l'altro e lo fanno anche per me quando dico addio, come un modo per riconoscere e dire addio.

Lo stesso vale per i babbuini ei cercopitechi tutti hanno il loro modo di parlare tra loro e fanno lo stesso con me usando le stesse chiamate diverse, che usano. Scimmie e babbuini hanno richieste distinte per il riconoscimento di un compagno compagno, per tutti i predatori hanno una chiamata diversa da dire un serpente o un rapace, e così via. Come le persone, mostrano allarme, rabbia, ecc. Grazie alle loro chiamate e al loro linguaggio del corpo. Ogni predatore suscita una chiamata separata. Le chiamate che scimmie, babbuini e ippopotami fanno per me sono una chiamata di accettazione, eppure il richiamo per gli altri umani è spesso come se stessero chiamando un predatore. Riesco a capire ognuno di loro con la loro chiamata, i loro movimenti del corpo, i movimenti degli occhi e il linguaggio del corpo di base.

Cos'altro hai imparato?

In primo luogo, non aspettarsi che un cane, un gatto o un ippopotamo siano umani e viceversa. Siamo tutte specie diverse, ma abbiamo tutti una cosa in comune: la capacità di comunicare a modo nostro. Tutti noi abbiamo sentimenti ed emozioni, e dobbiamo rispettare ogni specie su questo pianeta e non cercare di far sì che tutte le specie siano noi, come l'unicità di una specie, e ogni persona è chi sono.

Karen Paolillo, used with permission.
Fonte: Karen Paolillo, usato con permesso.

In generale, le parole ripetitive e i modi ripetitivi di parlare con una costante monotona lenta sono i migliori per comunicare con un animale. Avere una voce felice e sentirsi e mostrare che sei contento trasmette la sensazione di sicurezza e benessere per quell'animale. Ho visto che se sono arrabbiato lo stesso vale. L'animale lo prende in fretta e quindi reagisce a quella rabbia, sia come una minaccia o arrabbiarsi se stesso. L'animale segue la tua guida e reagisce di conseguenza. Quando si arriva a questo, tutti gli animali, così come gli umani e le diverse culture hanno alcune cose in comune: l'amore, la famiglia e il bisogno di essere amati. La fiducia cresce se l'aggressività e la rabbia vengono trattenute e viene scambiata solo una buona energia.

Le mie parole e il modo in cui parlo mi permettono di condividere la vita di questi animali selvaggi e di far parte della loro cerchia ristretta senza che reagiscano a me come un essere umano (minaccioso). Mi permettono di essere parte della loro vita quotidiana ed è un privilegio e gioia. Nel caso delle scimmie e della truppa di babbuini quando li incontro nel bush lontano dall'ambiente in cui mi vedono costantemente, reagiscono ancora come se fossi parte della truppa senza paura, non scappano. Mi permettono di essere nella loro compagnia senza alcuna minaccia o paura.

Questo mi permette anche di essere accanto ad altri animali come Warthog o Impala senza che si accorgano che c'è un essere umano con i babbuini o le scimmie vervet. È solo quando questi altri animali vedono la mia figura umana e / o percepiscono il mio odore che diventano attenti, reagendo come farebbero a qualsiasi altro essere umano. Quando con la truppa di scimmie o babbuini nella boscaglia, non sono affatto visto come un umano, finché non si rendono conto che lo sono. Quindi le mie parole agli animali con cui vivo mi permettono di far parte della loro famiglia estesa o del clan. Ho provato molto duramente ad imparare come parlare e capire gli altri animali in modo che io possa capirli meglio e imparare di più su di loro.

Tutti possono farlo mettendo se stessi in un ambiente tranquillo e ascoltando prima di tutto ciò che c'è intorno … ascoltando la natura. Quindi stare con qualsiasi animale desideri imparare e ascoltare e osservare che l'animale è totalmente naturale. Studia il suo comportamento quotidiano ogni secondo del giorno e della notte, se puoi, e impara ad adattarsi a quel comportamento. Non cercare di far rispondere l'animale – devi essere come l'animale. Devi lasciare che lui o lei voglia che tu vi venga. Non cercare di dominare. Devi dimenticare i tuoi bisogni e concentrarti sugli animali. L'intuitività è importante, l'azione come nel non aggressivo, rimanendo costanti azioni molto importanti e ripetitive anche molto importanti.

Penserei che ogni modo con cui ho studiato gli ippopotami e comunicare con loro possa essere usato con qualsiasi specie, così come con gli uccelli e persino con i rettili. Tutta la natura risponderà a questo metodo. C'era davvero un Giardino dell'Eden in cui gli umani avrebbero potuto camminare tra gli animali e essere stati totalmente accettati da loro. Purtroppo, questo non esiste ora, poiché l'uomo minaccia e uccide, e le loro memorie e i loro familiari mostrano che temono l'uomo. Anche un enorme branco di elefanti può essere ridotto a una famiglia in fuga quando viene avvicinato dall'uomo quando ha abbattuto o in qualche modo cacciato giù.

Queste esperienze hanno influenzato il tuo modo di comunicare con gli umani e come ti senti riguardo alla parola parlata e scritta?

In realtà non vedo le persone molto spesso mentre vivo nel bush con mio marito. Ma sì, vivere così attentamente e attentamente ascoltare e guardare gli animali per tutti questi anni ti fa capire che è molto facile comunicare con persone che non parlano la tua lingua, solo dal modo in cui ti avvicini, cioè nel modo in cui tu usa il tono della tua voce, i tuoi occhi, le tue mani – puoi parlare con la stessa facilità con cui faresti in piena conversazione, proprio come puoi con gli animali.

Credo che la parola scritta e il parlare siano molto importanti per le persone, ma abbiamo trascurato il resto dei nostri sensi e tendiamo a non usare questi altri canali di percezione e conoscenza, che avremmo usato in passato. Sono altrettanto importanti soprattutto quando si tratta di animali. Vista, udito, profumo – tutte cose che un animale usa sempre (e noi persone abituate a sviluppare e ora tendono a non usare) sono essenziali quando si comunica con gli animali. E la cosa più importante è essere in grado di fidarsi di un'altra specie abbastanza da essere in grado di averli fiducia in te e di essere accettati nella loro vita.

Qual è la più grande differenza tra comunicazione uomo-uomo e animale-umano?

La più grande differenza è che è possibile per noi dire esattamente ciò che proviamo emotivamente e fisicamente. Nella comunicazione animale-umana, l'animale non può dirti a parole i dettagli di dove o come ferisce, fisicamente o mentalmente. L'animale può trasmettere amore, odio, paura, dolore, ma non può metterlo nello stesso dettaglio che gli esseri umani possono, quindi devi avere una forte vena intuitiva all'interno del tuo trucco per giungere rapidamente a conclusioni con un animale quando hai bisogno di una risposta a una di quelle query sopra. Mentre con un umano sarebbe molto più veloce.

Comunare e imparare a capire e parlare con gli animali è salutare. Rimanendo calmo, tranquillo, riflessivo e intuitivo con un animale, si ottiene una pace interiore incredibilmente difficile da trovare nella società così come la conosciamo. Se si passa del tempo con un animale che impara a comunicare con loro, allora la propria salute e lo stato mentale non possono che beneficiare positivamente. L'apprendimento e la comunicazione con il pesce in un acquario calma lo spirito, motivo per cui tanti medici e dentisti li hanno nelle loro cliniche e perché così tanti pesci sono fatti soffrire. Gli animali ci insegnano a prendere un momento per contemplare, a rallentare, a tacere e ad ascoltare.

Solutions Collecting From Web of "Hippo Love"