Hillary Clinton e My Wonderful Childhoods

[Nota: i conteggi dei social media sono resettati a zero su questo post.]

Nel mio ultimo post ho parlato di un cambiamento storico nella genitorialità nel lungo corso della storia umana. Descrissi la genitorialità fiduciosa dei cacciatori-raccoglitori, la genitorialità dominante-direttiva del medioevo e dei primi tempi industriali, e la genitorialità protettiva-direttiva che oggi predomina nella nostra cultura. Quello che ho dimenticato di dire è che lo stile genitoriale di protezione della direttiva è in gran parte uno sviluppo molto recente. Ora, in questo post e in quello successivo, descrivo un cambiamento storico nella genitorialità che si è verificato negli ultimi decenni.

I primi sessanta anni del XX secolo sono stati un periodo di espansione della libertà dei bambini, almeno nel Nord America e nell'Europa occidentale. Sia gli adulti che i bambini hanno guadagnato più tempo libero, in quanto i sindacati hanno aiutato i lavoratori a ottenere settimane lavorative più brevi e il lavoro minorile è diminuito; e gli stili genitoriali divennero più liberali e liberatori, meno mirati all'addestramento all'obbedienza, di quanto lo fossero stati prima. Gli anni '50 e l'inizio degli anni '60 furono, in qualche modo, un'epoca d'oro per i bambini. Le persone intorno alla mia età, me stesso incluso, spesso, e per buone ragioni, hanno nostalgia della libertà di cui godevamo da bambini, in contrasto con la vita altamente controllata dei bambini di oggi.

Hillary Rodham Clinton's Childhood

Una di queste persone è Hillary Rodham Clinton. Qui, nelle sue stesse parole, è una descrizione della sua infanzia e il suo rimpianto sulla vita dei bambini di oggi: [1]

"Sono nato a Chicago, ma quando avevo circa quattro anni, mi sono trasferito dove sono cresciuto, che era Park Ridge, Illinois. Era il tuo tipico sobborgo degli anni '50. Grandi alberi di olmo fiancheggiavano le strade, incontrandosi in cima come una cattedrale. Le porte erano lasciate aperte, con i bambini che entravano e uscivano da ogni casa del vicinato.

"Avevamo una società per bambini ben organizzata e abbiamo avuto tutti i tipi di giochi, giocando duro ogni giorno dopo la scuola, ogni fine settimana e dall'alba fino a quando i nostri genitori ci hanno fatto entrare al buio in estate. Un gioco si chiamava Chase and Run, che era una specie di complessa combinazione di nascondini e tag basata sulla squadra. Costruiremmo squadre e disperderemmo l'intero quartiere per forse un'area di due o tre blocchi, designando luoghi sicuri in cui potreste arrivare se qualcuno vi inseguiva. C'erano anche modi per rompere la presa di un tag in modo da poter tornare nel gioco. Come per tutti i nostri giochi, le regole erano elaborate e venivano elaborate in lunghe consultazioni agli angoli delle strade. E 'stato il modo in cui abbiamo trascorso innumerevoli ore. …

"Abbiamo avuto tanto tempo di gioco fantasioso, solo tempo divertente non strutturato. Ho avuto l'infanzia migliore e più meravigliosa: stare fuori, giocare con i miei amici, stare da solo, amare la vita. Quando ero bambino alla scuola elementare, è stato fantastico. Eravamo così indipendenti, ci è stata data tanta libertà. Ma ora è impossibile immaginare di darlo a un bambino oggi. È una delle grandi perdite di una società. Ma sono fiducioso di poter riacquistare la gioia e l'esperienza del gioco libero e dei giochi di quartiere che sono stati dati per scontati nella mia generazione. Quello sarebbe uno dei migliori regali che potremmo dare ai nostri bambini ".

Frammenti di My Own Childhood

Anch'io ho ricordi meravigliosi della libertà dell'infanzia. Ecco alcuni esempi.

Sono cresciuto principalmente nelle piccole città del Minnesota e del Wisconsin. Mia madre era una persona avventurosa, sempre alla ricerca di nuovi posti di lavoro e nuove sfide, ed è per questo che ci siamo trasferiti di frequente quando ero un bambino. Ogni città in cui ci siamo trasferiti ha avuto la propria cultura per bambini, e la grande sfida per me, ogni volta che ci siamo trasferiti, era imparare a fare bene le cose che i bambini in quella città facevano, così da inserirmi nel gruppo sociale. Ecco alcuni dei miei ricordi, di tre città diverse:

Monterey, Minnesota: libertà di bicicletta all'età di 5 anni

All'incirca quando compii cinque anni, la mia famiglia si trasferì in una piccola città chiamata Monterey, al confine meridionale del Minnesota. Monterey non esiste più; si unì nel 1959 con la vicina città di Triumph per formare una nuova città, Trimont. I miei ricordi più importanti di Monterey riguardano il ciclismo. La mia migliore amica era Ruby Lou, una ragazza di un anno più grande di me che viveva dall'altra parte della strada. Quando avevo cinque anni e lei aveva sei anni, mi ha insegnato come andare in bicicletta. Era un veicolo a due ruote, senza ruote di addestramento. La strada che separava le nostre case era su una piccola collina e lei mi ha mostrato come cavalcare è il modo migliore per imparare. Potrei cavalcare la bici, darmi una spinta con il piede, e camminare giù per la collina con abbastanza velocità per mantenere la bici stabile, e poi potrei pedalare in fondo per continuare. Mi sono sfregiato il ginocchio più volte nel processo, e la moto di Ruby Lou ha preso qualche ammaccatura, ma nel giro di un paio di giorni ho potuto guidare, e quando i miei genitori lo hanno visto, mi hanno comprato una bici usata per conto mio.

La bici, unita alla fiducia dei miei genitori e all'amicizia di Ruby Lou, mi ha dato la libertà. Potrei, all'età di cinque anni, andare ovunque in città o nelle campagne vicine su quella bici. I miei genitori dettero solo una regola al riguardo: dovevo andare con Ruby Lou. Lei (all'età di sei anni) era più vecchia e più saggia di me e sapeva come orientarsi. Non ho discusso sulla regola. Probabilmente sarei stato troppo spaventato per andare lontano senza Ruby Lou comunque. Quali avventure abbiamo avuto, Ruby Lou e io, alla scoperta e all'esplorazione di nuovi posti a Monterey e dintorni, sulle nostre bici.

Sun Prairie, Wisconsin: gestione della mia piccola squadra a 9 anni

Tra i 7 e i 10 anni ho vissuto a Sun Prairie, nel Wisconsin. Mi è stato detto che Sun Prairie è ora un sobborgo in rapida crescita di Madison, ma quando vivevo lì, negli anni '50, era una piccola città con molti campi di grano tra questa e Madison. I ragazzi di Sun Prairie sono stati coinvolti in molte attività che erano nuove per me. Ad esempio, ho imparato dai miei nuovi amici come costruire il mio aquilone e farlo volare. Organizziamo gare di aquiloni, con l'unica regola che l'aquilone doveva essere costruito da zero, non da un kit. Oggi supponete che i genitori siano coinvolti nell'aiutare i bambini a costruire gli aquiloni, ma non era affatto vero allora. Noi bambini più piccoli abbiamo imparato dai nostri amici un po 'più grandi e più esperti come farlo, e poi abbiamo continuato a produrre le nostre innovazioni. Avevamo ricavato delle travi di legno, gratuite, dal deposito di legname locale per realizzare i telai (a volte le abbiamo richieste, altre volte no). Alcuni bambini hanno costruito aquiloni davvero notevoli, a differenza di tutti gli aquiloni che ho visto da allora.

Ma anche più di un aquilone, Sun Prairie era, per i ragazzi, una città da baseball. Ogni quartiere aveva un terreno libero, e in ogni posto libero si trovavano bambini che giocavano a baseball – per tutta l'estate e nei fine settimana e dopo la scuola in autunno e primavera. Il baseball è diventato rapidamente la mia passione. Come la maggior parte dei miei amici, ero sicuro che sarei cresciuto fino a diventare un giocatore di baseball professionista. Ascoltammo tutti alla radio i giochi di Milwaukee Braves e tutti raccogliemmo e scambiavamo le carte da baseball. I bambini che non potevano fare una lunga divisione a scuola non avevano problemi a calcolare le medie di battuta, in quei giorni prima delle calcolatrici.

La maggior parte del nostro baseball era completamente informale, in lotti liberi con chiunque si presentasse. Ma Sun Prairie aveva anche un piccolo programma per la lega. Qui uso lettere minuscole per "little league", perché non so se abbia avuto alcuna affiliazione con la Little League ufficiale, ma l'abbiamo chiamato così. Il nostro piccolo campionato non aveva nulla del coinvolgimento adulto che vedi oggi in Little League. Un supervisore del parco giochi avrebbe iniziato tutto l'anno in primavera, ma al di là di questo era interamente gestito da bambini. Ecco come ha funzionato:

In un certo giorno, in primavera, i bambini della fascia di età adatta che volevano essere in campionato si sarebbero presentati al parco principale della città. Generalmente ci siamo presentati in gruppi-gruppi di amici che stavano già giocando insieme in lotti liberi. I gruppi si dichiarerebbero squadre e le persone che non facevano parte di un gruppo sarebbero state aggiunte alle squadre dal supervisore del campo da gioco. Ogni squadra ha eletto un capitano della squadra, che sarebbe la persona di contatto per il supervisore e che sarebbe il manager ufficiale della squadra. Poi il supervisore del parco giochi ha elaborato un programma di giochi, così ogni squadra ha giocato a vicenda un certo numero di volte nel corso dell'estate. Ad ogni partita un bambino delle superiori faceva da arbitro. Era così. Generalmente, nessun adulto ha mai frequentato i giochi. Se c'era un pubblico, erano soprattutto bambini piccoli che speravano di entrare nel gioco, come sostituti, se uno di noi si faceva male o per qualche altra ragione doveva andarsene presto. Un campionato simile è stato anche organizzato per il softball delle ragazze.

Queste partite di campionato sono state molto eccitanti per noi, perché erano un passo in avanti, in formalità, i giochi di pick-up che abbiamo giocato la maggior parte del tempo. Abbiamo giocato su un campo che sembrava un vero diamante da baseball, con un backstop e basi reali. C'era un arbitro che ha chiamato palle e scioperi e ha mantenuto un punteggio ufficiale. Ma i giochi erano anche eccitanti perché erano ancora nostri. Nessun adulto ci stava dicendo cosa fare; dovevamo prendere le nostre decisioni.

Quando ero vicino alla fine della terza elementare e avevo compiuto 9 anni, sono stato eletto capitano della mia piccola squadra. Ciò significava che ero responsabile di essere sicuro che i miei compagni di squadra sapessero di ogni partita e che si fossero presentati. (Abbiamo viaggiato tutti in bicicletta, l'idea che i genitori dovessero guidare i luoghi dei bambini non era ancora stata inventata, i genitori non sapevano nemmeno quando erano programmati i giochi.) Dovevo anche determinare la scaletta per ogni partita. Il trucco più grande era determinare chi avrebbe lanciato. Avevamo un buon lanciatore e molti altri che pensavano fossero buoni lanciatori. Ho dovuto scendere a compromessi tra lasciare che il nostro pitch pitcher buono e lasciare che gli altri toni in una certa misura. Ero un manager, ma avevo davvero poco potere reale perché i giocatori avrebbero smesso se non fossero stati felici, e avevamo bisogno di un certo numero di giocatori per far andare avanti la squadra. Quindi molte discussioni e compromessi sono andati in quella fila ogni partita.

Riesci a immaginare, oggi, mettere un 9enne a capo di una piccola squadra di baseball? Il fatto che tu non possa immaginarlo è una misura del grado in cui noi, come cultura, abbiamo perso il rispetto per le capacità dei bambini. Non ero solo io; ogni squadra in quel campionato era guidata da un bambino. L'intero campionato è stato fondato sulla premessa che i bambini volevano giocare a baseball organizzato così tanto che si sarebbero presi la responsabilità di farlo accadere. E ha funzionato! Se non avesse funzionato, ciò avrebbe significato solo che noi bambini avevamo perso interesse per il baseball; e anche quello andrebbe bene.

Hill City, Minnesota: pesca, pattinaggio e corsa alla stampa a 10 e 11 anni

Quando avevo 10 anni ci trasferimmo a Hill City, una piccola città su un grande lago nel nord del Minnesota, dove vissi i miei più gloriosi due anni di infanzia. Eravamo piuttosto poveri quando vivevamo a Hill City, perché i miei genitori avevano speso tutti i pochi soldi che avevano acquistato la tipografia e il giornale locali. Mia madre aveva sempre voluto gestire un giornale e questa era la sua occasione. Questo accadeva in un momento in cui i giornali di piccole città erano dappertutto falliti, e il notiziario di Hill City era chiaramente in fase di morte; ma mia madre sperava che potesse farla rivivere. Vivevamo in una casa acquistata dai miei genitori per $ 2000; era abbastanza grande per noi sette, ma non aveva il bagno al coperto. Riesci a immaginare una dependance nel nord del Minnesota? A volte, se uno dei miei fratelli si era perso mentre faceva il n. 1 e io dovevo fare il n. 2, mi sarei fermato sul sedile. Abbiamo fatto il bagno ogni sabato sera in una vasca di latta al centro del pavimento della cucina. Questo non era raro per Hill City negli anni '50. Alcuni dei miei amici vivevano anche in case senza bagno al coperto.

La vita dei bambini a Hill City centrata sul lago. La pesca ha rapidamente sostituito il baseball come la mia passione. In una tipica giornata estiva, io ei miei amici prendevamo le nostre biciclette, caricate con le nostre attrezzature da pesca, giù al lago o al fiume che ci nutriva, prendevamo le rane o i pesciolini per l'esca e poi passavamo tutta la giornata a pescare. A volte pescavamo da un molo o dalla riva, e altre volte prendevamo la vecchia barca a remi di legno che sembrava essere una proprietà comunale per bambini in quella città. Eravamo tutti bravi nuotatori, quindi nessuno dei nostri genitori era preoccupato che saremmo annegati. Dovremmo remare per miglia per controllare i vari punti di pesca. Divenni un buon pescatore, catturando soprattutto schifezze, luccio del nord e basso; e, poiché eravamo poveri, la mia famiglia ha davvero apprezzato il pesce che ho portato a casa. Una regola in casa nostra, però, era che chiunque catturasse il pesce doveva anche pulirli.

In inverno pattinammo sul lago. Se la neve era profonda, abbiamo spalato la nostra pista di pattinaggio. Di sera andavamo a pattinare e facevamo un fuoco sul lago per la luce e per scaldarci. Nel secondo inverno in cui vivevamo lì, la neve era abbastanza leggera e il vento abbastanza forte che l'intero lago ghiacciato era rimasto senza neve per diverse settimane all'inizio dell'inverno. Ne abbiamo approfittato per fare gite di pattinaggio su tutta la lunghezza del lago (circa 5 miglia di lunghezza). Prendevamo il nostro pranzo con noi e le partite per accendere un fuoco per riscaldarci quando riposavamo e mangiavamo. A volte prendevamo anche pino domestico, dalle isole del lago, per portare a casa la madre di uno dei miei amici per fare ghirlande natalizie.

Un ultimo ricordo di Hill City che voglio trasmettere riguarda la mia esecuzione della macchina da stampa. Hill City News era un giornale settimanale, ed era stampato ogni giovedì. I miei genitori rimarrebbero spesso tutti i mercoledì sera per rispettare la loro scadenza e poi, giovedì mattina, mi tirerebbero fuori dal letto e mi chiederanno di fare la stampa mentre fanno un pisolino. Ero orgoglioso, a 10 e 11 anni, di avere fiducia nella gestione di quell'enorme e apparentemente pericolosa stampa, tutta sola nella tipografia, dove dovevo sfamare le carte a mano, una alla volta, tenendo il passo con il funzionamento velocità della stampa. Mi sentivo importante; tutta la città aspettava la notizia, che stavo stampando. Non importava che mi mancasse regolarmente la scuola il giovedì mattina mentre gestivo la stampa. Non importava ai miei genitori, al mio insegnante o al preside della scuola. Tutti sapevano che stavo imparando più a gestire quella stampa di quanto avrei imparato durante quelle ore a scuola.

—–
Ho raccontato questi ricordi come storie su me stesso e sui miei amici, ma le vere star erano i nostri genitori e gli altri adulti della comunità, che erano abbastanza saggi da fidarsi di noi e stare negli sfondi delle nostre vite piuttosto che nei primi piani. A causa di tale fiducia abbiamo vissuto un'infanzia avventurosa e da ogni avventura che abbiamo imparato. La lezione più importante che abbiamo imparato, che è anche la lezione più importante che chiunque abbia mai imparato, è stata come assumerci la responsabilità per noi stessi. Questa è una lezione che non può essere insegnata. Deve essere appreso di nuovo da ogni persona e l'apprendimento richiede libertà, compresa la libertà di commettere errori, di fallire e talvolta di farsi male.

E la tua infanzia? Che ricordi hai di avventure che sarebbero proibite dalla maggior parte dei genitori oggi? E quali idee hai per far rivivere la libertà dell'infanzia? Apprezzerei i tuoi pensieri e storie, nella sezione commenti qui sotto. Nel post della prossima settimana continuerò il tema della genitorialità fiduciosa delineando alcune delle forze che hanno causato il suo recente declino e suggerendo possibili percorsi per il suo risveglio.
——–

Guarda il nuovo libro, Free to Learn

——–

Gli appunti
[1] La citazione è tratta da "An Idyllic Childhood" di Hillary Rodham Clinton, in SA Cohen (a cura di), The Games We Played: A Celebration of Childhood and Imagination . Simon & Schuster, 2001.

Solutions Collecting From Web of "Hillary Clinton e My Wonderful Childhoods"