Hey Prof, la Xbox va laggiù!

Quando sposti il ​​tuo studente al college nei prossimi fine settimana, potresti essere sorpreso di scoprire chi è lì per aiutarti.

Mike Robertson
Fonte: Mike Robertson

Ogni agosto nella mia università, la facoltà riceve e-mail, inviate con grande importanza, con urgenza chiedendo facoltà di aiutare con i giorni di trasloco. E ogni anno, ho colpito "cancella", ma anche contento al solo pensiero di quei messaggi.

Le e-mail contengono suppliche, accattonaggio e anche un po 'di corruzione, suggerendo che se lo facciamo, gli amministratori ci daranno da mangiare, ci terranno idratati e ci offriranno una grande opportunità per incontrare nuovi studenti nel campus. Si, sai cosa? Conserva le tue acque in bottiglia, i panini Gatorade e tacchino e veggie. Preferisco aspettare per incontrare i nuovi studenti in classe.

Non è solo il fatto che l'indice di calore è 112 all'ombra qui in South Carolina, o che a volte ottengo la fitta occasionale nella parte bassa della schiena a 47 anni, o che di recente ho avuto un intervento chirurgico per la sindrome del tunnel carpale e voglio andare piano sui miei polsi . È che i membri delle facoltà non appartengono davvero alle cose degli studenti e ai dormitori al trasloco. Ecco perché.

Siamo a un bivio nell'istruzione superiore. Andare al college significa molto più di quanto non fosse, e significa anche molto meno di quanto abbia mai fatto. Sappiamo che i giovani diminuiscono notevolmente le loro possibilità di trovarsi in povertà se frequentano e finiscono l'università. Sappiamo che sempre più datori di lavoro si aspettano lauree universitarie, anche per lavori che non ne hanno mai richiesto uno prima. Sappiamo che il college può essere un'esperienza trasformativa e che tale privilegio non dovrebbe appartenere a poche persone.

Ma sappiamo anche che, negli ultimi anni, abbiamo iniziato a mandare le masse all'università, se vogliono o no essere lì, se sono minimamente preparate e se i college e le università hanno davvero o meno il personale, risorse materiali, strutture edilizie e infrastrutture per supportare la gamma di bisogni accademici e psicosociali che tutti questi studenti portano.

A prima vista, sembra un gesto gentile e generoso per i membri della facoltà di essere in prima linea per incontrare e accogliere nuovi studenti e genitori durante il trasloco e per personificare tutti gli ideali che molti college e università stanno cercando di commercializzare: accessibilità , bassi rapporti tra studenti e professori, un nutrito ambiente familiare, un luogo in cui tutti conoscono il tuo nome, un ambiente centrato sullo studente e un elevato "servizio clienti". E in superficie, solleva il fattore dell'anca per i genitori di tornare a i loro amici e dicono che un famoso professore di matematica ha aiutato la piccola Johnny o Susie a spostare un televisore o una scatola di vestiti.

È un po 'come un'iniziativa che alcune università hanno implementato con cui i membri della facoltà si iscrivono per fare "visite a domicilio" agli studenti nei loro dormitori, per verificare come stanno gestendo la transizione al college, per portare loro caramelle e ringraziarli per aver scelto quell'istituzione. (Leggi qualcosa del tipo: grazie per aver scelto Hilton o Marriott Se c'è qualcosa che possiamo fare per rendere il tuo soggiorno più piacevole, non esitare a chiedere!) Mi ricorda di stare in un albergo e di ricevere colpi di sorpresa sulla porta da servizio in camera e pulizie. Certo, le fragole ricoperte di cioccolato o una scorta fresca di asciugamani morbidi possono essere desiderabili, ma non voglio queste visite non richieste quando mio marito e io ci sentiamo intimi. Immagino che gli studenti prendano il vento di questo programma intrusivo e fingano di essere assenti e non rispondano alla porta – proprio come faccio quando vedo missionari porta a porta nel vicinato.

In apparenza, questi sforzi guidati dall'amministrazione sembrano ben intenzionati e premurosi, e possono persino colpirli come mosse intelligenti per aumentare la fidelizzazione delle matricole, un obiettivo universale nell'istruzione superiore.

Ma questo non è un campo estivo. E i membri della facoltà non gestiscono un bed and breakfast, dove la responsabilità è quella di aiutare i nuovi ospiti a schivare i loro beni terreni. Oh, ma forse è questo che si sta trasformando in, dal momento che, dopo tutto, arriverà ad aprile, riceveremo le e-mail che ci chiedono di venire a cucinare e servire pancakes alle 21 per studenti affamati e stressati prima della settimana finale.

Come è successo? Come siamo arrivati ​​a questo punto dell'istruzione superiore in cui ai membri della facoltà viene chiesto di partecipare a tutti questi espedienti orientati ai consumatori e ai clienti?

Alcune persone potrebbero dire che quelli di noi che resistono sembrano pretenziosi o non sono bravi giocatori di squadra. È solo che le responsabilità della facoltà si sono ampliate fino a includere tanti cappelli nel campus, nella comunità e nella propria disciplina, che non c'è spazio per aggiungere fattorino e concierge alla descrizione del lavoro.

Queste richieste esercitano un'enorme pressione, in particolare sui docenti in possesso di una cattedra che di solito credono di doversi accontentare di tutto e di tutto per essere pensati molto bene durante il periodo di permanenza e di promozione. Ovviamente, bisogna anche notare che la maggior parte delle mosse e dei figli adulti si stabiliscono, e il programma "house calls" per assicurarsi che tutti siano a posto, oltre a coordinare le colazioni dei pancake, assomiglia molto a molte donne nel senso delle proprie responsabilità a casa così come le convinzioni di molti uomini su ciò che è il lavoro delle donne. Per alcuni poi, estendere queste funzioni al posto di lavoro aggiunge un indesiderato margine materno a ciò che significa essere un professore. E i membri della facoltà di colore devono affrontare ulteriori responsabilità e oneri di rappresentanza nelle commissioni, negli eventi e simili. E le donne di tutte le razze gestiscono più del lavoro emotivo nell'interfacciamento con gli studenti rispetto alla stragrande maggioranza delle nostre controparti maschili. Non abbiamo seriamente bisogno di un terzo turno.

Ventinove anni fa, i miei genitori mi hanno aiutato a trasferirmi in un dormitorio all'Università del Wisconsin a Madison. Alcuni assistenti e upperclassmen residenti stavano aiutando a dirigere il flusso del traffico – le auto, le persone e i carrelli di roba. A quei tempi, la registrazione delle lezioni avveniva di persona: dovevi correre intorno a quell'enorme campus per ottenere firme e scramble per le classi e i professori desiderati. Quando ho ottenuto un posto in una classe estremamente popolare, mi sentivo come se avessi avuto dei pass per il backstage per ascoltare una rockstar. Ma di solito dovevo aspettare un paio di semestri per ottenere le classi più richieste.

Non è stato fino alla fine della mia esperienza universitaria che l'università è passata alla registrazione telefonica, e non è stato fino agli ultimi 20 anni che le istituzioni si sono convertite ai sistemi di registrazione online. Così ora gli studenti possono ottenere le loro classi in mutande alle 3 del mattino con maggiore facilità e molto meno sforzo. Ma ciò che manca in questo processo è il senso del premio: la preziosa opportunità di imparare, pensare e scrivere insieme a un grande professore.

Avrei trovato assurdo se i professori che diventavano i miei più cari mentori mi aiutassero a sistemarmi nei dormitori o mi avessero controllato in una fredda sera di ottobre. La loro stessa leadership, autorità, creatività e credibilità sarebbero state notevolmente indebolite. Forse sarebbe stato bello per un minuto, ma poi si sarebbe sentito come un genitore che veniva a ubriacarsi o in alto con i loro figli adolescenti. Non è appropriato. E anche si sarebbe sentito invadente.

Quando ai professori viene chiesto di aiutare gli studenti a trasferirsi nei dormitori, la natura stessa dell'accesso, dell'intimità e della comunità viene fraintesa, distorta e mutilata. Non trasformiamo l'istruzione superiore in un teatro dell'assurdo. Invece, alziamo le tende il primo giorno di scuola, facciamo incontrare professori e studenti, e lasciamo che la passione e la magia si svolgano in quei momenti meravigliosi che accadono quando i membri della facoltà fanno ciò che sono veramente lì per fare: creare un open comunità di apprendimento intimo e trasformativo.

Nota: una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su Inside Higher Ed l'8 agosto 2017.

Solutions Collecting From Web of "Hey Prof, la Xbox va laggiù!"