Hey Doc, non sono pazzo! – Parte I

Mecklenburg County/Flickr
Fonte: Contea di Meclemburgo / Flickr

Recentemente, un paziente nella mia pratica di psicologia medica ha iniziato il nostro primo incontro dicendo: "Ehi Doc, non so perché sono qui, non sono pazzo!" Questo non è insolito, e anche se la maggior parte dei pazienti medici non sono disposti a affermare la loro preoccupazione per essere stati invitati a vedere questo psicologo con audacia, questo è ciò che molti di loro stanno pensando. Un'altra paziente mi ha detto che è stata effettivamente insultata quando il suo dermatologo ha raccomandato che venisse a trovarmi.

Ora è abbastanza comprensibile perché molti pazienti medici siano scoraggiati dall'idea di vedere uno psicologo. Storicamente, i pazienti venivano indirizzati a psicologi clinici (e psichiatri) a causa di problemi di salute emotiva / mentale. Questo è ancora vero per la maggioranza di coloro che vengono trattati da questi specialisti. Sempre più spesso, nell'era della cura integrata e della salute comportamentale, questo sta cambiando.

All'inizio della mia carriera, ben prima che questi nuovi modelli iniziassero a evolversi, io, come membro della Divisione di Medicina Interna della Scripps Clinic, a La Jolla, in California, ho iniziato a consultare i pazienti in consultazione quando i loro sintomi fisici molto significativi non erano supportati da le prove mediche. I miei colleghi medici hanno imparato come indirizzare questi pazienti senza sentirsi abbandonati o sminuiti, e ho imparato a lavorare con loro in un modo che si sentivano rispettati e compresi.

In questo post del blog parlerò della relazione tra fattori emotivi e alcuni tipi di problemi medici / sintomi fisici ("Gestire l'ansia nei malati di medicina" – http://www.psychiatrictimes.com/special-reports / gestione-ansia-medico …)

Vorrei essere chiaro: non sono un medico e quando lavoro con pazienti medici, continuano a vedere il medico che li ha indirizzati. In quei casi, in cui un paziente che sto vedendo vuole affrontare problemi di salute o sintomi fisici, rinvio quel paziente a un medico per una valutazione medica approfondita prima di intraprendere qualsiasi tipo di programma di salute comportamentale. Nei miei prossimi due blog, discuterò l'interazione tra il rapporto fisico e psicologico e il rapporto mente-corpo, con un focus specifico sui seguenti problemi medici:

In questo blog:

  • Diabete
  • Sindrome dell'intestino irritabile / morbo di Crohn
  • Reazioni allergiche

Successivamente, mi concentrerò su:

  • Obesità
  • Malattia cardiovascolare
  • Mal di schiena

Una delle mie prime esperienze fu con un gentiluomo che era stato indirizzato a me dopo che i suoi dolori allo stomaco erano stati accuratamente investigati, ei suoi medici non riuscirono a trovare alcun problema medico che spiegasse la sua angoscia. Venne nel mio ufficio, si sedette, mi guardò con aria interrogativa e disse: "Perché sto parlando con uno psicologo? È il mio stomaco che fa male. "Ho parlato della relazione tra emozioni e sintomi fisici, e poi ho detto:" Senti, ti farai pagare per questa visita comunque, quindi perché non passiamo qualche minuto a parlare di ciò che è continuando – e, comunque, mentre stiamo parlando, vorresti alzare le spalle e stringere i pugni? "Mi guardò con curiosità, ma seguì la mia richiesta.

Ho fatto una breve storia e ho rivisto le sue cartelle cliniche, ma ogni volta che le sue spalle si abbassavano, gli ricordavo di alzare le spalle e stringere i pugni. Pochi minuti dopo, ho chiesto come si sentiva, e ha detto che le sue spalle ferite, e così ha fatto la sua schiena.

litvinovigor1/Flickr
Fonte: litvinovigor1 / Flickr

Gli ho detto che molte persone tendono le spalle senza esserne consapevoli e spesso sviluppano dolori alle spalle e alla schiena. Quando furono visti da reumatologi o ortopedici, fu loro detto che non c'erano prove mediche per spiegare il loro dolore. In quel momento mi guardò e chiese: "Può accadere anche al tuo stomaco?" Dopo aver annuito affermativamente, si mise a sedere e cominciò a discutere i suoi problemi di lavoro, le pressioni che era sotto casa e le circostanze che lo ha portato a provare sofferenza gastrica. Una combinazione di visite con me, un consulto con un dietologo che lo guidava ad evitare cibi che scatenano il reflusso gastrico e insegnandogli alcune tecniche di rilassamento, portò ad una significativa diminuzione della sua sintomatologia.

Quali sono alcune delle condizioni mediche che potrebbero portare a un riferimento a uno psicologo medico?

Agência Brasil Fotografias/Flickr
Fonte: Agência Brasil Fotografias / Flickr

Diabete / Tipo 1 o Tipo 2 – come molti di voi sanno, il diabete è una condizione medica che si traduce in elevati livelli di glucosio nel sangue ed è trattata da una combinazione di farmaci e cambiamenti dello stile di vita.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che distrugge il pancreas, che quindi non può produrre insulina, richiedendo ai pazienti di seguire un regime di monitoraggio dei livelli di glucosio, assunzione di insulina 1 e cambiamenti dello stile di vita. Il diabete di tipo 2, che è multi-fattoriale, molto più prevalente ed è associato a fattori genetici, obesità, invecchiamento, cattive abitudini alimentari e diminuzione dell'attività fisica. Il diabete di tipo 2 viene spesso trattato con farmaci orali o con insulina e cambiamenti nello stile di vita.

Che ruolo hanno gli psicologi nel trattamento del diabete? Un sacco. Nel diabete di tipo 2, la riduzione del peso, l'aumento dell'attività fisica e i cambiamenti nella dieta possono influenzare in modo significativo, e in alcuni casi invertire, il diabete di tipo 2. Nel diabete di tipo 1, oltre al monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue e all'uso di insulina, sono necessari cambiamenti nella dieta e una maggiore attività per ottenere il controllo e un A1C inferiore, una misura importante del livello di glucosio nel sangue a lungo termine. Un riferimento a un dietologo è sempre parte del protocollo di trattamento, poiché possono dire al paziente cosa mangiare. Il riferimento a uno psicologo medico è altrettanto importante per imparare come apportare le modifiche necessarie per mantenere sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue.

Ci sono molti problemi psicologici che si verificano in concomitanza con il diabete, tra cui depressione, ansia, disturbi alimentari e disagio del diabete (http://www.apa.org/monitor/2017/06/cover-diabetes.aspx). Un quarto delle persone con diabete sperimentano depressione a un certo punto della loro vita ( American Psychologist , 2016) e gli adulti con diabete hanno il 20% in più di probabilità di avere disturbi d'ansia. Gli interventi psicologici possono trattare queste condizioni, migliorare comportamenti come l'aderenza medica, ritardare l'insorgenza della malattia e persino prevenire lo sviluppo del diabete in primo luogo (http://www.apa.org/monitor/2017/06/cover-diabetes.aspx ).

Come tutti sanno, la gestione a lungo termine dell'assunzione di cibo e l'aumento dell'attività fisica sono difficili da sostenere. Gli psicologi sono spesso una parte fondamentale della strategia di intervento per i pazienti diabetici per aiutarli ad attuare i cambiamenti dello stile di vita.

WiseGeek/Wise Geek Health
Fonte: WiseGeek / Wise Geek Health

Sindrome dell'intestino irritabile / Morbo di Crohn – i suddetti problemi sono sia gravi che dolorosi per coloro che ne soffrono. I pazienti sono spesso curati dai gastroenterologi. Una combinazione di test diagnostici, cambiamenti dietetici e farmaci fanno parte del regime di trattamento. In un recente articolo intitolato "Problemi psicologici nelle malattie infiammatorie intestinali", gli autori hanno descritto come le esperienze stressanti influenzino negativamente il corso dell'IBS (https://www.hindawi.com/journals/grp/2012/106502/).

Inoltre, il fatto che i sintomi siano spesso imprevedibili, cronici e spesso influenzano il paziente in tutti gli aspetti della sua vita, suggerisce che una delle conseguenze di queste malattie è lo sviluppo di problemi psicologici associati. Ad esempio, quei pazienti sperimenteranno spesso ansia e depressione che influenzano significativamente la loro qualità di vita. In questo caso, il ruolo dello psicologo può essere duplice: aiutare il paziente a gestire lo stress che colpisce i suoi problemi gastrointestinali; e aiutare i pazienti a gestire l'ansia e la depressione che spesso si sviluppano a seguito di questi problemi medici.

A questo punto le evidenze della ricerca suggeriscono che la gestione dello stress, l'allenamento rilassante e alcune forme di terapia cognitivo comportamentale possono aiutare i pazienti ad affrontare efficacemente la loro malattia di base e le conseguenze di questo tipo di problema medico.

Malattie allergiche – I pazienti possono avere malattie allergiche tra cui l'asma alle reazioni a cibi, odori, fumo e punture di insetti. Non trattate, le reazioni a un allergene specifico possono portare a shock anafilattico e persino alla morte. Quindi potresti chiedere, perché qualcuno di questi pazienti dovrebbe essere indirizzato a uno psicologo? Perché lo stress può contribuire in modo significativo all'intensità di una reazione allergica. A volte le false credenze di un paziente sulle loro allergie li portano ad avere una qualità limitata della vita, e una risposta paurosa a una reazione allergica esacerba l'intensità dei loro sintomi. Secondo un articolo di Immunology and Allergy Clinics del Nord America , "Stress and Allergic Diseases", stress psicologico eccessivo e disturbi allergici sono legati a molte condizioni allergiche che vengono considerate disturbi psicosomatici che hanno peggiorato gli esiti per i pazienti con alti livelli di stress.

WiseGeek/Wise Geek Health
Fonte: WiseGeek / Wise Geek Health

Le allergie sono reali e le medicine per curarle sono molte e varie. Tuttavia, la paura di una reazione allergica può aumentare notevolmente il modo in cui il corpo risponde e i pazienti possono generalizzare ad altri agenti non allergici. Un collega medico conduce sfide cieche con pazienti che credono di essere allergici a determinate sostanze. In un ambiente controllato, il paziente è esposto a una serie di odori, compresi quelli a cui il paziente crede di essere allergico. In molti casi, la convinzione del paziente circa la loro sensibilità a un certo tipo di allergene non è supportata dal fatto di esserne effettivamente esposta. Permettetemi di darvi tre brevi esempi di ciò di cui sto parlando.

Un paziente con una reazione allergica al fumo di sigaretta è diventato così spaventoso che ha iniziato a limitare il numero di attività sociali e professionali in cui era disposto a partecipare. Con l'aiuto di un esperto nell'insegnargli tecniche di deglutizione, e il mio aiutarlo a ridurre le sue reazioni di panico, ha fatto progressi significativi e ora sta vivendo una vita piena e attiva. Ha ancora un'allergia al fumo di sigaretta, ma non limita la sua gamma di attività.

Un'altra volta, mi è stata riferita una donna che credeva che fosse asmatica per più di 10 anni. Non solo stava assumendo alte dosi di farmaci, ma aveva anche paura di camminare a più di 20 o 30 piedi dalla sua auto. Qualsiasi mancanza di respiro la fece prendere dal panico e usava un inalatore. Dopo aver discusso e messo alla prova la sua capacità di camminare senza affaticarsi, è stata rivalutata dal suo allergologo, che ha scoperto di non avere l'asma e, in un periodo di tempo, ha interrotto l'uso di farmaci e ha fatto ritorno a una vita normale.

Un ultimo paziente era un uomo che credeva di avere allergie a un numero di alimenti e odori che portavano a visite multiple a numerosi medici. È stato valutato e ha riscontrato solo una lieve reazione allergica a due prodotti alimentari. Successivamente ha appreso una serie di tecniche cognitive comportamentali ed è stato in grado di tornare ad avere una vita sociale e un percorso di carriera completi.

Allora, quali sono i take away per i lettori di questo blog? Innanzitutto, c'è spesso un'interazione tra malattia medica, sintomi fisici e problemi psicologici. Aiutare i pazienti a capire questo spesso porta a una migliore qualità della vita, a un numero inferiore di visite mediche e ad una maggiore soddisfazione generale.

Solutions Collecting From Web of "Hey Doc, non sono pazzo! – Parte I"