Hey Commissario … Hand Me That Predictive Tool (Part 2)

Quando ho istruito i detenuti penitenziari federali decenni fa, ho fatto un grosso errore. La seconda parte di "Hey Commissioner: Hand me that Predictive Tool" parla di come accadono errori come questo e cosa significano. Nella prima parte di questo post in due parti, ho discusso le virtù degli strumenti predittivi al momento di decidere quali prigionieri condannare. Ma le persone abbandonano gli strumenti predittivi disponibili e cercano invece di scrutare l'anima del prigioniero, sostenendo che i loro giudizi intuitivi sono più accurati.

Come decidono invece le schede per la libertà provvisoria? La maggior parte ha le informazioni demografiche nel file, così come una registrazione del comportamento precedente del detenuto. Ma essendo la natura umana quella che è, alcune di queste preziose informazioni diagnostiche vengono semplicemente ignorate e tutte sono ponderate in modo errato. In un'intervista alla National Public Radio, un recente commissario del Maryland Board of Parole ha spiegato il suo metodo per prendere decisioni sulla libertà vigilata: "Guardi nei loro occhi; puoi sentire, sai, se sono sinceri o meno. E impari a vedere qualcosa attraverso di loro. "

Apparentemente le loro anime non sono trasparenti, ma c'è una ragione per cui non ridono troppo di questa idea. Nel 1981, una commissione per la libertà vigilata si riunì per ascoltare il caso di un detenuto che stavo facendo da tutor al penitenziario federale di Lewisburg. L'operatore del caso del detenuto ha suggerito di parlare a suo nome all'udienza sulla parola. Le mie esperienze con questo detenuto erano buone; ha lavorato sodo per i suoi incarichi ed era sulla buona strada per prendere il GED. Il mio ultimo testamento è stato per un detenuto che, più tardi, ho scoperto, ha corso un violento stupro mentre era in prigione – una parte di lui che non condivideva mentre pratichiamo le nostre radici quadrate. È un detenuto penitenziario federale speciale che spaventa altri prigionieri .

Cosa è andato storto quando ho fornito la testimonianza? Innanzitutto, le mie prove erano limitate. L'ho visto solo una volta alla settimana, nella protezione della biblioteca del carcere. In secondo luogo, le prove limitate che ho avuto erano, in realtà, non diagnostiche di riforma. Imparare a moltiplicare le frazioni, comportarsi educatamente, presentarsi prontamente, ecc., Non prevede il successo in parole. In terzo luogo, non sembrava molto diverso dalle persone con cui sono cresciuto e con cui ho lavorato. (Quando guidavo un camion, ero socio di un tizio che teneva una pistola nel bagagliaio e lo portava fuori per una lunga notte di guida per pulirlo, un po 'nervosamente ho pensato.) Il problema è che queste esperienze contavano me. Questa familiarità ha influenzato il mio giudizio sulla pericolosità del detenuto. Alla fine, mi sono fidato del mio stesso giudizio.

Il pubblico americano paga caro quando il nostro sistema di parole liberate usa metodi di frizione del caffè per risolvere i problemi di una megemocrazia del XXI secolo. Quando le parole condizionali commettono lo stesso crimine, le persone vengono danneggiate. Quando violano in altro modo le loro condizioni di rilascio, il loro reimpegno è costoso. Nel frattempo, ci sono molti detenuti eleggibili per le parole che non si recidano se rilasciati. Eppure, il nostro sistema di correzioni continua a impiegare tecniche di udienza sulla parola che garantiscono di sbagliare. Questi metodi sono più adatti alla conversazione pigra che all'identificazione scientifica. Come risultato di questa negligenza, il sistema di correzioni distribuisce circa $ 18.000 all'anno per ogni persona a cui viene negata la libertà condizionale da parte di un consiglio che si sarebbe integrato bene, e sulla propria moneta. Questa immagine del sistema di correzioni lascia fuori la questione importante e delicata di identificare le parole per il candidato. Uno studio del 2002 sulla recidiva del Bureau of Justice Statistics indica che i tassi sono più alti per furto di autoveicoli (78,8%, $ 4000 per istanza), possesso o vendita di beni rubati (77,4%, $ 8000), furto (74,6%, $ 370), e furto con scasso (74,0%, $ 1400). Altre versioni di parole errate possono essere anche più costose. Basando i costi del danno sui premi civili, uno studio recente, "Misurare i costi ei benefici del crimine e della giustizia", ​​ha messo il costo medio di un'istanza di incendio doloso (senza fatalità) a $ 38.000 e l'abuso fisico di un bambino a $ 67.000.

Le persone che costruiscono questi modelli spesso si chiedono perché la gente non possa ingoiare il proprio orgoglio e farsi da parte. Ma la nostra arroganza si basa su un'auto stima ingiustificata che ci rende ciechi alle nostre fragilità. Non possiamo scuotere l'idea che queste abitudini di previsione, con i loro punteggi esangui, non possano seguire il sottile tessuto e le svolte del comportamento umano. Da un punto di vista psicologico, questa impressione è comprensibile. I detenuti vogliono essere ascoltati. Così fanno le loro vittime. I tribunali sono diventati sempre più sensibili al valore riparativo di questa chiusura. I detenuti vogliono che le persone sappiano che esiste la redenzione, che credono di non essere la stessa persona che ha commesso il crimine per cui sono stati incarcerati. La loro esperienza di prigionieri li ha trasformati, rendendoli pieni di rimorso, più empatici, più determinati a contribuire alla società e più impegnati che mai a dare un impatto positivo sulle vite che toccano. Le vittime e le loro famiglie vogliono che gli altri sappiano che le loro vite sono state alterate in modo permanente dagli atti della persona prima di loro. Sembra ingiusto calmare la loro voce solo così possiamo sentire i dati parlare. Ma non è proprio quello che stiamo facendo. L'alternativa è paternalistica. Se pensate che applicare i numeri a un essere umano sia essenzialmente disumanizzante, parlate con i nuovi genitori del punteggio di Apgar, applicato ai neonati entro pochi secondi dalla nascita. Questo semplice numero guida il trattamento del bambino sul posto e, come si scopre, prevede complicazioni lungo la linea. I nostri doni più preziosi, abbracciati dai numeri.

Dopo 30 anni di sviluppo, non vi è nulla di alto rischio o sperimentale su queste tecniche decisionali relative alla libertà vigilata. Le istituzioni di correzione ora possono utilizzare software disponibile in commercio per guardare fuori anni oltre un arresto o un'ammissione, per determinare se un paziente o un detenuto saranno violenti (per soli due esempi, vedere qui o qui).

Onestamente non so se il mio studente GED, il detenuto degli Stati Uniti, sia mai stato rilasciato su parole. Nel 1981, la commissione per la libertà vigilata non poteva ignorare la mia previsione. La domanda è: perché le schede di parole continuano a offrire le loro?

JD Trout è un professore di filosofia alla Loyola University di Chicago, e il suo libro, The Empathy Gap: Building Bridges to Good Life and Good Society, è apparso recentemente con Viking / Penguin.

Solutions Collecting From Web of "Hey Commissario … Hand Me That Predictive Tool (Part 2)"