Heart on Fire: Confessions of a Love Warrior

Personalmente e artisticamente, Scott Stabile è un incantatore: uno scrittore vulnerabile, divertente, intelligente che si prende non troppo sul serio, ma abbastanza seriamente da fare domande importanti. Nel suo ultimo libro, Big Love, una raccolta coraggiosamente onesta di saggi personali, porta il lettore in una cavalcata selvaggia attraverso il paesaggio delle possibilità dell'amore. Stabile scrive dell'omicidio dei suoi genitori quando aveva 14 anni, la sua lotta per la vita gay, l'overdose di eroina di suo fratello, i suoi 13 anni di appartenenza a un culto senza nome e le lotte e i trionfi quotidiani che gli hanno dato un'intuizione davvero notevole.

I suoi libri precedenti includono Just Love , Iris e L'il Pet Hospital Series. Ha anche scritto il lungometraggio The Oogieloves in Big Balloon Adventure. Oltre al suo lavoro come oratore, insegnante e attivista, i post e i video ispiratori di Stabile hanno attirato un enorme seguito di social media. Recentemente abbiamo parlato del dolore, del perdono, del potere di scelta e di come diventare un "guerriero dell'amore".

Mark Matousek: Thomas Merton dice: "La preghiera e l'amore si imparano nell'ora in cui la preghiera diventa impossibile e il cuore si è trasformato in pietra". Nel tuo libro, ti accorgi che l'amore è una pratica che si rafforza attraverso prove e tempo. Puoi parlare della relazione tra avversità e amore?

Scott Stabile: Ho perso i miei genitori in tenera età, quindi questa è stata la mia più grande avversità. Avevo 14 anni quando furono uccisi a colpi di arma da fuoco. All'epoca ero troppo giovane per avere una sorta di risposta cosciente a ciò che stavo vivendo, così ho seppellito il dolore e il dolore di perderli. Sono andato avanti con la mia vita e ho fatto del mio meglio per evitare qualsiasi conversazione sulla mia famiglia e sui miei genitori.

A 20 anni, ho iniziato a rendermi conto che, impedendomi di provare dolore e rabbia per aver perso i miei genitori, mi stavo riducendo alla piena esperienza della vita. Non puoi mettere un muro nell'oscurità senza mettere un muro alla luce. Allo stesso tempo, ho iniziato a riconoscere che l'amore si sentiva come la forza guida più potente che potevo usare per andare avanti nella mia vita.

Nel libro, parlo di quelle esperienze che mi hanno strappato dal mio centro, e quando parlo di amore, parlo di quelle cose che l'amore informa nella nostra vita. La gentilezza è un riflesso dell'amore. La compassione è una riflessione. Il perdono è una riflessione. L'autenticità è una riflessione. Durante i momenti più difficili della mia vita, è stato l'impegno dell'amore che mi ha portato dall'altra parte. Questo include amare me stesso. Quando attraversiamo le avversità, possiamo essere paralizzati dal nostro autoabuso nei termini di come stiamo reagendo e rispondendo a qualsiasi cosa stiamo attraversando, invece di essere gentili con noi stessi e trovare un amore e una compassione più profondi per noi stessi.

MM: E questa avversità può influenzare la nostra capacità di amare nelle relazioni intime e romantiche?

SS: Le relazioni, sia romantiche che familiari o con amicizie strette, sono quelle in cui tendiamo a essere più provocati da altre persone. Nella mia relazione con il mio partner, ottiene la versione meno paziente di me e riesce a vedere la più brutta di tutte le versioni di me. Ma siamo ancora insieme 10 anni dopo, perché so che ogni volta che possiamo portare amore al momento presente, serviremo tutti i soggetti coinvolti.

Oltre a questo amore, la comunicazione è una delle grandi cose che possono creare o distruggere le relazioni. Possiamo presentarci nella nostra comunicazione con i nostri partner da un luogo incolpevole, chiuso, inflessibile, oppure possiamo presentarci con franchezza, senza la necessità di avere ragione in tutto ciò che stiamo dicendo, e con empatia, in termini di esperienza che potrebbero attraversare in quel momento. Quelle scelte sono informate scegliendo l'amore.

MM: Tu scrivi: "Il dolore si è seppellito per proteggermi, per impedirmi di seppellirmi al di sotto di esso". Puoi parlare di come il dolore represso si è diffuso in diverse aree della tua vita?

SS: Qualunque cosa non abbiamo a che fare, ci sta trattando in qualche modo. Sono sopravvissuto all'esperienza della morte dei miei genitori senza occuparmene davvero. Non l'ho represso coscientemente, ma qualcosa in me sapeva che la versione quattordicenne di me non poteva affrontare quel trauma. Quindi, sono andato avanti con la mia vita. Ero un bravo studente, un ragazzo popolare, e andai in un buon college. Ma qualsiasi emozione – dolore, colpa o qualsiasi cosa con cui non abbiamo a che fare – continua a insinuarsi dentro di noi. Ho sviluppato questa tosse hacking che mi riguarda al dolore che stavo sopprimendo sui miei genitori. E io stavo avendo incubi tutto il tempo.

Non possiamo evitare di sentire ciò che sentiamo e aspettarci che tutto vada bene. Quando mi sono reso disponibile a provare l'intera gamma delle mie emozioni, mi sono anche reso disponibile a sperimentare la bellezza che questo mondo ha da offrire in un modo molto più profondo.

MM: Che mi dici dell'impegno nelle relazioni prima di affrontare il tuo stesso dolore?

SS: Il mio primo rapporto a lungo termine di quattro anni e mezzo, non è arrivato prima dei trent'anni. Prima di allora, ho rotto con tutti dopo una manciata di mesi. Non ero in un posto per commettere e connettermi alle persone. In retrospettiva, è facile collegarlo alla paura dell'abbandono, ma al momento, mi sono sempre detto che non ero così interessato. Il che mi ha impedito di dover affrontare la verità più profonda di ciò che stava accadendo.

MM: Parla del potere di scelta nel diventare una forza d'amore nel mondo o in ciò che chiami un "guerriero dell'amore". Cosa possiamo fare ogni giorno per renderlo possibile nelle nostre vite?

SS: Molto di questo viene attraverso la consapevolezza, ma la gentilezza è il mandato più semplice dell'amore. Sappiamo tutti cosa si prova ad essere nel ricevere la gentilezza, così come la fine del dare. È facile sentirsi sopraffatti o paralizzati dalla realtà di questo mondo in questo momento. Come non possiamo fare nulla per fare la differenza perché c'è tanta violenza e bruttezza. Ma abbiamo così tanta forza nella nostra gentilezza, così tanto potere nell'entrare fuori con un cuore aperto e la volontà di essere gentili con i tuoi vicini e con la comunità intorno a te. Quando lo fai, inizi a vedere come stai facendo la differenza solo nel modo in cui interagisci con le persone. E questo è potere.

Possiamo integrare più empatia nelle nostre vite. Le persone non si prendono il tempo per immaginare cosa significhi camminare nei panni degli altri prima che li condannino. Se possiamo semplicemente riconoscere l'umanità in un'altra persona e prendere un minuto per immaginare come potrebbe essere la loro esperienza, potrebbe frenare un po 'di rabbia sui social media. Quindi, mostrando gentilezza, empatia e compassione, queste sono cose tangibili che possiamo fare ogni giorno, e non solo con gli altri, ma anche con noi stessi. Quello è un diffusore d'amore. Un guerriero dell'amore. Questo sta portando amore al cuore e andando fuori nel mondo con esso come una missione e un obiettivo. Fa una profonda differenza.

MM: E questo è diverso dall'essere sentimentali, non è vero? Sono stato spesso colpito da quanto sia stato spigoloso aver passato del tempo con me. C'è una ferocia (per alleviare la sofferenza) e indignazione per l'ingiustizia che può coesistere con l'amore, non credi?

SS: Le persone a volte pensano che l'amore sia debole o debole. Ma nella mia esperienza, l'amore è spesso la scelta più difficile. Quindi sì, questo è un punto molto importante. Non ci vuole sforzo per gli esseri umani a dare la colpa, la rabbia e l'auto-abuso. Ciò che richiede uno sforzo è andare oltre e trovare la compassione, l'empatia e la gentilezza. L'amore richiede un lavoro costante, ma siamo vivi, quindi perché non mettere energia in quell'unica cosa che sta per creare un mondo migliore per tutte le persone coinvolte?

Le persone più sagge sono spesso le più reali. C'è autentica nella loro umanità e la volontà di essere presenti nella rabbia che ne deriva e con qualunque altra cosa stia succedendo loro. L'amore fa rumore di fronte all'ingiustizia. Non sono uno che crede che l'amore tace. L'amore è rumoroso, ea volte l'amore infuria.

MM: Che cosa ti hanno insegnato i tuoi tredici anni con un guru sull'amore spirituale?

SS: Non credo che l'amore debba essere condizionale, ma spesso lo è. Amore spirituale o altro Il mio guru ha parlato dell'amore incondizionato come fondamento per i suoi insegnamenti, ma alla fine è stato incredibilmente condizionato perché quando mi sono allontanato da quella comunità, ha incaricato tutti di cancellarmi dalle loro vite. E sorprendentemente, hanno fatto quello che lui ha chiesto senza raggiungermi in alcun modo. La principale condizione di quel culto era che dovevamo accettare tutto ciò che il guru diceva come una direttiva di Dio. Se non lo facessimo, era la nostra riluttanza ad affrontare la verità. Non potrebbe mai sbagliare in quello che ha detto. Non credo che se operiamo dall'energia dell'amore, che dovrebbe essere condizionale, ma non è quello che ho vissuto.

MM: La mia ultima domanda ha a che fare con il perdono. Come molti altri, tu dici che non c'è amore senza perdono. Vedi il perdono come uno stato permanente, o è qualcosa che ha bisogno di manutenzione?

SS: Penso che possa essere entrambi. Quando guardo l'uomo che ha ucciso i miei genitori, per esempio, provo perdono per lui attraverso l'empatia. L'unico modo in cui ho trovato il perdono è stato quando sono stato in grado di connettermi alla sua umanità e riconoscere che nessuno che opera da un senso di autostima o di amore di sé potrebbe mai uccidere persone innocenti. È permanente perché non mi ritrovo a rivedere quel perdono e a cambiare idea. Ma ci sono casi che sono stati più personali. Per esempio, ho perdonato il mio ex guru, ma ci sono momenti in cui mi trovo a infuriare su quello che è successo. Ma io credo ancora nel perdono, Mark. Credo che se non sono disposto a perdonare qualcosa, è più oscuro e più potente dell'amore che ho nel mio cuore. E questa non è la mia esperienza del mondo. Almeno finora. Vedo il perdono come un mandato d'amore. Amare è perdonare.

MM: Ma non è monolitico. Il perdono può vacillare proprio come l'amore può. Questo non lo rende meno prezioso.

SS: Penso che sia umano sperimentare tutto. Mi arrabbio ancora, e sono scuro, brutto e incolpevole, ma quei momenti non durano quanto prima. Sia in una relazione o nel mondo. Quando si tratta di perdono, non sono sempre in grado di andarci all'istante. Se ho torto, non ho intenzione di perdonarti subito. Ma mi impegno a perdonarti. Ed è così che so che troverò la mia strada lì. E di certo non sono sempre amorevole, ma ho visto un grande valore nel chiedermi continuamente la domanda: "Che cosa l'amore invita in questo momento?"

Per ulteriori informazioni sul lavoro di Scott Stabile, visitarlo su www.scottstabile.com

Solutions Collecting From Web of "Heart on Fire: Confessions of a Love Warrior"