Heart Health a Midlife and Alzheimer's Disease

Si stima che 5,4 milioni di persone abbiano il morbo di Alzheimer e ci sono fino a 14,9 milioni di caregivers non retribuiti per le persone con malattia di Alzheimer. Le spese annuali per il disturbo superano $ 183 miliardi, secondo i fatti e le cifre del 2011 dell'Associazione Alzheimer (http://www.alz.org/downloads/Facts_Figures_2011.pdf).

La malattia di Alzheimer è devastante per le persone colpite dal disturbo. È anche una grande fonte di ansia per gli adulti di mezza età.

Storicamente, i fattori di rischio per la malattia di Alzheimer sono stati in qualche modo elusivi. C'è una componente genetica del disturbo, ma nessun singolo gene sembra trasmettere un forte rischio ereditario. Piuttosto, è probabile che diversi geni aumentino il rischio in modo incrementale e solo pochi di questi geni sono stati identificati. I fattori legati allo stile di vita possono alterare il rischio per la malattia. Ad esempio, le persone con più istruzione sono a basso rischio per la malattia di Alzheimer, ma ancora una volta, gli effetti qui non sono forti.

Le prove più recenti suggeriscono che una cattiva salute cardiovascolare può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer. Alcuni dei dati più impressionanti provengono da studi longitudinali sullo studio dei fattori di rischio cardiovascolare, dell'invecchiamento e della demenza (CAIDE) dalla Finlandia. Gli investigatori hanno seguito i partecipanti per una media di 21 anni, da 50 a 71 anni, e hanno scoperto che il colesterolo totale, il fumo e l'alta pressione sistolica a mezz'età erano associati a un maggiore rischio di malattia di Alzheimer in età avanzata.

Questa ricerca è promettente. I fattori cardiovascolari sono relativamente nuovi rischi identificati per il morbo di Alzheimer e più possiamo conoscere il rischio per l'AD, maggiore è la speranza di prevenire o addirittura eliminare il disturbo. Inoltre, i fattori di rischio cardiovascolare sono modificabili. A differenza dei fattori di rischio sui quali non abbiamo alcun controllo, come l'invecchiamento e i geni, esistono modi efficaci per migliorare la salute del cuore.

Perdere qualche chilo, camminare un paio di miglia al giorno e mangiare più cereali integrali, frutta e verdura può avere effetti piccoli ma additivi che potrebbero ridurre il rischio di AD nei decenni che intervengono tra la mezza età e l'età avanzata, tradizionalmente definiti come a partire da 65 anni. In effetti, la salute di mezza età può essere particolarmente importante per il rischio di malattia di Alzheimer perché una cattiva salute del cuore all'età di 45 o 50 anni, se non corretta, può avere forti effetti sulla salute futura a causa dell'accumulo di danni sui sistemi di organi che forniscono al cervello ossigeno e sostanze nutritive necessarie. Faremmo tutti bene ad ascoltare la saggezza del cuore e ci prenderemo cura!

Solutions Collecting From Web of "Heart Health a Midlife and Alzheimer's Disease"