Haiti: allevare bambini in lutto

Cerco di seguire molti articoli della stampa quotidiana su ciò che sta accadendo ad Haiti. La televisione ci fornisce immagini grafiche della distruzione e delle condizioni di vita dei sopravvissuti. Ciò che trovo particolarmente interessante è il numero di bambini rimasti orfani; sono lasciati senza parenti e molti di loro potrebbero essere troppo giovani per sapere chi sono. I numeri sono grandi e le risorse sono molto limitate in termini di fornire a questi bambini un'assistenza minima. Ci sono orfanotrofi ma anche loro sono sopraffatti. Le loro risorse vengono tassate in modi che non potrebbero immaginare o pianificare. Questo blog tratta di allevare bambini in lutto sulla base del libro che ho scritto con Madelyn Kelly, Guida per genitori di Raising Grieving Children. Ma cosa facciamo quando non ci sono genitori per allevare questi bambini?

Non ci sono risposte semplici. Penso alle tre C, Care, Connection e Continuity, che in passato ho detto di dover essere parte della vita dei bambini per facilitare il loro affrontare il dolore. Ora li vedo come affermazioni ingenue. Stanno bene per un mondo che, nonostante il fatto che una parte di esso sia andato in pezzi con la morte di un genitore o di un fratello, ha ancora un certo ordine in esso. I bambini hanno ancora una famiglia e un posto nel loro mondo che chiamano casa, e dove ci sono persone che possono fornire loro assistenza (un luogo sicuro dove vivere), connessione (senso di appartenenza e condivisione di un dolore comune), e Continuità (la sensazione che il mondo continuerà e che fanno parte di una storia familiare comune). Queste condizioni per affrontare il loro dolore non sono disponibili per questi bambini haitiani. Quando il loro mondo è letteralmente caduto a pezzi, allora concentrarsi semplicemente sui bisogni psicologici di questi bambini, nel mio modo di pensare, non sarà sufficiente. Non ho una risposta facile a ciò che è necessario, ma so che non tutti i bambini possono essere adottati da una famiglia americana. Mentre rifletto su questo dilemma, penso che l'attenzione debba essere focalizzata sulla creazione di una nuova comunità per loro.

Mi viene in mente un incontro che ho avuto con un gruppo di infermiere in visita al servizio di un quartiere povero in una grande città americana. Volevano parlare di un giovane ager adolescente la cui madre era appena morta di AIDS e il cui patrigno, anch'esso affetto da AIDS, non avrebbe dovuto vivere molto più a lungo. Vivevano con i genitori anziani del patrigno in un progetto di edilizia pubblica. Questi genitori non volevano essere lasciati a prendersi cura di questo ragazzo. Le infermiere volevano consigli su come aiutare il ragazzo con il suo dolore. Stava avendo problemi anche a scuola, anche se di solito era un bravo studente. Non avrebbe parlato con nessuno a scuola della morte di sua madre. Mentre parlavamo, divenne chiaro che ciò che stava veramente turbando questo ragazzo era la sua mancanza di sicurezza su dove sarebbe vissuto e chi lo avrebbe nutrito dopo la morte del suo patrigno. Finché non ebbe una certa sicurezza su chi si sarebbe preso cura di lui, il suo dolore sembrava irrilevante. Abbiamo parlato del suo dolore, ma mi sono concentrato principalmente sulla necessità di fare riferimento ad un'agenzia sociale che potesse fornirgli una casa e i suoi prossimi pasti. Pensavo che parlare del suo dolore sarebbe stato appropriato, visto che si era sistemato e un po 'più sicuro. Ricordando questo incontro, ho fatto un passo nella direzione di ciò che sembra necessario ad Haiti.

Ripensai al programma stabilito in Israele per i bambini sopravvissuti all'olocausto che non avevano famiglia a cui badare. I bambini vivevano in case di gruppo, spesso in kibbutzim, dove veniva prestata attenzione ai loro bisogni individuali di cibo, riparo e vestiario. C'erano adulti che vivevano con loro che fungevano da genitori surrogati, quindi questi bambini potevano sperimentare l'importanza di un adulto premuroso nelle loro vite per fornire loro una misura di sicurezza e speranza per il futuro. In un certo senso, coloro che vivono in questa casa formano una nuova famiglia per il loro gruppo.

Mentre gli haitiani ricostruiscono, mentre proviamo ad assistere, possiamo parlare non degli orfanotrofi, ma delle case di gruppo che fornirebbero a questi bambini un surrogato, una famiglia a cui questi bambini possono appartenere? Ci sono anche molti adulti haitiani che hanno perso anche le loro famiglie e che potrebbero, con un orientamento appropriato, avere un buon affare per offrire questi bambini e allo stesso tempo creare una nuova casa per loro stessi. La mia ipotesi è che in un ambiente sicuro, potrebbero quindi imparare a gestire le molte facce del loro dolore. Per implementare questa idea ci vorrebbe una buona pianificazione che si basa sul senso di comunità haitiano. Ciò che è stato fatto in Israele era adatto alla loro società. Non è chiaro se questo è l'esempio esatto da seguire ad Haiti. La mia stessa inclinazione è quella di seguire il modello di vecchia data sviluppato dal programma Partners in Health che ha portato assistenza medica alle comunità più povere nelle zone rurali di Haiti. Coinvolgono i membri della comunità a tutti i livelli di pianificazione e implementazione del loro programma. Spero che le idee considerate in questo blog possano aggiungere alla discussione la comunità haitiana e i volontari provenienti dall'estero, che portano la loro esperienza al tavolo, fanno piani per aiutare i sopravvissuti a gestire il loro dolore coinvolgeranno rappresentanti di quei sopravvissuti che hanno più in gioco in ciò che è pianificato.

Solutions Collecting From Web of "Haiti: allevare bambini in lutto"