"Hai votato per chi ?!"

Il Ringraziamento ha sempre portato con sé opportunità di divergenze d'opinione, rievocazioni del passato e, naturalmente, momenti di imbarazzo. Ma quest'anno si sente particolarmente precario! Ho avuto un sacco di conversazioni con persone che stanno portando grande trepidazione sul raduno con la loro famiglia sulla scia delle elezioni presidenziali del 2016.

Alcune persone con cui ho parlato hanno trovato utile fare un piano in anticipo. Prendi in considerazione l'invio di un'email o l'avvio di un testo di gruppo che invita la tua famiglia a una meta-conversazione . In altre parole, parla di parlare. Lavora insieme per prendere accordi su come gestirai le differenze quando sarai insieme per le vacanze.

La grande domanda è questa: la tua famiglia può impegnarsi in un dialogo sincero e curioso? Oppure, mentre le emozioni salgono, voi ragazzi prevedibilmente scivolate in lotta o in fuga? (Combattimento: un approccio di vittoria / sconfitta, parlando uno sopra l'altro, cercando di dimostrare chi ha ragione e chi ha torto. Volo: ritirarsi nel silenzio pietroso.) Se la tua famiglia è a rischio di caricarsi a capofitto in combattimento o in volo, accetta per ora poniamo una moratoria sulle elezioni. Piuttosto che essere una strategia di evitamento, una moratoria temporanea può essere un modo per onorare veramente il bisogno di sentirsi connessi e vicini durante e sconvolgenti e incerti.

Se la tua famiglia decide che tagliare il sedano accanto a qualcuno che ha votato per "l'altro ragazzo" è totalmente in grado di farlo, ecco 10 strategie da tenere a mente:

1. Connettiti con i tuoi valori massimi condivisi . Inizia ponendo la domanda "Cosa possiamo fare per proteggere questa famiglia dal rischio di conflitti indotti dalle elezioni questo Ringraziamento?" Questa domanda mette i membri della famiglia nella stessa squadra fin dall'inizio, invitando tutti a lavorare insieme su come massimizzare l'amore / godimento / affetto e ridurre al minimo il conflitto / incomprensione / dolore.

2. Parla per te. Se la tua famiglia accetta di impegnarsi in un dialogo relativo alle elezioni, ogni membro della famiglia dovrebbe impegnarsi a parlare solo per se stesso. Ciò che l'elezione suscita in individui, coppie, famiglie, comunità e la nostra nazione nel suo complesso è infinitamente complessa. Così complesso che tutti gli aspetti non possono essere pronunciati tutti allo stesso tempo. Pertanto, le parole che scegliamo di parlare devono essere radicate nella nostra prospettiva / storia / verità unica al fine di massimizzare la costruzione di ponti tra le persone. Se apro dicendo: "Quello con cui ho lottato di più è X", sto invitando la tua curiosità (piuttosto che il tuo atteggiamento difensivo). Se riesci a rimanere aperto e curioso con me mentre condivido, è più probabile che ti apro di più su ciò che, dalla mia storia e prospettiva di vita, mi porta a sentirmi in questo modo. E poi posso fare lo stesso per te.

3. Evita una storia sottile. La sfumatura è il nemico dell'estremismo. Resta vicino e sfumato l'uno con l'altro. Ecco come, centimetro alla volta, costruiamo ponti di comprensione. La nostra prospettiva è modellata da una vasta gamma di fattori, tra cui variabili sociodemografiche come razza, genere, religione, orientamento sessuale, abilità e status socioeconomico. L'impatto della cultura (poiché influisce sui privilegi e sull'emarginazione) è un aspetto emotivamente potente della reattività post-elettorale. Esistono differenze culturali attorno a ogni tavolo del Ringraziamento, anche se tutti praticano la stessa religione o condividono lo stesso colore della pelle. Pertanto, quando il dialogo si rivolge all'impatto del privilegio o dell'emarginazione in base alla posizione culturale, rimanere vicini è più importante che mai.

4. Ascolta per capire invece di rispondere. Un sacco di volte quando qualcuno sta parlando, stiamo cercando di capire cosa vogliamo dire dopo. Prova invece ad ascoltare attivamente. Ascolta per capire veramente cosa sta dicendo quella persona. Pensa a quanto sarebbe diversa la conversazione se ognuno di loro sta lavorando duramente per capire l'altro.

5. Cerca la sensazione dietro al sentimento. C'è quasi sempre un sacco di roba che si nasconde dietro la rabbia e il giudizio di qualcuno – paura, tristezza, dolore, vergogna. Sforzati di comprendere le sfumature delle rispettive prospettive e di come questa prospettiva sia radicata nell'esclusivo viaggio di vita di quell'individuo. Di solito è il percorso verso la roba tenera che si nasconde dietro lo spaccone. L'empatia cresce quando ti impegni a comprendere curiosamente qualcuno che si sente diverso da te. Sappiamo (nelle nostre ossa e nelle nostre ricerche accademiche) che l'empatia ha il potere di guarire individui, famiglie e nazioni. Pertanto, cerca una comprensione profonda e dettagliata della prospettiva dell'altro ragazzo. Anche quando è difficile. Soprattutto quando è difficile.

6. Sii consapevole. Ascolta il tuo corpo. Fai una pausa se e quando ti senti "innescato" (troppo arrabbiato o triste o timoroso di rimanere coinvolto con un cuore aperto e curioso). Durante la pausa, utilizza alcune strategie auto-calmanti come la respirazione profonda, camminando all'aperto, facendo una doccia calda o ascoltando musica.

7. Limitare il consumo di alcol . Anche se pensiamo che l'alcol ci aiuterà a sentirci più dolci e festosi, l'alcol è un depressivo. L'alcol aumenta le probabilità che gli animi si infiammino.

8. Ricorda il gioco lungo. Le ferite sono fresche adesso. Stiamo nuotando nell'incertezza. C'è così tanto che non sappiamo in questo momento. I terapeuti dicono spesso: "Chiamalo per domarlo". Dare un nome a questo fatto – abbiamo a che fare con tanta incertezza – invita alla compassione … con noi stessi e gli uni con gli altri.

9. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo (e nella tua famiglia). Ci sono almeno due energie in questo mondo quando bolle tutto. L'energia dell'amore e l'energia della paura. È davvero facile in questo momento scivolare nell'energia della paura che è abbondante. Prendi il rischio di presentarti al Ringraziamento come AMORE. Embody LOVE. Essere amore. Anche quando è difficile.

10. Pratica gratitudine. Quando abbiamo paura e dolore, può sembrare un tradimento ridere o giocare – come forse stiamo attaccando le nostre teste nella sabbia o optando per il vero lavoro che deve essere fatto. Cosa succede se si vede il Ringraziamento come un tempo per ricaricare la batteria in modo da poter tornare pronto a fare la propria parte? Guarda ancora e ancora per i momenti di dolcezza nella tua famiglia. Momenti di connessione. Di empatia. Di collaborazione. Va bene giocare, ridacchiare. Ripristinare se stessi nell'energia del proprio lignaggio e dei propri antenati è un potente tipo di attivismo. Il nostro Paese ha bisogno di amore, connessione ed empatia più che mai.

Qualche anno fa uno specialista delle dipendenze mi ha insegnato questo: "Dì cosa intendi. Significa quello che dici. Ma non dirlo in modo meschino. "Questo Ringraziamento, spero che tu possa dire la tua verità con amore. E spero che tu possa ascoltare con amore. Soprattutto, non sottovalutare lo straordinario potere del dialogo sentito tra piccoli gruppi di persone che si impegnano a vicenda: passato, presente e futuro.

Solutions Collecting From Web of ""Hai votato per chi ?!""