Hai parlato con i tuoi figli a proposito della promessa di fedeltà?

public domain - creative commons
Il saluto originale di Pledge of Allegiance era stranamente simile al saluto nazista, quindi è stato cambiato durante la seconda guerra mondiale all'attuale hand-over-heart.
Fonte: pubblico dominio – creative commons

Sei un cattivo americano se rifiuti di recitare il giuramento di fedeltà? Sei un cattivo genitore se incoraggi il tuo bambino a rinunciare all'impegno a scuola?

Affatto. In effetti, sedersi al Pegno di fedeltà e incoraggiare i bambini a farlo, può essere visto come un'affermazione di alcuni valori importanti che mancano tristemente nell'America moderna. Si potrebbe anche obiettare che sedersi sull'impegno è di per sé un nobile atto di patriottismo – o, almeno, che coloro che rinunciano non sono affatto meno patriottici di quelli che partecipano. (Nota: il diritto di rifiutare la partecipazione al Pledge è stato garantito dalla Corte Suprema degli Stati Uniti.)

Sarebbe un errore presumere che il Pledge of Allegiance sia un esercizio che unisce in qualche modo tutti i buoni cittadini. La maggior parte degli americani – liberali, moderati o conservatori – sono cittadini onesti e leali che apprezzano a un certo livello i valori fondamentali della nazione: libertà, uguaglianza dei diritti, democrazia e principi fondamentali incorporati nella Costituzione. Possono spesso non essere d'accordo su come definire e applicare quei valori, ma ciò è da aspettarsi in una società pluralistica e aperta. Con una popolazione così diversificata e una vasta gamma di punti di vista, non dovrebbe sorprendere che molti vedano poco valore in un esercizio di impegno.

Come minimo, i genitori dovrebbero parlare con i loro figli della promessa – su cosa significa, cosa non significa, e persino la sua storia. Per cominciare, i bambini dovrebbero capire che l'esercizio è volontario, perché molte scuole non li informano di questo fatto. E se i singoli bambini decidono di partecipare o no, tutti i bambini dovrebbero capire che la non partecipazione non è antipatriottica o irrispettosa. Sul retro della stessa moneta, vale la pena sottolineare che la partecipazione non fa di un patriota.

È importante che educatori e genitori realizzino che la partecipazione all'esercizio di Pledge potrebbe richiedere a un bambino di fare affermazioni contrarie alle convinzioni personali o alle questioni di coscienza del bambino – e questo naturalmente potrebbe essere malsano e problematico. Alcune famiglie potrebbero non credere che la nazione sia "sotto Dio", per esempio, mentre altri potrebbero non sentire che noi forniamo veramente "libertà e giustizia per tutti". Altri potrebbero semplicemente avere obiezioni a impegnarsi in qualcosa. Le famiglie alle prese con tali questioni fanno ancora parte del tessuto della nazione, e dovrebbero essere apprezzate e sostenute, non criticate.

Per ogni famiglia umanista, e anche per molti altri, ci sono numerose questioni relative all'impegno che vale la pena discutere. Alcuni di essi includeranno:

Il problema del giuramento di lealtà . Non importa quanto tu ami il tuo paese, potresti mettere in discussione la saggezza di ogni recitazione che equivale essenzialmente a un giuramento di lealtà. Per essere buoni cittadini, dobbiamo impegnare visibilmente e pubblicamente la nostra fedeltà? E devono farlo anche i bambini – su base giornaliera ? È interessante notare che i Padri Fondatori non hanno mai ritenuto desiderabile promuovere tali recitazioni lealtà da parte dei cittadini. (In realtà, la promessa non fu nemmeno scritta fino al 1892, un intero secolo dopo l'era della fondazione.) I corniciai, in quanto uomini ragionevoli con i valori illuministi, molto probabilmente sarebbero stati sbalorditi dall'idea che i cittadini si aspettassero di recitare regolarmente un impegno fedeltà.

Promuovere il nazionalismo . Possiamo amare il nostro paese pur rimanendo scettici nei confronti del nazionalismo. Possiamo convenire che l'America è un posto meraviglioso, dal mare al mare splendente, e che i principi su cui è fondata sono degni di esaltazione – ma ciò non significa che dovremmo costantemente incoraggiare sentimenti diffusi di nazionalismo. La storia mostra che l'orgoglio nazionale (in America e altrove) può essere esagerato, che può portare al militarismo e ad un diminuito apprezzamento degli estranei. Il nazionalismo può essere visto come una manifestazione della tendenza umana al tribalismo, e tale pensiero "noi-siamo-così-grandi" non è certo un impulso che dovrebbe essere incoraggiato. Oltre i nostri confini ci sono altri esseri umani di cui non si deve trascurare il valore e la dignità. In quanto tale, forse non dovremmo instillare i nostri figli con una dose giornaliera di superiorità nazionale.

Radici razziste e sessiste. Libertà e giustizia sono valori eccellenti, ma non sono certo una dichiarazione esaustiva di importanti valori americani. Quando Francis Bellamy, un socialista, scrisse originariamente il giuramento nel 1892, considerò di includere i valori di uguaglianza e fraternità nella recitazione, ma fu scoraggiato dal farlo. Sembra che troppi americani – in particolare quelli in posizioni di comando – si siano opposti all'uguaglianza per le donne e gli afroamericani, quindi l'inclusione di quei valori sarebbe stata troppo controversa. Pertanto, escludendo tali valori, il giuramento, come appare oggi, riflette atteggiamenti insidiosi e sottilmente insidiosi di razzismo e sessismo, ragione sufficiente per ripercuoterci su di esso.

Il problema "Sotto Dio" . Molti americani non sanno nemmeno che la dicitura "sotto Dio" è stata aggiunta al giuramento nel 1954, durante l'era di McCarthy. È interessante notare, in un sondaggio pubblicato questa settimana dalla American Humanist Association, quando gli americani sono informati su questa storia per un terzo di supporto alla rimozione delle parole e un ritorno a "una nazione, individualmente". Ovviamente, una dichiarazione che la nazione è " sotto Dio "è contrario alle credenze sinceramente sostenute da atei, umanisti e altri scettici religiosi. Ciò non infastidiva i Cavalieri di Colombo e altri gruppi religiosi che facevano pressioni per l'inclusione della frase, ma ovviamente infastidisce molti non credenti. Il sondaggio mostra che oltre il 90 per cento degli atei si oppone all'affermazione, come fanno più di uno su cinque credenti. Come si legge attualmente nell'impegno, definisce il patriottismo disegnando un cerchio che esclude milioni di atei e umanisti che, naturalmente, sono perfettamente buoni cittadini. Solo questo è motivo per molti di rinunciare.

Il problema di recitazione Rote . In un'epoca in cui il pensiero critico non è un fenomeno molto diffuso, è difficile vedere come l'atto di recitare qualsiasi impegno all'unisono con un gruppo numeroso faccia molto bene. Anche se il Pledge of Allegiance fosse una perfetta dichiarazione di valori nazionali – che non è – non è certamente un riflesso del pensiero indipendente. A volte le attività di gruppo possono avere un valore in un ambiente educativo (recitare l'alfabeto, ad esempio, o cantare canzoni). Ma di solito vengono fatti per un breve periodo – pochi giorni, o forse alcune settimane – finché la lezione o la canzone non sono completamente apprese e apprezzate, e quindi la lezione passa a qualcos'altro. Tuttavia, una recita giornaliera di un impegno di lealtà nazionale, per 13 anni , è un indottrinamento, non un'educazione.

Una dichiarazione di indipendenza . Proprio come la partecipazione all'esercizio di Pledge scoraggia il pensiero indipendente, la non partecipazione è un atto di indipendenza. Lo studente non partecipante sta facendo una dichiarazione di sorta – non una dichiarazione di slealtà, ma una dichiarazione che dice agli altri che lui / lei non sarà radunato e le parole date da recitare. Il pensatore intelligente e indipendente sa quali sono i suoi valori – e certamente non ha bisogno di un esercizio quotidiano sponsorizzato dal governo per definirli o instillarli.

Queste sono alcune delle ragioni per cui gli Americani buoni e decenti siedono al Pegno di Allegiance. I critici della non partecipazione potrebbero obiettare e potrebbero persino accusare i non partecipanti di slealtà. Il defunto senatore Joseph McCarthy, famoso per le cacce alle streghe che, non a caso, stavano accadendo mentre i Cavalieri di Colombo stavano facendo pressioni per aver inserito "sotto Dio" nell'impegno nei primi anni '50, avrebbero definito tali non partecipanti sleali e sovversivi. Questo, tuttavia, dimostrerebbe il mio punto. Se coloro che sostengono di essere "veri" patrioti possono accusare i non partecipanti di slealtà semplicemente per aver rifiutato la recita, abbiamo dimenticato il significato del patriottismo. Se mai, tali accuse dovrebbero incoraggiare anche i pensatori più critici a rinunciare.

Gli umanisti sanno che la recitazione delle parole non rende un patriota, né rinuncia a una bandiera o mette una calamita gialla sulla propria auto. Se vuoi essere un buon americano, parlare è economico – ma non c'è nulla di antipatriottico nel pensiero critico e nell'indipendenza personale.

Segui su Twitter: @ahadave

L'ultimo libro di David Niose è Fighting Back the Right: Reclaiming America from the Attack on Reason

Solutions Collecting From Web of "Hai parlato con i tuoi figli a proposito della promessa di fedeltà?"