Hai mai fatto finta di essere qualcun altro?

Photo by E. Wagele
Fonte: foto di E. Wagele

Russell Burck, Ph.D. ha scritto un lungo "Being Robby" per il mio libro, The Enneagram of Death, pubblicato dalla International Enneagram Association:

Ero a casa tra semestri nel mio secondo anno a Princeton, poco dopo il mio ventesimo compleanno. Sabato sera presto, ho ricevuto una chiamata da uno studente un anno prima di me. "Robby è morto." Ho detto, "Robby? Non Robby. "Ho iniziato a piangere. Mia madre mi ha dato una sedia per sedermi mentre chiedevo cosa fosse successo.

Robby era John Robinson, il comandante studentesco della Marina ROTC e uno studente onorato nel dipartimento inglese, una delle due persone che potevano prendermi da parte e dirmi che quello che stavo facendo non era il modo di fare le cose. Mi sono fidato di lui perché era in grado di parlare con me delicatamente e fermamente.

"Oh, no," pensai mentre sentivo il fondo cadere. "Cosa farò senza di lui?" Mi ha aiutato a stabilizzare la mia vita caotica. Stavo rimbalzando tra i modi per cercare di controllare il mondo: portare un chip sulla mia spalla e rimetterlo indietro ogni volta che pensavo che fosse stato buttato giù, prendendo qualsiasi cosa come un affronto, scoppiando di rabbia, cercando di affascinare la mia strada, migliorando l'inferno di ogni carta che ho scritto fino a che non avevo perso di vista il punto del compito e avanzavo cupamente in avanti verso chi sapeva dove.

Tutto quello che potevo pensare era: "Non c'è nessun altro a cui possa rivolgersi".

Robby e altri due studenti di Princeton avevano partecipato a una conferenza in un seminario. Sulla via di casa la loro auto ha attraversato tre corsie e si è scontrata con un'auto in arrivo. Robby è stato ucciso all'istante. Gli altri furono gravemente feriti.

Il mondo era più cupo quando tornai al campus. Volevo cercare Robby, ma non sapevo dove trovarlo. A volte le persone in lutto pensano che la loro amata non sia morta quando vedono un'altra persona che gli somiglia. Non ho sbagliato nessun altro per Robby.

Dato che non potrei vivere in un mondo senza Robby, dovrei prendere il suo posto e diventare Robby. No, non "diventa Robby". Sarei Robby.

Essere Robby era una scelta comprensibile. Mio padre era lontano da casa molto da quando avevo 2 o 14 anni. Quando andò in Arabia Saudita per lavorare come consulente agricolo mi disse che sarei diventato "l'uomo di casa". MOTH, I chiamalo. Ero già MENTALE, quindi perché non essere Robby? Non ricordo di aver pensato che come pseudo-uomo di casa, ero già stato un pretendente a un ruolo significativo. Quell'esperienza non aveva funzionato.

Non ero l'unico che ha deciso di fare qualcosa come "essere Robby". Il mio coinquilino George Hutchinson, mi ha detto durante la sua 50esima riunione, ridacchiando mentre diceva: "Sai quando è morto Robby, ho deciso che avrei avuto prendere il suo posto. "

Attraverso il mio lavoro con l'Enneagramma, ho imparato a prendere responsabilità che non sono mie. Io agisco solo supponendo che lo sia. Nel 2007, ho scritto alcune colonne sull'importanza di avere un codice etico per gli insegnanti che lavorano nella modalità insegnata da Helen Palmer e David Daniels. Peter O'Hanrahan respinse quelle colonne. Successivamente, l'associazione degli insegnanti ha respinto ogni proposta di tale codice. Non avevo la responsabilità di "aiutare" l'organizzazione in quel modo. Ma in qualche modo ho concluso che l'ho fatto.

Recentemente ho imparato che quando sento di avere una responsabilità per qualcosa, devo ricontrollare: "Ho la responsabilità di questo?"

Vedi wagele.com