Hai gli Spring Blues? Non sei il solo

L’arrivo della primavera lascia delle persone che si sentono giù e scoraggiate.

iStock

Fonte: iStock

Dalla pausa primaverile alla pulizia primaverile, la maggior parte di noi associa la primavera a una sensazione allegra ed energica. Eppure quell’esperienza non è universalmente condivisa.

Tra le persone gravemente depresse, i tassi di suicidio tendono a raggiungere il picco in primavera. Questo picco è stato ben documentato in paesi di tutto il mondo.

Anche per coloro che non soffrono di depressione, l’arrivo della primavera può talvolta portare un blando caso di blues. Ecco una panoramica di come la stagione degli alberi in fiore e degli uccelli cinguettanti possa lasciare alcune persone a sentirsi giù e scoraggiate.

Sentirsi socialmente fuori passo

In ogni momento, una fetta considerevole della popolazione sta avendo una brutta giornata. Quando ciò accade in un giorno di primavera brillante, tuttavia, il contrasto tra il modo in cui ti senti e quello in cui credi che quelli intorno a te stanno vivendo può essere demoralizzante.

“Questo è probabilmente il periodo dell’anno in cui meno ti aspetti di sentirti giù”, dice Rachel Annunziato, Ph.D., professore associato di psicologia alla Fordham University. “Se non stai abbracciando la stagione come gli altri, potresti chiederti: ‘Cosa c’è che non va in me?'”

Cosa puoi fare: contro pensieri autocritici. “Non è anormale avere momenti in cui non ti senti bene come in altri momenti – e talvolta ciò si verifica in primavera”, dice Annunziato.

Mancato mantenimento delle risoluzioni

Ad aprile metà delle risoluzioni del nuovo anno sono cadute nel dimenticatoio. Per alcune persone, la consapevolezza di non aver realizzato ciò che si è proposto di fare può portare alla negatività.

“Possono andare in una sorta di funk”, dice Foojan Zeine, Psy.D., MFT, uno psicoterapeuta e autore di Life Reset . “Pensano, ‘Non sto bene,’ ‘Sono un fallimento’, ‘Non arriverò da nessuna parte’.”

Che cosa puoi fare: ridefinisci la battuta d’arresto come un’opportunità di apprendimento piuttosto che un vero e proprio fallimento. “Rifletti su quali fossero le barriere e su cosa avresti potuto fare diversamente”, dice Annunziato. Usa queste informazioni per perfezionare il tuo piano per lavorare verso il tuo obiettivo o per rivedere l’obiettivo per renderlo più ragionevole. Quindi riprova.

Trattare con allergie primaverili

La rinite allergica (nota anche come febbre da fieno) si riferisce all’infiammazione della membrana mucosa all’interno del naso causata da una reazione allergica. Per molte persone affette, sintomi quali naso che cola, naso chiuso, prurito e starnuti tornano come un orologio ogni primavera a causa di allergie ai pollini.

Vi è una crescente evidenza che i sintomi della depressione sono più comuni nei soggetti con rinite allergica. Qual è la connessione? Da un punto di vista fisiologico, livelli elevati di alcune citochine promotrici di infiammazione si trovano nelle persone con infiammazione nasale e cambiamenti simili sono osservati nelle persone con depressione. Alcuni ricercatori ritengono che le sostanze infiammatorie possano passare dalla cavità nasale al cervello, ma sono necessari ulteriori studi.

Oltre a ciò, le allergie scatenate possono renderti infelice e sabotare il tuo sonno. A livello psicologico, è stressante, giorno dopo giorno. “Stai solo aspettando che la primavera finisca mentre altre persone si stanno divertendo in questo bellissimo periodo dell’anno”, dice Annunziato.

Cosa puoi fare: parla con il tuo medico di base o con un allergologo per tenere sotto controllo le tue allergie.

Quando è più di un tocco di blues

Guarda i segni che potresti avere una depressione a tutti gli effetti. E se questo è il caso, non dare per scontato che la depressione andrà via da solo solo perché è primavera. Alcune persone hanno un modello stagionale di malattia che inizia in autunno o in inverno e solleva in primavera, anno dopo anno. Ma la maggior parte dei casi di depressione non seguono un modello stagionale così chiaro.

Essere consapevoli del fatto che il rischio di suicidio può essere elevato in questo periodo dell’anno. Gli scienziati stanno ancora discutendo le ragioni di questa scoperta sorprendente, ma ben replicata. Un probabile colpevole è la luce solare, che interagisce con il sistema serotoninergico del cervello. Per la maggior parte delle persone senza depressione, le più lunghe ore di luce solare possono avere un effetto piacevolmente energizzante. Per coloro che sono depressi, potrebbe anche fornire una spinta di energia, quanto basta per impostare un piano di suicidio in azione, dice Zeine.

Cosa puoi fare: chiamate di depressione per diagnosi e trattamenti professionali. Se ti ritrovi costantemente a rinunciare o non goderti le cose che di solito ti piacciono, o se ti senti costantemente triste e senza speranza, discuti il ​​problema con il tuo medico o un professionista della salute mentale. Se hai pensieri di farti del male, contatta immediatamente.

Solutions Collecting From Web of "Hai gli Spring Blues? Non sei il solo"