Hai fantasticato sul suicidio? Non sei solo

Che cosa significano le fantasie suicide e come impararle

Di Anna Vitale, Ph.D.

CC0 Public Domain

Fonte: Dominio Pubblico CC0

La maggior parte di tutti ha delle fantasie suicide ad un certo punto. Questi possono variare dall’immaginare quanto i propri cari siano sconvolti dalla morte, desiderando sollievo dal dolore emotivo o fisico, o pensando al suicidio come un atto di coraggio o di ribellione. Mentre questi pensieri e queste fantasie possono essere spaventosi, non indicano necessariamente un forte desiderio di morire.

Esaminando le fantasie suicidarie possiamo apprendere quali sono i desideri di base o l’angoscia mentale / fisica che guida questi pensieri.

Come possono essere utili le fantasie suicide?

Avere una fantasia suicida è un modo per dire a noi stessi: “Ehilà! Ho bisogno di qualcosa! I miei sentimenti contano! “Le fantasie suicide indicano il nostro desiderio di avere dei sentimenti negativi, non importa quanto siano difficili o indesiderati. Quando non sappiamo come esprimere questi sentimenti – rabbia, vendetta e solitudine, per esempio – possono farci sognare a occhi aperti sul suicidio. Questo perché spesso proviamo vergogna per i nostri sentimenti negativi e proviamo a farli andare via o perché non sappiamo come affrontare al meglio questi sentimenti potenti. Ma i sentimenti negativi sono normali e non vanno via senza essere indirizzati.

Quando Hassan, a metà ventenne, ebbe il suo primo crepacuore, ebbe difficoltà a fare i conti. Will, l’uomo con cui usciva con lui sembrava l’Uno. Avevano fatto una meravigliosa vacanza insieme e stavano facendo progetti per il futuro. Poi, all’improvviso, Will smise di rispondere alle sue chiamate. Hassan divenne frenetico e fece tutto il possibile per raggiungere Will, ma dopo alcune settimane fu chiaro che Hassan era stato fantasma. Sentendosi impotente, arrabbiato e triste, iniziò a fantasticare di uccidersi. Nella fantasia, Will scopre che Hassan si è ucciso e si rende conto che è colpa sua; è sopraffatto dal dolore e dalla colpa. Queste fantasie erano confortanti.

Bobbie era una nuova madre per la prima volta. Il suo neonato non ha mai dormito ed è stato colico e un povero allattamento al seno. Non passò molto tempo prima che Bobbie si sentisse esausto e inadeguato. Suo marito ha avuto un lavoro estremamente impegnativo e dispendioso in termini di tempo, quindi anche se ha cercato di essere d’aiuto, non era molto in giro. Finora, non aveva trovato assistenza all’infanzia e i suoi genitori vivevano in un’altra città. Quando il bambino diventò pignolo, Bobbie scoprì che l’unica cosa che aiutava era portarlo in giro finché non si addormentava. Trascorreva ore in giro con Kevin nel marsupio e iniziava ad avere dolori alla schiena e alle ginocchia. La combinazione di dolore fisico e ansia spesso la portava a fantasie di non esistenza. Sebbene sapesse che non si sarebbe mai tolta la vita, l’idea di sollievo dal dolore e dalle preoccupazioni era molto allettante.

Mario è un attivista politico appassionato della giustizia sociale. Era sconvolto dalla politica del governo di separare i bambini migranti dai loro genitori. Scrisse lettere all’editore e partecipò a manifestazioni politiche, ma sentì di dover fare di più ed era in perdita. Ogni volta che leggeva che i bambini venivano presi dai loro genitori, si sentiva infuriato e impotente. Poi, ha iniziato a fantasticare sulla messa in scena di un drammatico suicidio. Pensò a come avrebbe fatto per ottenere la massima attenzione nei media e l’effetto positivo che avrebbe avuto. Mario ha molti amici ed è generalmente una persona allegra. Sa che non si ucciderà ma il pensiero di suicidarsi come atto di protesta lo fa sentire meglio.

Perché le fantasie suicide sono importanti?

I sentimenti negativi che portano a fantasie suicide segnalano la necessità di un cambiamento autentico e duraturo nelle nostre vite. Questo spesso inizia con la ricerca di modi per possedere ed esprimere in sicurezza questi sentimenti. Per Hassan, Bobbie e Mario le loro fantasie suicide emergevano nel contesto di sentimenti potenti e profondi che richiedevano la loro attenzione. Ognuno era insoddisfatto di un aspetto importante della propria vita e avevano sentimenti contrastanti riguardo a se / come dovevano agire sulla loro insoddisfazione. Le loro fantasie suicide stavano cercando di dire loro che cosa vogliono e che potrebbe essere necessario un vero cambiamento nella loro vita.

Cosa si può fare con le fantasie suicide?

Pur avendo fantasie suicidarie è più comune di quanto si possa pensare e nulla di cui vergognarsi, è utile assumersi la responsabilità di prestare attenzione a quando, dove e perché le si possiede. Se hai una fantasia suicida, puoi chiederti:

  • Cosa è appena successo? A cosa stavo pensando? Se non sei sicuro, va bene.
  • È successo qualcosa? Mi sono dato il permesso di sentire che era difficile?
  • Di cosa ho bisogno che non entri nella mia relazione / lavoro / vita quotidiana? Come posso protestare le mie condizioni senza distruggere me stesso?

Fai del tuo meglio per resistere a qualsiasi giudizio riguardante le tue domande e la tua esplorazione. Il giudizio spesso ci fa sentire intrappolati e contribuisce ulteriormente alle emozioni negative, e le nostre fantasie suicide, più di ogni altra cosa, hanno bisogno di ascolto. Sorprendentemente, possono mostrarci ciò che conta di più per il nostro benessere.

Quando cercare aiuto

Sebbene le fantasie suicide possano insegnarci ciò di cui abbiamo bisogno e fornire un sollievo emotivo temporaneo, possono persistere se non vengono affrontate, sviluppando una preoccupazione più seria. Cerca aiuto se scopri che le fantasie suicidarie stanno diventando più frequenti o interferiscono con la tua vita quotidiana o comportano lo sviluppo di un piano. Il National Suicide Prevention Lifeline è una risorsa gratuita disponibile 24/7 al 1-800-273-8255. Per ulteriori informazioni, si prega di esplorare questi segnali di avvertimento suicidi e fattori di rischio. E se qualcuno che conosci esprime il desiderio di togliersi la vita, fagli sapere che stai ascoltando e che ti interessi di loro e incoraggiali a cercare un aiuto professionale.

Circa l’autore : Anna Vitale è uno scrittore e un membro della facoltà di Bard Microcollege presso la biblioteca pubblica di Brooklyn. È autrice di una raccolta di poesie e saggi, Detroit Detroit, e dell’imminente Our Rimbaud Mask.

Solutions Collecting From Web of "Hai fantasticato sul suicidio? Non sei solo"