Hai bisogno di "sentirlo"? Teoria della recitazione e "La mia settimana con Marilyn"

Recentemente ho avuto l'opportunità di vedere "La mia settimana con Marilyn", un film meraviglioso (nominato per 2 Oscar per la recitazione, 6 BAFTA – l'equivalente britannico degli Oscar e 2 Golden Globe, di cui Michelle Williams ne ha vinta una come migliore attrice una commedia o un musical).

Uno dei punti centrali della trama all'inizio del film è la tecnica di recitazione e lo stile di Marilyn Monroe contro Sir Laurence Olivier. Marilyn è interpretata come un attore "metodo" nel senso classico. Ciò significa che deve davvero capire e sentire profondamente le motivazioni del suo personaggio per ritrarre il personaggio. Se non capisce i sentimenti dietro le parole, non può letteralmente completare la scena. Anche piccole aggiunte a una singola riga (ad es. "Mi piace anche questa stanza" v. "Mi piace questa stanza") devono essere motivate attraverso l'intuizione dei caratteri e il sottotesto sottostante.

Sir Laurence Olivier, nel frattempo, è ritratto (ed era noto per essere) l'esatto opposto. Per lui, la tecnica della recitazione è tutte le parole, sempre. Non c'è necessità per sottotesto sottostante, in particolare in una commedia leggera. Le parole sono centrali. Per Sir Laurence, dici la battuta come scritto perché è così che è stato scritto. Non sono necessarie altre spiegazioni E, cosa più importante, recitare è fingere; non richiede sensazioni realistiche o qualsiasi tipo di emozione da parte dell'attore, è questo che lo rende in grado di recitare. (C'è una storia apocrifa di Olivier e Dustin Hoffman, un famoso attore metodico, in cui Dustin Hoffman ha mostrato il set di Marathon Man completamente disordinato, in preparazione di una scena in cui era esausto e sporco, Hoffman no La risposta di Olivier era "il mio buon signore, perché non provi a recitare".)

A questo punto, la psicologia non ha guardato alla tecnica degli attori e che un pubblico potrebbe preferire. Gli attori del metodo spesso accusano attori non metodici di essere "freddi" e gli attori non metodici accusano gli attori del metodo di essere "sopraffatti", ma nessuna ricerca è stata disegnata per affrontare questa domanda. In uno studio condotto nel mio laboratorio (che sarà pubblicato come parte di un capitolo sulla psicologia di Acting on Film in un libro sulle scienze sociali del cinema), ho scoperto che non solo i membri del pubblico americano potrebbero non dire la differenza tra un scena interpretata da attori di Method e la stessa scena da attori non-Method, ma che in realtà hanno giudicato gli attori non-Method come sentendo più delle emozioni dei personaggi! Naturalmente, questo è uno studio, e non controlla per un fattore molto importante: che come americani, che sono stati "addestrati" come membri del pubblico ad aspettarsi che i nostri attori sentano le emozioni dei loro personaggi, forse quando preferiamo o pensiamo a uno le prestazioni sono migliori, pensiamo automaticamente che quell'attore debba provare le emozioni del suo personaggio.

Ci sono altre, importanti considerazioni da ricordare. Il primo è il feedback psicofisiologico che gli attori potrebbero interpretare interpretando la loro parte. Abbiamo tutti sentito parlare di "falso" finché non lo fai. "A quanto pare, c'è una buona ragione per credere che questo sia vero. Quando fingiamo un sorriso, ci sono veri e propri cambiamenti fisiologici che possono causare un aumento del buon umore. Solo percorrendoci come sorridenti (o accigliati), la felicità (o la tristezza) può aumentare. Questo è noto come "teoria dell'auto-percezione". E, quando ci troviamo in posizioni "potenti" o posizioni "miti" per alcuni minuti, i nostri corpi rilasciano ormoni che in realtà ci fanno sentire più o meno potenti! (Vedi questa meravigliosa ricerca di Carney, Cuddy & Yap su "Power Posing".) Può darsi che anche se un attore non pensa che sentire le emozioni di un personaggio sia importante o pratico, può accadere comunque, solo attraverso la psicofisiologia risposta. Secondo, quasi nessun attore oggi è un metodo "puro" o un attore anti-metodo. Come visto nelle interviste, gli attori tendono a scegliere e scegliere ciò che funziona per loro – prendendo un po 'da ogni insegnante, allenatore, regista, ecc., Al fine di creare un modo di creare un personaggio che si sente giusto e che lavori per quella rappresentazione, in quel momento nel tempo.

Allora, chi ha ragione? Marilyn Monroe, o Sir Laurence Olivier? Gli attori hanno bisogno di sentire le emozioni dei loro personaggi e capire le intuizioni più profonde del loro personaggio per ritrarli, o tutte le emozioni e sottotesto si intromettono? E cosa significa questo per il resto di noi, quando dobbiamo "ritrarre" sé diversi nella nostra vita quotidiana? (Lavoro autonomo, casa, amorevole figlia?) Mentre la ricerca non ha ancora la risposta, sappiamo che la profezia che si realizza da sé delle emozioni o stati mentali ritratti può e deve accadere (in modo subdolo come a livello ormonale), e che ci sono stati attori meravigliosi e premiati da tutti i lati del dibattito sulla teoria della recitazione, quindi forse si tratta di "ciò che funziona per voi".

Solutions Collecting From Web of "Hai bisogno di "sentirlo"? Teoria della recitazione e "La mia settimana con Marilyn""