"Hai bisogno di perdonare!" E altre bugie che ti fanno male

Ci sono alcune idee ben intenzionate ma potenzialmente dannose sul perdono che fluttuano intorno; l'idea che il perdono sia l'unica via per una vita che non sia impantanata nell'amarezza e nell'odio, e che coloro che non perdonano l'autore offensivo siano persone meno evolute spiritualmente a maggior rischio di problemi fisici ed emotivi.

Questi sono miti che feriscono le persone. Ci sono molti percorsi per "lasciar andare" e trovare pace che non implichi il perdono.

Se, tuttavia, credi che il perdono, come la gratitudine, sia un'emozione universale di guarigione, potresti essere incline a incoraggiare o costringere altre persone a perdonare qualcuno che le ha ferite. Spesso quel "qualcuno" non si è mai scusato, orientato alla realtà, sentito il rimorso o posseduto.

"Quello che tuo padre ti ha fatto è successo molto tempo fa", potrebbe dire una madre a sua figlia adulta. "Non vedo come possa aiutarti a continuare a scavare nel passato e mantenere i vecchi risentimenti. Non puoi perdonare e andare avanti? "

Le intenzioni della madre possono essere buone, ma rischia anche di vittimizzare di nuovo sua figlia.

Cosa deve sentire la parte ferita? Le persone che sembrano aggrapparsi alla rabbia o all'amarezza spesso non hanno sperimentato una convalida chiara, diretta e sincera subito dopo un precedente tradimento o un atto di negligenza.

Al bambino o all'adulto, potrebbe essere stato detto che la cosa brutta non stava realmente accadendo, che i suoi sentimenti e percezioni erano sbagliati, sproporzionati o pazzi – o che quello che era successo era necessario, anche la sua colpa, la sua scelta, e qualcosa che lui provocato dal suo stesso comportamento difficile.

Per guarire, la parte ferita ha bisogno di ascoltare una validazione inequivocabile della terribile esperienza e un'affermazione che i suoi sentimenti e la sua percezione hanno un senso.

Suggerire a qualcuno che perdonano, può lasciare la parte ferita sentirsi più emotivamente instabile e tradita di nuovo. Questo può essere così, anche se la ferita e gli insulti erano piccoli, e specialmente se non lo erano.

Le parole "Non puoi perdonarlo?" Sono le ultime parole che una persona ferita o vittima deve sentire quando il trasgressore non ha fatto nulla per guadagnarsi il perdono. Cliché come questi non sono altrettanto utili: "Ha fatto il meglio che poteva". "È quello che è." "Questo è successo quarant'anni fa."

Una cosa è dire a qualcuno che speri di trovare un modo per liberarsi dal portare così tanta rabbia e dolore. Un'altra cosa è suggerire completamente che dovrebbero assolvere il trasgressore e trascendere la loro rabbia attraverso un atto eroico di volontà o di grazia.

Come spiegherò in Perché non ti scuserai ?: Non sei una persona meno amorevole o completa se ci sono certe cose che non perdi, e certe persone che scegli di non vedere. Forse sei anche una persona più forte o più coraggiosa se hai la rabbia avanzata, da una singola violazione o innumerevoli micro-violazioni anche mentre vai avanti.

Ancora più importante, non è il lavoro di nessun altro – non quello del terapeuta, madre, rabbino, ministro, insegnante, guida spirituale, migliore amico o esperto di relazioni – per dirti di perdonare o no.

Solutions Collecting From Web of ""Hai bisogno di perdonare!" E altre bugie che ti fanno male"