Hacks utili per condurre ricerche con gli anziani

Nel bene e nel male, vengo dal New Jersey, da una famiglia italiana terrificante, rumorosa e frenetica, non meno. A rischio di diffondere stereotipi, dovrei soffermarmi ad ammettere alcune cose: (1) parlo velocemente, (2) parlo spesso e (3) gestisco selvaggiamente. E se abbiamo mai parlato a lungo, sappi che la mia tendenza ad interrompere (mi dispiace) deriva da nient'altro che dalla mia incapacità di controllare i pensieri a-spumeggiante sulla punta della lingua. Come apprendista di psicologia clinica (lavorando con gli adulti più grandi) queste tendenze a volte presentano alcuni problemi. Ecco perché:

  • Gli psicologi efficaci ascoltano più di quanto parlano. Inoltre, le interruzioni frustrano le persone, compromettono il rapporto e contaminano il processo.
  • La maggior parte dei clienti, in particolare quelli più anziani, fatica a elaborare i contenuti in modo rapido o ad alta voce.
  • Disturbi gestuali indiscriminati.

Per fortuna, ho notato questi modelli molto presto durante la mia formazione mentre esaminavo i nastri delle sessioni, assimilando umilmente le lezioni di ognuna delle apparentemente migliaia di errori che ho commesso. Queste lezioni, oltre a fornire un foraggio umido, mi hanno invitato a valutare anche le mie interazioni con le persone anziane in laboratorio. Certo, queste tendenze hanno costi elevati sia sul divano che in laboratorio, ma possono essere particolarmente costose in contesti sperimentali in cui anche piccoli passi falsi possono introdurre errori nella situazione di valutazione. E poche situazioni di valutazione competono con la delicatezza di quelli con gli adulti più grandi.

Teoria dei test classici

Anche se ovvio, il punto deve essere fatto: la psicologia è una scienza di costrutti, non di tangibili come la biologia o la geologia. E poiché gli psicologi non possono colpire e spingere direttamente le cose che vogliono studiare – come ansia, depressione, demenza, intelligenza – cercano di attingere a questi costrutti in modo psicometrico – usando test, misurazioni e valutazioni.

Questo approccio, certamente, ha i suoi difetti. La teoria classica dei test, a volte nota come teoria del punteggio reale (Allen et al., 2002), postula che il punteggio osservato di una persona su una determinata valutazione rappresenti un composito additivo di due componenti: un vero nucleo (punteggio privo di errori) e un punteggio di errore :

X = T vero + E errore

In termini più umani, ciò significa che la variabilità nella misurazione deriva dalla somma della variabilità dovuta al punteggio reale e dalla variabilità dovuta all'errore o all'errore della cosa che stai effettivamente misurando e di come la stai misurando.

Errore sistematico ed errore casuale
Errori casuali e sistematici caratterizzano i due tipi di errori di misurazione. Errori casuali descrivono fluttuazioni statistiche nei dati a causa di limiti di precisione della misurazione, derivanti dall'incapacità del ricercatore di prendere la stessa misura esattamente nello stesso modo per ottenere risultati identici. Errori casuali, a differenza delle loro controparti sistematiche, derivano in genere dalle differenze individuali al momento del test che assorbe il livello di eccitazione (cioè l'ansia), la preparazione o persino la salute fisica .

Gli errori sistematici, quindi, rappresentano imprecisioni riproducibili inerenti al sistema – separati dall'individuo – a causa dei problemi che persistono durante la misurazione. In termini di ricerca psicologica, questi errori potrebbero includere una scarsa formulazione degli item di test, la salienza degli stimoli o anche la validità dei costrutti stessi.

Fonti di errore da considerare quando si testano gli anziani

1. Lesioni sensoriali

Considerando i cambiamenti sensoriali, fisici e cognitivi che accompagnano l'invecchiamento, apportare modifiche ponderate all'ambiente di test può aiutare non solo a ottimizzare le prestazioni degli anziani, ma anche a ridurre l'errore di misurazione.

"In genere, l'acuità sensoriale diminuisce con l'età", osserva Sheila R. Black, professore associato di psicologia presso l'Università dell'Alabama. "Tenendo presente questo, i ricercatori dovrebbero anticipare che gli anziani non saranno in grado di ascoltare e vedere così come gli adulti più giovani", spiega.

Ignorare questo come i ricercatori sarebbero solo a nostro rischio e pericolo. Danni sensoriali duali (DSI) – solo anticipati al picco con l'età della popolazione – si riferisce alla presenza sia della perdita dell'udito che della vista. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, almeno 1,7 milioni di persone riportano DSI, con tra il 9% e il 21% degli adulti oltre 70 con un certo grado di esso (Saunders & Echt, 2007).

E presumibilmente – se qualcuno non ha entrambi i disturbi visivi e uditivi – (s) probabilmente ha una menomazione almeno in vista o udito. Non comprarlo? Prendi quello su sei americani oltre i 70 anni ha ipovisione a causa di patologie dell'occhio comune tra cui la degenerazione maculare e il glaucoma (Elliott, McGwin, Kline e Owsley, 2015) o che il 59-76% ha una perdita dell'udito clinica da media a alta, rispettivamente (Helzner et al., 2005).

Perchè importa? Perché non puoi codificare ciò che non puoi percepire.

"Ovviamente, vuoi essere sicuro che i tuoi partecipanti più grandi possano vedere e sentire gli stimoli", dice Kyle Kraemer, studente di dottorato in psicologia cognitiva all'Università dell'Alabama, "altrimenti, cosa stai misurando?"

Ma come altri hanno sottolineato, le diminuzioni legate all'età nell'acuità sensoriale possono produrre difficoltà nell'esecuzione di compiti cognitivi, anche quando la presentazione di stimoli visivi o uditivi supera i livelli soglia che possono essere visti o ascoltati (Baldwin e Ash, 2011).

"Gli psicologi, sia clinici che sperimentali, devono quindi essere sensibili a queste differenze nel corso della vita, apportando modifiche in laboratorio o in clinica quando necessario", sottolinea Black. "Devono anche considerare questi cambiamenti quando discutono dei risultati sperimentali."

2. Disabilità cognitive

Sebbene le prestazioni mediate dall'acume sensoriale forniscano un altro quadro esplicativo per il declino cognitivo correlato all'età, un'altra riposa in scoperte ampiamente accettate sul fatto che la memoria prospettica, la memoria episodica e l'elaborazione esecutiva svaniscono nel tempo (Baldwin e Ash, 2011). Di conseguenza, alcuni ricercatori hanno proposto che questi declini correlati all'età riflettono funzioni cognitive compromesse come l'elaborazione rallentata delle informazioni (Cerella, 1985; Salthouse, 1994) o una ridotta capacità di attenzione (Park et al., 2002, Salthouse, 1992).

"Trovo che molti adulti non amano partecipare agli studi cognitivi perché le procedure spesso implicano una sorta di test cognitivi", osserva En Fu, candidato al dottorato di ricerca in psicologia cognitiva all'Università dell'Alabama. "I partecipanti tendono a ricordare come la loro capacità cognitiva è diminuita, sviluppando atteggiamenti e sentimenti negativi nei confronti di se stessi che potrebbero o meno portare allo studio".

Tarek Amer, studente di psicologia del PhD presso l'Università di Toronto, fa eco a questo: "Trovo gratificante lavorare con gli adulti più anziani perché tendono ad essere interessati alle mie domande di ricerca", dice, "ma le sfide includono assicurarmi che io sia estremamente attento con coloro che sono interessati, sensibili o ansiosi riguardo alle loro capacità cognitive ", aggiunge.

E l'ansia conta.

Gli adulti più anziani, in media, nutrono più convinzioni e ansie negative sulla loro memoria rispetto ai giovani adulti. Ancora più importante, queste ansie sembrano effettivamente compromettere le prestazioni della memoria attraverso l'allocazione delle risorse di elaborazione, la selezione della strategia, la motivazione o una combinazione di questi fattori (Chasteen et al., 2005). Preoccupazioni anche per l'impatto negativo sugli stereotipi. La nozione di stereotipo di Per Steele (1997), gli anziani che si esibiscono in una situazione in cui vengono attivati ​​stereotipi negativi sull'invecchiamento e la memoria mostrano prestazioni di memoria compromesse (Chasteen et al., 2005).

"Di conseguenza, rassicuro spesso gli anziani che i compiti sono progettati per sfidare i partecipanti e che è molto normale per i partecipanti di tutte le età trovare difficoltà", dice Amer.

Aggiunge, "Detto questo, la letteratura cognitiva tende a concentrarsi sul declino cognitivo e su come il cervello cambia con l'età contribuendo a tale declino. Ma molti anziani sono, di fatto, i maggiori contributori alla società e pienamente capaci di svolgere compiti incontrati in contesti quotidiani. La mia ricerca si concentra su come questi cambiamenti cognitivi possano effettivamente essere utili in determinati contesti, e spesso lo condivido ".

3. Altri fattori di salute e fisiologici da considerare: eccitazione e dolore circadiani

 National Pain Foundation
Fonte: credito: National Pain Foundation

 

A complicare le cose, anche le differenze individuali nella cronobiologia sembrano influenzare i risultati sperimentali. La variazione nell'attivazione circadiana si correla con le prestazioni in compiti di varietà (ad esempio, eseguendo semplici operazioni aritmetiche), in modo tale che i picchi di prestazioni a un certo livello di eccitazione – un picco che si verifica più o meno regolarmente in un punto specifico della giornata (Yoon, maggio, & Hasher, nd). Chiare differenze di età sembrano esistere anche negli schemi di eccitazione circadiana, con gli anziani che tendono fortemente al mattino (rispetto alla sera) rispetto alle loro controparti più giovani – raggiungendo apparentemente il loro picco mentale all'inizio della giornata.

Il dolore è un'altra variabile importante, ma spesso ignorata da considerare, in particolare perché rappresenta uno dei sintomi più ampiamente citati alla base della disabilità tra gli anziani (Patel et al., 2013). Il dolore attira l'attenzione, drenando risorse cognitive preziose e scarse dall'individuo (Seminowicz & Davis, 2006). In effetti, diverse linee di evidenza convergenti suggeriscono che l'elaborazione del dolore può interferire con i processi cognitivi e viceversa, con molti studi che dimostrano deficit nelle capacità cognitive tra chi soffre di dolore cronico più anziano (Seminowicz & Davis, 2006). Anche gli effetti collaterali dei medicinali possono esacerbare il contributo del dolore alle prestazioni.

"Ricordo che quando ero uno studente con partecipanti più grandi," ricorda Black, "avrei dovuto sistemare i loro posti nel laboratorio in modo che potessero essere comodi, senza dover continuamente inclinare la testa per vedere gli schermi o sedersi così a lungo che il loro dolore inizierebbe a distoglierli dal compito. "

"Ricordo ai miei studenti di apportare modifiche simili", aggiunge.

E allora?

Sovrapponendo l'impresa della scienza – psicologica o in altro modo – è l'obiettivo di ridurre l'errore di misurazione. Perché? In parole semplici, errori di qualsiasi tipo (casuali o sistemici) riducono la validità: la nostra capacità di misurare ciò che affermiamo o pretendiamo di misurare. Ancora più importante, compromette la nostra capacità di rilevare effetti reali . I difetti metodologici perpetuano errori di Tipo I e di Tipo II rispettivamente – falsi positivi e falsi negativi – che possono trasmettere falsità (pericolose) in tutta la scienza e oltre.

Certo, non possiamo ignorare l'errore: dobbiamo fare esattamente l'opposto: riconoscere quel sucker e gestirlo.

Alcuni errori, come quelli endogeni agli individui, sono in gran parte non prevenibili. Indipendentemente da ciò che facciamo come ricercatori, probabilmente non elimineremo mai le ansie dei partecipanti, invertiremo la loro perdita uditiva o sedare il dolore al ginocchio che inevitabilmente portano alla situazione del test. Ma possiamo apportare modifiche per soddisfare tali limiti. E, naturalmente, l'incapacità di considerare le fonti di errore casuale può alla fine tradursi in errore sistemico, contaminando lo studio stesso.

"Non posso sottolineare abbastanza l'importanza di apportare modifiche ai partecipanti", ricorda Black.

"Ad esempio, se l'obiettivo dello studio è quello di valutare l'elaborazione centrale piuttosto che quella percettiva, è necessario garantire che gli adulti più anziani saranno in grado di elaborare gli stimoli e un adulto più giovane, altrimenti non misurerai realmente ciò che sei cercando di misurare "aggiunge.

Strategie di gestione degli errori

Certo, il tentativo di gestire queste complessità può diventare vertiginoso. Quindi, da dove inizi e come puoi farlo?

1. Strategie generali

"Per prima cosa", avverte Black, "gli anziani sono piuttosto perspicaci e non rispondono bene all'essere frequentati o infantilizzati. Sii sempre paziente, empatico e rispettoso. "

E prima di iniziare l'intera attività di test, non esitate a iniziare una conversazione: costruisce un rapporto e rafforza la motivazione.

"Anche gli anziani tendono ad essere più personali degli studenti di età universitaria", osserva Kraemer. "Sembrano molto più interessati alla ricerca rispetto agli studenti in età universitaria".

Amer è d'accordo: "La motivazione a volte può essere un problema con i giovani adulti che partecipano per il corso di credito, come in genere non è il caso per gli anziani", spiega. "E poiché gli adulti più grandi tendono ad essere più interessati a conoscere la mia ricerca, mi assicuro sempre che trascorro tutto il tempo che posso discutere di eventuali problemi che li interessano oltre a rispondere a qualsiasi domanda che possano avere".

Il gruppo di lavoro dell'American Psychological Association (APA) sull'anziano adulto fa un suggerimento simile, sollecitando i ricercatori a familiarizzare gli anziani con lo scopo e le procedure di test. Gli adulti più anziani, specialmente quelli con scarsa istruzione formale, possono essere più cauti nel rispondere diversamente.

"Gli anziani con un basso livello di istruzione possono anche lottare con compiti che implicano certe parole come stimoli, istruzioni o consensi informati scritti in una lingua che non è facilmente comprensibile", aggiunge Kraemer. "Per il tuo bene e il loro, mantieni tutto semplice."

Fai anche ciò che puoi per garantire prestazioni ottimali, come ricordare agli anziani prima del loro appuntamento di test di portare con sé tutti i dispositivi di assistenza necessari, inclusi apparecchi acustici o occhiali. Ho persino conosciuto alcuni ricercatori che hanno tenuto lenti bifocali sul posto.

2. Strategie per la gestione delle menomazioni sensoriali

I protocolli computerizzati, come molti nella psicologia sperimentale, possono esacerbare sintomi visivi che causano comunemente disagio tra gli utenti più anziani (Ko et al., 2014).

"Alcuni, ma non tutti, gli adulti hanno anche un'esperienza limitata con i computer", avverte Kraemer. "Alcuni esprimono dispiacere o apprensione per aver completato uno studio una volta scoperto che riguarda un computer, altri semplicemente richiedono solo il tempo per adattarsi ad esso", spiega.

Un'opzione, ovviamente, include la gestione delle valutazioni cartacee, ma ovviamente non è sempre fattibile e può diventare rapidamente disordinato. Un'altra opzione di gestione include la modifica delle funzionalità dell'interfaccia stessa.

Segni di evidenza oftalmologica suggeriscono che a causa della loro minore performance visiva, gli anziani potrebbero essere più suscettibili a una ridotta visibilità dal bagliore rispetto ai giovani adulti (Ko et al., 2014). Ulteriori ricerche indicano che impiegano più tempo per eseguire attività visive che richiedono transizioni ripetitive tra aree più luminose e più deboli rispetto alle loro controparti più giovani (Ko et al., 2014).

La creazione di un ambiente ben illuminato, volto a ridurre l'abbagliamento e la luminanza irregolare include un approccio semplice per accogliere i limiti visivi comuni tra i partecipanti più anziani.

"L'ampliamento del font su documenti e interfacce digitali può anche aiutare a ridurre l'affaticamento degli occhi dovuto alla presbiopia in questa popolazione", aggiunge il dottor Jack Parker, oftalmologo presso il Callahan Eye Hospital di Birmingham, in Alabama.

"D'altra parte," condivide Kraemer, "Conosco ricercatori che hanno usato personalmente il mouse o la tastiera per i loro partecipanti, semplicemente usando la comunicazione verbale per rispondere ai compiti" se e quando questi aggiustamenti non possono essere fatti o se il disagio del partecipante persiste.

"Cerco semplicemente di mantenere tutto semplice, usando solo due pulsanti, ad esempio, e etichettandoli con adesivi dai colori vivaci in modo che siano facili da usare", aggiunge.

Per quanto riguarda la gestione dei deficit uditivi, il National Institute on Aging (NIA) raccomanda di parlare lentamente, chiaramente e con un tono normale, in particolare perché parlare in una voce alzata o acuta distorce effettivamente i suoni del linguaggio e può dare l'impressione di rabbia. Altri suggerimenti includono l'affrontare la persona direttamente, a livello degli occhi, in modo che possa leggere le labbra o raccogliere indizi visivi.

3. Strategie per la gestione delle menomazioni cognitive

 Google
Fonte: credito: Google

"Se percepisco che un partecipante sembra avvicinarsi ai compiti cognitivi con qualche apprensione o ansia," condivide Black, "spesso li rassicuro che si esibiranno bene. Sottolineo anche quanto la loro partecipazione contribuisca alla scienza e alla nostra conoscenza dell'invecchiamento cognitivo in generale ".

"Rassicurarli che i loro risultati rimarranno confidenziali allevia anche un po 'di ansia", aggiunge.

Di conseguenza, molti esperti raccomandano di usare l'incoraggiamento e il rinforzo verbale liberamente durante i test con gli anziani, non solo per sedare il disagio, ma anche per sostenere la motivazione e il rapporto. E poiché gli adulti più anziani tendono a stancarsi più facilmente dei giovani, la progettazione di pause di riposo nel protocollo sembra aiutare a gestire alcuni dei partecipanti alla fatica associati alla fuga di cervelli che potrebbero sperimentare nel corso dei test. Potresti anche considerare l'utilizzo di più sessioni di test per ridurre il carico dei partecipanti.

Un'altra strategia per l'ottimizzazione delle prestazioni include la programmazione degli appuntamenti di test in precedenza (rispetto a quelli successivi) nel corso della giornata, quando l'eccitazione cognitiva tende ad essere più elevata per gli anziani. Ovviamente, chiedere che cosa i tuoi partecipanti preferirebbero non fa mai male.

Infine, deenfatizzare la valutazione della memoria durante la fase di istruzione dello studio può essere un altro modo per ridurre l'ansia. In uno studio su giovani e anziani, i ricercatori hanno variato le istruzioni che hanno dato ai partecipanti prima di completare un compito di memoria, enfatizzando il fatto che la memoria stava per essere valutata o attenuando la componente di memoria del compito (Rahhal et al., 2001). Nello specifico, quando agli adulti più anziani è stato detto che l'esperimento stava testando la loro capacità di apprendere i fatti invece di ricordarli , si sono esibiti così come i giovani adulti; l'esatto contrario, tuttavia, è emerso quando ai partecipanti più anziani è stato chiesto di ricordare (Chasteen, 2005). Quindi, alternanze sottili ma sensibili nella lingua possono ridurre le ansie anticipatorie che tendono a sovvertire la performance cognitiva degli adulti. Certamente, questa strategia potrebbe richiedere il debriefing dei partecipanti.

4. Strategie per la gestione di menomazioni fisiche e fisiologiche

"Infine, alcuni adulti più anziani hanno una mobilità limitata", ricorda Kraemer. "Più che probabile, incontrerai persone con sedie a rotelle, dispositivi di assistenza o tremori."

Per questo motivo, ove possibile, lo spazio di valutazione dovrebbe essere predisposto per accogliere sedie a rotelle o altri dispositivi di assistenza per le persone con limitazioni fisiche. Va inoltre considerata l'accessibilità dello spazio stesso: ci sono rampe? Ascensori? Il parcheggio è comodo, vicino, ben illuminato e sicuro?

"La mobilità limitata può anche significare che gli anziani non guidano, in alcuni casi", aggiunge Kraemer. "Per ottenere un campione abbastanza grande in una tipica città universitaria, potrebbe essere meglio progettare un esperimento che possa viaggiare ed essere condotto in una casa, in una chiesa o in un'altra comunità a cui gli anziani possano accedere regolarmente, piuttosto che chiedere loro a tutti venire in uno spazio di laboratorio esistente. "

Valutare e ridurre il dolore quando possibile, oltre a considerare gli effetti dei farmaci sulle prestazioni, include altre tecniche di gestione efficaci.

Conclusione

Lavorare con gli anziani è ugualmente gratificante e complesso. La soluzione? BACIO: tienilo semplice, stupido.

Riferimenti

Allen, MJ & Yen, WM (2002). Introduzione alla teoria della misurazione. Long Grove, IL: Waveland Press.

American Psychological Association (1998). Quali professionisti dovrebbero sapere sul lavoro con gli anziani. Psicologia professionale: ricerca e pratica, 29 (5) 413- 427.

Baldwin, CL, e Ash, IK (2011). Impatto dell'acuità sensoriale sulla capacità di memoria uditiva in adulti giovani e meno giovani. Psicologia e invecchiamento, 26 (1), 85-91. http://doi.org/10.1037/a0020360

Cerella J. Tassi di elaborazione delle informazioni negli anziani. Bollettino psicologico. 1985; 98 (1): 67-83.

Chasteen, AL, Bhattacharyya, S., Horhota, M., Tam, R., e Hasher, L. (2005). In che modo i sentimenti di stereotipo minaccia influenzano le prestazioni della memoria degli anziani. Ricerca sull'invecchiamento sperimentale, 31 (3), 235-260. http://doi.org/10.1080/03610730590948177

Elliott, AF, McGwin, G., Kline, LB, e Owsley, C. (2015). Disturbi della vista tra gli anziani che risiedono nelle comunità abitative sovvenzionate. Il gerontologo, 55 (Suppl 1), S108-S117. http://doi.org/10.1093/geront/gnv028

Helzner EP, Cauley JA, Pratt SR, Wisniewski SR, Zmuda JM, Talbott EO, et al. Differenze di razza e sesso nella perdita dell'udito legata all'età: studio sulla salute, l'invecchiamento e la composizione corporea. Journal of American Geriatrics Society. 2005; 53 (12): 2119-2127

Ko et al. (2014). Effetto delle dimensioni dei caratteri e dell'abbagliamento sulle attività del computer in giovani e anziani. Optometry and Vision Science, 91 (6), 682-689.

National Institute on Aging (2016). Parlare con il paziente più anziano: il manuale di un medico.

Patel, KV, Guralnik, JM, Dansie, EJ e Turk, DC (2013). Prevalenza e impatto del dolore negli adulti più anziani negli Stati Uniti: risultati dello studio sulle tendenze nazionali in materia di invecchiamento e invecchiamento 2011. Pain, 154 (12), 10.1016 / j.pain.2013.07.029. http://doi.org/10.1016/j.pain.2013.07.029

Park DC, Lautenschlager G, Hedden T, Davidson NS, Smith AD, Smith PK. Modelli di memoria visuospaziale e verbale nella vita adulta. Psicologia e invecchiamento. 2002; 17 (2): 299-320

Rahhal TA, Hasher L, Colcombe SJ. Manipolazioni didattiche e differenze di età nella memoria: ora le vedi, ora non lo fai. Psicologia e invecchiamento. 2001; 16: 697-706.

TA Salthouse. Mediazione della memoria di lavoro delle differenze di età degli adulti nel ragionamento integrativo. Memoria e cognizione. 1992; 20 (4): 413-423.

TA Salthouse. La natura dell'influenza della velocità sulle differenze di età adulta nella cognizione. Psicologia dello sviluppo. 1994; 30 (2): 240-259.

Seminowicz, DA, & Davis, KD (2007). Interazioni dell'intensità del dolore e del carico cognitivo: il cervello rimane in attività. Cereb Cortex 2007; 17 (6): 1412-1422. doi: 10,1093 / cercatore / bhl052

Saunders, GH, & Echt, KV (2007). Una panoramica della doppia menomazione sensoriale negli anziani: prospettive per la riabilitazione. Tendenze nell'amplificazione, 11 (4), 243-258. http://doi.org/10.1177/1084713807308365

Steele CM. Una minaccia nell'aria: come gli stereotipi modellano l'identità intellettuale e le prestazioni. Psicologo americano. 1997; 52: 613-629

Yoon, C., May, CP, e Hasher, L. (nd). Invecchiamento, modelli di eccitazione circadiani e cognizione.

  • Perso in America
  • Il Mese della storia delle donne è un problema?
  • Depressione teenager: più che triste
  • We Can Dream: A Marginalized Peoples Versione di 'Inside Out'
  • È la settimana nazionale dei single: qui ci sono 14 motivi per cui ne abbiamo bisogno
  • Violenza e azione sociale
  • Sposarsi o farsi prendere a pugni: reclamo reale su Washington Post
  • Pensa a Pink for Girls
  • Perché diciamo alle donne Nag ma gli uomini lo richiedono?
  • Il femminismo è morto! Lunga femminilità dal vivo!
  • Stereotipizzazione: il ladro dell'individualità
  • Chi dice che gli estroversi diventano leader migliori? Parte 1
  • Attacchi di squalo: miti, incomprensioni e paura umana
  • Benvenuti nella consapevolezza dell'età della dislessia
  • Giochi online, molestie e sessismo
  • Su cosa spendono i single i soldi?
  • Exploding Three Myths and Stereotypes of Aging
  • A CAMH, la pet therapy aiuta a ridurre lo stigma
  • La copertura di notizie di Bening Bigotry of Pride Month
  • Cosa significa realmente "potenza della ragazza"?
  • Le molestie sessuali sono nell'occhio di chi guarda
  • Perché le donne possono essere migliori leader degli uomini oggi
  • Spiegare la psicologia dei media nel 2017
  • La vista dal Perù
  • Ho visto papà baciare Santa e storie di vacanze imbrogliate
  • Cosa c'è di buono nell'uguaglianza?
  • Cos'è la saggezza? "Wise Reasoning" ha tre aspetti specifici
  • L'ordine di nascita determina. . . Quasi niente
  • "S-hole" di Trump: cosa dire ai nostri figli?
  • The Doctor Is In: New Web Series esplora il mondo di Kink
  • Quale futuro per la famiglia?
  • Hai dei sensi di colpa?
  • Le amicizie infantili influenzano sia la paura che l'impavidità
  • Cool Intervention # 6: The Hunger Illusion
  • Estinzione dei ruoli di genere, accendere il romanticismo
  • "Il signore delle mosche" tutto femminile "Remake