Gwynneth Haynes Wrestles With Her Shadow

"Oh, non è stato Freddy a dirlo,
Attraverso la freccia dell'amore,
Il cuore è nutrito.
E c'è una ragione
Alla follia nella tua testa. "
– da "Freddy's Tune (Song for Nietzsche)" di Sophe Lux

Gwynneth Haynes, leader della band Sophe Lux & the Mystics e psicoterapeuta praticante con una laurea in psicologia clinica, vede Friedrich Nietzsche come "… uno dei primi punk rocker".

 Gwynneth Haynes
Fonte: credito fotografico: Gwynneth Haynes

Il punk rock, al suo interno, è un confronto: sfida le prospettive delle persone su norme personali e culturali. Alla fine del 1800, Nietzsche affrontò la società con molte teorie scomode, compresa la domanda se la religione organizzata fosse la via migliore per sviluppare la spiritualità.

Quindi è forse ragionevole per qualcuno tracciare una linea retta tra Nietzsche che dice "Dio è morto" alla fine del 1800 e il punk d'arte di Patti Smith che disse: "Gesù morì per i peccati di qualcuno, ma non mio" a metà degli anni '70.

L'affermazione di "Dio è morto" di Nietzsche era forse il suo più profondo confronto con le norme sociali. Mentre alcuni possono assumere che tale affermazione implichi un rifiuto nichilista di tutti i valori religiosi e spirituali, Haynes ha un'interpretazione molto diversa. Pensa che Nietzsche stava celebrando la vita liberandoci da rigidi costrutti culturali.

È stato questo spirito che Haynes ha preso da Nietzsche per influenzare il suo stile di musica art-rock. Haynes non solo ha scritto una canzone come un'ode a Nietzsche – "Freddie's Tune (Song for Nietzsche)", ma anche la sua etichetta discografica, Zarathustra Records, prende il nome dal libro di Nietzsche, "Così parla Zarathustra." E sembra che l'influenza di Nietzsche di sfidare le norme convenzionali sta lavorando per Haynes; La rivista Spin ha descritto la musica della band come "… melodie che cadono, testi trippy, arrangiamenti strumentali eclettici e sfarzi da tutto il mondo."

Haynes ha spiegato la sua interpretazione del lavoro di Nietzsche.

"In realtà ha aperto una discussione importante sul cristianesimo, su come guardiamo i sistemi di potere, su come guardiamo i sistemi che reprimono, l'animazione dell'anima", ha spiegato Haynes. "Questo è il tipo che ha detto: 'Vorrei solo credere in un dio che potrebbe ballare'. Non è un uomo senza spiritualità. È un uomo con un grande desiderio spirituale. E in effetti, quello che sta cercando sono modi per liberarci da questi sistemi di oppressione … e un invito a lottare davvero con le nostre paure e lottare con la nostra vergogna.

"E lottare con la nostra ombra."

L '"Ombra", a cui Haynes fa riferimento, è uno degli "archetipi" dello psicologo Carl Jung. Un archetipo è la nozione che ci sono temi o personaggi comuni che sono coerenti in tutte le persone, nascosti nel nostro inconscio collettivo. L'ombra rappresenta la parte di sé che non è facilmente identificabile.

In sostanza, sfidando le norme convenzionali di spiritualità, è discutibile che Nietzsche abbia influenzato la concettualizzazione di Jung dell'Ombra. E Haynes è pronto a sottolineare che l'Ombra non è malvagia. In realtà, è lo spazio che abbiamo in noi stessi che ci motiva a cercare, sforzarci e mettere in discussione la nostra esistenza – il tutto in cui Haynes trova di essere sane imprese.

"Ecco dove ho una risonanza con lui – come artista e psicoterapeuta. In "Così parlò Zarathustra" vediamo la dialettica tra la differenziazione dai sistemi repressi della cultura e la gestione della morte di Dio e la ri-creazione del Dio interiore ", ha spiegato Haynes. "Quindi, in sostanza, il bellissimo concetto di Nietzsche in 'Zarathustra' è di trovare di nuovo l'anima."

Haynes ritiene che una parte della ragione per cui la psicoterapia sia nata come un campo era quella di affrontare alcune delle domande spirituali poste da Nietzsche. "Se Dio fosse morto, allora la psicoterapia stava cercando di riempire quello spazio. E la psicoterapia è diventata un modo per esplorare il Dio interiore ", ha detto. "Sta parlando dell'amore di sé e dell'auto-compassione. E quei modelli sono decisamente in sintonia con le prime nozioni di Nietzsche sul Dio interiore. E penso che siamo costantemente alla ricerca di questo e di trovare quella risonanza con gli altri ".

La scoperta del Dio interiore porterebbe, in teoria, ad un senso di pace con gli altri, poiché vi è una sovrapposizione spirituale. "Quando realizzi che tu ed io siamo intrinsecamente uguali e che Dio esiste in entrambi e universalmente in tutte le cose viventi, crea un tremendo senso di gioia e compassione", ha detto Haynes.

"Dio interiore è una celebrazione della nostra comunità intrinseca".

La chiave per raggiungere il senso di "Dio dentro" è, forse paradossalmente, non semplicemente abbracciare sentimenti positivi, ma piuttosto essere disposti a esplorare le emozioni sconosciute, e forse più spaventose – per abbracciare la propria Ombra.

 Gwynneth Haynes
Fonte: credito fotografico: Gwynneth Haynes

"Dobbiamo stare attenti all'equilibrio dell'ombra e della luce … e la nostra umanità dipende da questo. Ed è al livello di essere solo consapevole di sé ", ha detto Haynes. "Esiste il pericolo di essere troppo identificati con amore, gioia e pace e di dimenticare l'ombra. Quando dimentichiamo l'ombra, siamo nei guai. Perché l'ombra è anche ciò che ci guida nella nostra umanità.

"Nessuno è perfetto. Ognuno ha un'ombra. "

Haynes ha descritto come usa questo approccio come terapeuta – accettare ed essere curioso dei sintomi, piuttosto che giudicare o criticare l'esperienza del suo cliente.

"Penso che sia davvero bello non patologizzare. Questo è un altro buon modo di guardare l'ombra … è solo lasciare che il sintomo sia quello che è. E poi sii aperto e curioso di vedere cosa succede … senza imporre il nostro programma ", ha spiegato. "Guardo il processo terapeutico come una specie di numinoso. È un'energia invitante … e lasciamo che sia prima di agire. "

Haynes pensa che oltre alla psicoterapia, la creatività sia un metodo forte per affrontare le norme personali e sociali ed esplorare la propria ombra. "La creatività e la creazione sono un modo per le persone di sentirsi autonome, libere e autorealizzate. E dobbiamo ancora mettere in discussione l'autorità, la costruzione culturale, i nostri appetiti ", ha spiegato.

"La maggior parte delle persone che sono artisti hanno a che fare con qualcosa che è instabile, che vuole catarsi e trasformazione. Il privilegio di prendere sentimenti incerti e trasformarli in qualcosa di creativo è come l'alchimia. È un dono e un privilegio. "

Haynes descrive come il suo nuovo album, "All Are One", sia stato particolarmente influenzato da Nietzsche. "L'album che ho appena pubblicato riguarda quell'unità. Si tratta di coltivare la divinità interiore e vedere la divinità con tutti noi e tutti gli esseri ", ha spiegato. "Se lo facciamo, è più difficile danneggiare gli altri esseri. È più difficile immaginare guerre. Se non puoi fare agli altri ciò che non puoi fare a te stesso, inizia a cambiare la tua prospettiva. "

E Haynes incoraggia gli altri a imparare dall'esempio di Nietzsche – a mettere in discussione noi stessi e il mondo che ci circonda come un modo per migliorare la nostra vita.

"Attraverso l'interrogatorio, possiamo crescere", ha detto. "C'è una bella citazione di Ralph Waldo Emerson che dice:" Solo nella misura in cui qualcuno è instabile c'è qualche speranza per loro ".

"Ed è importante sapere che nell'essere incerti, ci può essere spazio per la guarigione".

Michael A. Friedman, Ph.D., è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del consiglio consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman onTwitter @DrMikeFriedman e EHE @EHEintl.

Solutions Collecting From Web of "Gwynneth Haynes Wrestles With Her Shadow"