Gun Control e the Slaughter of Innocents

Sono fortemente a favore del controllo delle armi. Le leggi sul controllo delle armi negli Stati Uniti sono in ritardo da tempo e il successo della lobby delle armi nel bloccare la loro promulgazione è una vergogna nazionale. In questo post del blog, tuttavia, voglio distinguere due significati di rivolgermi all'esigenza di controllo delle armi nell'immediata conseguenza della terribile tragedia che si è verificata alla Sandy Hook Elementary School di Newtown, nel Connecticut. Questi significati hanno a che fare con due modi diversi in cui gli esseri umani possono reagire a sentimenti di indicibile orrore e impotenza di fronte al massacro di piccoli bambini innocenti. *

Un modo è quello di sentire pienamente i sentimenti di orrore e impotenza e poi sfruttarli e incanalarli in azioni correttive necessarie, come il sostegno al controllo delle armi. Un secondo modo, tuttavia, è usare tale azione per cercare di sfuggire all'intensità traumatica di questi sentimenti terribili. Ovviamente, la tragedia è un terribile trauma per tutti coloro – genitori, fratelli, amici, altri studenti, insegnanti – che erano strettamente connessi con le vittime. Ma la tragedia costituisce anche un trauma collettivo per tutti noi che sentiamo l'orrore a una distanza maggiore. Una tragedia come questa ci porta faccia a faccia con le nostre vulnerabilità esistenziali – vulnerabilità alla morte e alla perdita – e la vulnerabilità esistenziale di tutti coloro che amiamo, specialmente in questo contesto, i nostri figli. E, cosa più importante, ci rende consapevoli dell'estrema limitatezza della nostra capacità di proteggerli.

Gli esseri umani trovano estremamente difficile soffermarsi su tali sentimenti di orrore, vulnerabilità e impotenza, e un modo in cui cerchiamo di eluderli è di far risorgere un illusorio senso del controllo attraverso una sorta di azione. Gli esempi abbondano. Dopo un terremoto catastrofico, le persone si preoccupano della "preparazione al terremoto". Nelle regioni vulnerabili ai terremoti, è certamente una buona idea tenere a portata di mano cibo e acqua, ma nulla può prepararci per l'inimmaginabile devastazione causata da un improvviso terremoto . O ricordi cosa è successo subito dopo il trauma collettivo dell'11 settembre? Ignorando i sentimenti opprimenti di vulnerabilità e terrore che sono stati evocati dalla distruzione delle nostre illusioni di invincibilità, l'amministrazione Bush ha cercato di ripristinare quelle illusioni conducendoci in una grandiosa "Guerra al Terrore".

La nostra capacità di proteggere coloro che amiamo da tragedie come terremoti catastrofici, attacchi terroristici e uccisioni di massa è gravemente limitata. Dobbiamo essere in grado di soffermarci sui sentimenti di orrore e impotenza e aiutare gli altri a sopportarli. Dobbiamo essere in grado di perseguire il controllo delle armi senza intraprendere una "guerra alle armi" per eludere sentimenti e vulnerabilità traumatici che dobbiamo possedere e affrontare. E dobbiamo cercare e affrontare le fonti di atrocità come le uccisioni di massa di innocenti nella società in cui tutti noi abitiamo.

* Sono grato al mio collega Dr. Penelope Starr-Karlin per avermi aiutato a diventare chiaro su questi significati diversi.

Copyright Robert Stolorow

Solutions Collecting From Web of "Gun Control e the Slaughter of Innocents"