Gullibility (parte 5): sette più creduloni di creduloneria

Detective/Flickr
Fonte: Detective / Flickr
  • Imparare dai propri errori. Fai una lista di tutte le volte in cui sei stato ingannato, ingannato, manipolato o ingannato. Qualche schema emerge dalla tua analisi del dopo-fatto? L'espressione ben nota: "Ingannami una volta, è colpa tua; colpa di me due volte, è colpa mia ", vale la pena notare qui. Se impari tutto ciò che è possibile in base all'esperienza passata, hai meno probabilità di essere vittimizzato in futuro.

Ricorda che gli aneddoti, per quanto avvincenti, non provano davvero nulla. Ci sono stati (e sempre saranno) favolosi racconti di guarigioni miracolose e rimedi miracolosi, opportunità straordinarie e successi eccezionali. Alcuni di questi racconti potrebbero essere veri e alcuni potrebbero essere veri. Ma le storie sulle esperienze incredibili degli altri, per esempio, nell'acquistare un prodotto o nel fare un investimento raramente sono degne di fiducia assoluta. Chiunque abbia investito con Bernie Madoff, per esempio, ha scoperto solo troppo tardi che i loro meravigliosi ritorni sono stati finti per sempre. Quindi sospettate che qualcuno stia cercando di convincervi a fare qualcosa sulla base di storie e aneddoti (in particolare quelli non documentati ). Ascolta con interesse, se vuoi, ma fai attenzione a non sospendere il tuo scetticismo.

  • A proposito delle cosiddette "autorità". Può essere allettante cercare di eludere il lavoro forse difficile o tedioso di decidere qualcosa di totalmente da solo. Potresti sentirti molto più a tuo agio affidandoti semplicemente all'autorità di qualcun altro (anche se quella persona potrebbe trarre vantaggio dal fatto che tu abbia dato il via libera). Ma prima di accettare acriticamente tale influenza esterna, devi assicurarti che l'esperienza che stai attribuendo all'altra persona sia effettivamente giustificata.

Non dare per scontato che un altro sia "esperto" su una questione solo perché tu stesso ne sei relativamente ignorante. O ti porti "alla velocità" su ciò di cui dovresti sapere di più se devi prendere una decisione informata o, per lo meno, consultare un amico o un professionista che si sente sicuro abbia sia una conoscenza approfondita nell'area che può essere abbastanza disinteressato (cioè, non ha alcun interesse emotivo o finanziario nella tua decisione) per condividere pienamente le loro conoscenze superiori con te.

  • Non lasciare che i solicitors ti coinvolgano. Che qualcuno venga a casa tua o ti chiami al telefono, l'unica assunzione prudente da fare è che qualsiasi prodotto o servizio che stanno cercando di venderti è qualcosa che avrebbe molto senso acquistare. E generalmente è meglio nemmeno lasciarli iniziare. Per il tempo che trascorrono con te, il più colpevole si può sentire nel dover rifiutare la loro offerta. Fai sapere loro che non sei interessato (anche se, francamente, potresti essere curioso, se sono bravi in ​​quello che fanno!).

Inoltre, non preoccuparti di sembrare maleducato. In generale, tu sei poco più che un oggetto per loro comunque. E i venditori (o le persone che fanno generalmente "raffreddare a freddo") in genere hanno pelli abbastanza spesse, o non durano a lungo in un ruolo così manipolativo. (Personalmente, quello che trovo più divertente degli avvocati telefonici è che è così facile da dire quando leggono da una sceneggiatura, ma fanno uno sforzo per sembrare sincero e sincero, che mi spinge regolarmente a roteare gli occhi oa fare spallucce spalle o entrambi).

  • Non decidere su nulla quando sei "sotto l'influenza". Sia che si tratti di alcol o marijuana, di una persona alta o bassa, sei in svantaggio ogni volta che accetti qualcosa quando la tua mente o il tuo umore si trovano in uno stato alterato artificialmente. In questi casi, è molto probabile che il tuo miglior giudizio sia stato alterato chimicamente. Quindi devi decidere in anticipo di non impegnarti in nulla finché non sarai tornato al tuo normale stato di coscienza.

Detto questo, è fin troppo possibile che se qualche sostanza ti ha messo in uno stato d'animo disinibito, il tuo meccanismo di censura interna potrebbe essere così opaco che non sei in grado di mantenere la tua parola precedente. Se hai già un record di tradire te stesso mentre sei in uno stato alterato dell'Io, devi considerare se puoi permetterti di darti la licenza di "usare" in qualsiasi situazione in cui potresti non essere in grado di resistere a un appello che, sobrio, ti rifiuterai quasi automaticamente.

  • Non decidere su nulla quando sei affaticato. Probabilmente è stata la tua esperienza – è stata certamente mia – che il tuo miglior giudizio non è disponibile quando ti senti esausto. L'innovativo psicologo della ricerca Roy Baumeister ha studiato questo fenomeno comune in termini di ciò che definisce "esaurimento dell'autoregolamentazione". Per Baumeister, la capacità di controllare noi stessi e di agire in modo intelligente viene influenzata in modo significativo e sfavorevole quando il nostro livello di energia è diminuito. Stephen Greenspan, citando le scoperte di Baumeister, nota nel suo Annali della credulità che in tale stato siamo molto più vulnerabili alle pressioni esterne, alle proposizioni e alle suppliche di quanto saremmo se ci sentissimo più vigili.

Come lo stesso Baumeister (2001) afferma (anche se non collega specificamente la sua tesi all'aumentata ingenuità): "La teoria dell'esaurimento sostiene che una volta che il sé si è esaurito, non ha le risorse necessarie per un ulteriore sforzo di volontà." In breve, la fatica conduce a un'attenuazione della forza di volontà e dell'auto-moderazione. Quindi siamo molto più vulnerabili all'essere gabbati quando prendiamo decisioni quando siamo stanchi. Semplicemente non siamo nel giusto stato d'animo per fare delle scelte, assumerci delle responsabilità o esercitare l'autocontrollo quando la risorsa di energia limitata per farlo con saggezza si è temporaneamente esaurita.

  • Mantieni le tue emozioni sotto controllo. Bere di emozione, è quasi impossibile decidere su qualsiasi cosa. Per assenza della capacità di sentire, nessuna cosa "sente" meglio di qualsiasi altra cosa. Quindi, senza dubbio, abbiamo bisogno delle nostre emozioni per guidare le nostre decisioni. Ma se le nostre emozioni "prendono il sopravvento" – cioè, sono in uno stato notevolmente accentuato (o "sul soffitto", come talvolta viene descritto) – le nostre capacità decisionali non possono più essere considerate attendibili.

Di conseguenza, dovresti stare particolarmente attento a non impegnarti in nulla quando le tue emozioni sono molto cariche. Se sei innamorato (o, del resto, "in odio"); o forse ribollendo di rabbia, affondando dal peso della depressione, o tremando di ansia, le emozioni forti non sono compatibili con il funzionamento neocorticale ottimale. In questo stato, il tuo cervello più nuovo e più evoluto è stato sabotato dal tuo vecchio cervello rettile (o dinosauro). E qualsiasi comportamento intrapreso in uno stato così emotivamente pronunciato rischia di provocare un rimpianto successivo.

Anche l'emozione dell'entusiasmo può essere pericolosa se si basa meno sulla ragione che sulla credulità di fronte a un buon parlatore, qualcuno particolarmente abile a ispirare fiducia senza fornire fatti corroboranti. Come Greenspan (nei suoi Annali ) osserva succintamente: "Quando l'emozione entra nella porta, la ragione vola fuori dalla finestra." Forse questo scetticismo sull'emozione è un po 'esagerato, ma è ancora saggio essere prudenti e fare un passo indietro quando iniziano le emozioni nascenti per dominare il tuo processo di pensiero.

Nota: qui ci sono collegamenti a Parti 1 ("Quanto sei vulnerabile all'essere duplicato"), 2 ("Le origini infantili della creduloneria"), e 3 ("Altre convinzioni negative che possono portare alla credulità") di questo multi- parte post. La sesta parte aggiungerà i sette suggerimenti finali ai sette sopra (e i sette offerti inizialmente nella quarta parte).

Solutions Collecting From Web of "Gullibility (parte 5): sette più creduloni di creduloneria"