Guasti e 'Shift-Ups'

https://www.flickr.com/photos/dreamworld30
Fonte: https://www.flickr.com/photos/dreamworld30

Negli ultimi dieci anni, ho passato molto tempo a studiare il fenomeno del risveglio spirituale. Nella mia tesi di dottorato, ad esempio, ho indagato sui casi di 25 persone che credevano di aver subito un risveglio spirituale. Ho esaminato le cause apparenti o le cause scatenanti della loro trasformazione, le caratteristiche del loro nuovo stato e i tipi di cambiamenti che aveva generato nei loro atteggiamenti e stili di vita. Da allora, ho indagato su molti altri casi, tra cui un gruppo di circa 32 persone che hanno avuto esperienze di trasformazione potenti in seguito a periodi di intenso tumulto psicologico, la maggior parte delle quali potrebbe essere classificata come un "risveglio" permanente e continuo.

Il termine "risveglio spirituale" è piuttosto sdrucciolevole, quindi permettimi di chiarire cosa intendo con questo. Lo vedo come un cambiamento psicologico – o trasformazione dell'essere – che non deve necessariamente essere interpretato in termini religiosi o persino spirituali. In realtà preferisco chiamarlo semplicemente "risveglio" (come processo) e "veglia" (come stato), per sottolineare che può accadere al di fuori delle tradizioni spirituali. In effetti, ho scoperto che si verifica più frequentemente tra le persone che hanno poca o nessuna conoscenza di pratiche o tradizioni spirituali.

Alla luce di questi fattori, definisco il risveglio spirituale come uno spostamento in uno stato diverso, a più alto funzionamento, in cui la visione di una persona del mondo e il rapporto con essa sono trasformati, insieme alla loro esperienza soggettiva e al senso di identità. Questo cambiamento porta un senso di benessere, chiarezza e connessione. La persona sviluppa una più intensa consapevolezza del mondo fenomenico e una visione ampia e globale, con un sentimento di empatia che abbraccia tutto il genere umano e un senso molto ridotto dell'identità di gruppo.

Esistono tre tipi principali di "veglia". Esiste "l'insonnia naturale", quando lo stato è semplicemente innato per le persone, senza che loro facciano alcuno sforzo per coltivarlo. (Il poeta Walt Whitman ne è un buon esempio.) C'è una "veglia graduale", che viene solitamente coltivata da certe tecniche (come la meditazione) e stili di vita (come seguire il percorso di yoga a otto zampe o uno stile di vita monastico ). Infine, vi è "improvvisa veglia", che comporta uno spostamento di identità istantaneo e drammatico, e si verifica più frequentemente in risposta a intensi disordini psicologici, come lutto, perdita, fallimento o grave stress.

Nella mia ricerca, ho trovato che il risveglio improvviso in risposta al tumulto (o "trasformazione attraverso turbolenze", come a volte lo chiamo) è tutt'altro che raro. Sfortunatamente, tuttavia, è spesso non rilevato o frainteso. Questo perché a volte un improvviso risveglio si verifica in una forma intensamente energetica ed esplosiva e causa alcuni disturbi psicologici. Il cambiamento a volte crea un terremoto psicologico che interrompe temporaneamente funzioni come la concentrazione, la cognizione e la memoria. Una persona potrebbe trovare difficile pensare con chiarezza o focalizzare la propria attenzione, perché le loro menti sono sopraffatte da nuove impressioni, pensieri e visioni. Possono avere difficoltà nell'organizzare le loro vite, fare piani e decisioni, o risolvere problemi. In casi estremi, possono anche avere problemi a parlare temporaneamente e trovare difficoltà nell'interazione sociale.

Di conseguenza, "l'improvviso risveglio energetico" (come io lo chiamo) viene spesso diagnosticato erroneamente come una forma di psicosi. Ad esempio, nella mia ricerca di dottorato, c'erano 5 casi chiari di "improvviso risveglio energetico", quattro dei quali erano visti da psichiatri, dati farmaci e / o confinati negli ospedali psichiatrici.

Questa interpretazione errata è una grande vergogna, per due ragioni. Da un lato, significa che il processo di risveglio è patologizzato. È "ufficialmente" confermato che la persona che si sveglia ha "qualcosa di sbagliato" con loro, o che sta "impazzendo". Qualsiasi dubbio e incomprensione che possano aver avuto dai loro amici è dimostrato dalla professione medica. Ciò significa che sono più propensi a cercare di negare o sopprimere il loro risveglio e che sono meno propensi a ricevere supporto e comprensione. Il secondo problema è che, se una persona del risveglio riceve un farmaco, ciò può interferire con il processo organico di stabilizzazione e integrazione che dovrebbe seguire il risveglio. Ironia della sorte, anche se i farmaci possono sopprimere alcuni dei disturbi psicologici che a volte sorgono con un improvviso risveglio, a lungo termine potrebbe effettivamente perpetuarli – cioè, fermarli svanire naturalmente.

Tuttavia, anche se questo è molto sfortunato, forse non è così sorprendente, poiché un improvviso risveglio energetico può certamente assomigliare alla psicosi. A meno che uno psichiatra non sia consapevole del risveglio spirituale come un processo – che sfortunatamente è ancora abbastanza raro – allora è fin troppo facile per loro leggere male i suoi sintomi.

Differenziare la psicosi e il risveglio

Alcuni ricercatori ritengono che non vi sia alcuna differenza fondamentale tra la psicosi e il risveglio spirituale, ma semplicemente un'esperienza fondamentale di andare oltre i confini del sé normale, che può diventare un'esperienza psicotica o spirituale dipendente da diversi fattori. Ad esempio, uno dei principali ricercatori britannici sulla "crisi spirituale", Isabel Clark, ritiene che il fattore più importante nel determinare se un'esperienza transpersonale diventa "un evento spirituale che migliora la vita" o "un crollo psicotico dannoso da cui non esiste facile fuga 'è quanto forte e stabile il senso di sé di una persona sia – o nei suoi termini, la' fondatezza 'del sé, o' forza dell'ego '. In altre parole, se una persona non ha un forte senso di sé, è più probabile che abbia un'esperienza psicotica. Clark crede che, piuttosto che fare una distinzione tra spiritualità e psicosi, dovremmo pensare a un intero spettro di "stati di coscienza transliminali". Un'altra ricercatrice, Caroline Brett, sostiene anche che non vi è alcuna differenza categoriale tra il risveglio spirituale e la psicosi, e che qualsiasi differenza apparente deriva dal modo in cui l'esperienza viene contestualizzata ed etichettata – cioè, se è supportata o patologizzata dai pari della persona o più ampia cultura.

Tuttavia, la maggior parte dei ricercatori – incluso me – ritiene che esista una differenza fondamentale tra la psicosi e il risveglio. Non sono solo due variazioni della stessa esperienza fondamentale, ma due esperienze fondamentalmente diverse che hanno alcune somiglianze o si sovrappongono in una certa misura. Lo psicologo transpersonale Stan Grof, ad esempio, riconosce che quella che lui chiama "emergenza spirituale" può assomigliare alla psicosi in quanto potrebbe esserci un'improvvisa eruzione di nuove energie e potenzialità spirituali che potrebbero sentirsi minacciose – persino travolgenti – e causare interruzioni ai normali problemi psicologici funzionamento. Tuttavia, Grof crede che un'emergenza spirituale sia fondamentalmente diversa in quanto di solito presenta un "sé osservatore" che si distingue dal disturbo psicologico, in modo che la persona possa razionalizzare e comprendere la propria esperienza in una certa misura. Nella psicosi, tuttavia, non c'è osservatore; il sé è completamente immerso nell'esperienza e quindi non può controllarlo o integrarlo. Una persona che sta avendo un'emergenza spirituale ha un senso di distacco radicato che è assente dagli episodi psicotici.

Un altro ricercatore leader nelle emergenze spirituali, David Lukoff, identifica una serie di differenze essenziali tra i disturbi psicotici e quelli che definisce "episodi spirituali visionari". La sua ricerca mostra che le persone che hanno esperienze spirituali visionarie hanno "un buon funzionamento pre-episodio" – cioè, a differenza delle persone che hanno disturbi psicotici, tendono ad essere personalità ben adattate e integrate che prima erano prive di problemi psicologici. L'insorgenza dei loro sintomi si verifica anche più rapidamente – di solito durante un periodo di tre mesi o meno – e di solito hanno un 'atteggiamento positivo, esplorativo verso l'esperienza.' Inoltre, le persone che hanno VSE hanno maggiori probabilità di avere un senso di estasi e rivelazione e hanno un rischio molto ridotto di comportamento omicida o suicida.

Tuttavia, forse la differenza tra psicosi e spiritualità è più semplice e fondamentale di quanto suggeriscono questi ricercatori. La somiglianza tra loro sta nel fatto che entrambi comportano un'interruzione di un normale "sistema di sé" e il suo normale funzionamento. Quando il normale autosistema è disturbato dal risveglio spirituale, anche le sue funzioni vengono interrotte, nello stesso modo in cui un terremoto sconvolge l'infrastruttura di base e le amenità di una città. Ma questo non è strettamente un crollo, perché un nuovo sistema autonomo emerge, anche se in modo problematico, per sostituire quello vecchio. Di solito c'è solo un'interruzione temporanea del funzionamento psicologico, dal momento che il nuovo autosistema prende il sopravvento (di nuovo, anche se questa "acquisizione" è un processo difficile), e la persona risvegliata presto imparerà a concettualizzare, a concentrarsi, a comunicare, e così via. Quello che potrebbe essere sembrato essere un crollo ora si rivela essere un cambiamento, la nascita di un sistema autonomo latente che funziona più in alto.

Ma nella psicosi non emerge nessuna autostruttura latente. C'è semplicemente un guasto, senza uno spostamento. Il normale auto-sistema si dissolve nel vuoto. Non c'è nulla da prendere in carico le funzioni psicologiche che sono state interrotte. Potremmo fare un'analogia con la politica. Nella psicosi, è come se un governo si dissolvesse, senza fare in modo che qualcun altro potesse prendere il sopravvento. Di conseguenza, il paese scende nel caos. La sua infrastruttura comincia a crollare e le strutture e i servizi di base non funzionano più. Mentre al risveglio, ovviamente, un nuovo governo prende il potere.

Questo non vuol dire che non ci siano somiglianze tra psicosi e spiritualità, oltre ai disturbi psicologici iniziali che può causare un improvviso risveglio. Il punto principale della somiglianza tra la psicosi e il risveglio è che entrambi sono stati in cui noi "facciamo un passo" rispetto al normale sistema di auto-sistema. Sono entrambi stati in cui una persona non sperimenta la realtà attraverso le strutture e le funzioni psicologiche di questo sistema di sé. Di conseguenza, ci sono alcune caratteristiche che sono condivise da entrambi gli stati – il principale è la percezione intensificata o consapevolezza intensificata che è spesso associata alla schizofrenia. Ma anche qui c'è una differenza in quanto, per una persona con schizofrenia, una maggiore consapevolezza non può essere necessariamente un fenomeno positivo. È probabile che manchino della capacità di controllarlo, in modo che invada costantemente la loro attenzione. È anche possibile che, a causa del senso generale di ansia che sentono, interpreteranno questa realtà accresciuta come una minaccia. Un'altra somiglianza è l'accresciuta energia e creatività che a volte è associata alla schizofrenia, come lo è la veglia. Ma di nuovo, qui c'è anche una differenza in quanto una persona in psicosi di solito non è in grado di controllare la propria energia e può sentirsi sopraffatta da essa.

Infine, anche un senso del tempo alterato viene generalmente condiviso sia dallo stato psicotico che dallo stato di veglia. Nella veglia, questo appare come un senso di trascendere il passato e il futuro, e di diventare intensamente presenti, o come un senso esteso del tempo, in cui sentiamo di avere più di abbastanza tempo, o il tempo potrebbe anche non sembrare esistere. Ma nella psicosi, questo spesso appare come la sensazione di essere "perso" nel tempo, non essere in grado di stimarlo o controllarlo. Sembra quindi che alcune delle stesse caratteristiche di base compaiano in entrambi gli stati, ma in una forma diversa: in una manifestazione positiva nella veglia, e in una manifestazione negativa nella psicosi. (Non voglio estendere troppo queste somiglianze.) La maggior parte delle principali caratteristiche dello stato di veglia – come il maggiore benessere, l'empatia, la tranquillità mentale, un ridotto bisogno di identità di gruppo – non si verificano affatto nella psicosi .)

Ciò inoltre non significa che la psicosi e il risveglio spirituale a volte non si sovrappongano e si fondano. In alcune situazioni, la relazione tra loro potrebbe essere più complessa di quanto suggerisco qui. Ad esempio, può darsi che ci sia un periodo di rottura o di psicosi prima che un nuovo sistema di sé inizi a stabilirsi. O forse possono esserci occasioni in cui un sistema emergente di auto-sistema è sopraffatto da disturbi psicotici, e così temporaneamente si dissolve prima di tornare e stabilirsi correttamente più tardi.

Nel complesso, comunque, credo sia imperativo che sempre più psichiatri diventino consapevoli del risveglio come un fenomeno in sé, piuttosto che trattarlo come una forma di psicosi. Ci sono in realtà alcuni segni che questo sta accadendo – qui nel Regno Unito, ad esempio, c'è ora un "Gruppo di interesse speciale di spiritualità e psichiatria" all'interno del Royal College of Psychiatry. Quindi, si spera, non passerà molto tempo prima che incomprensioni e fraintendimenti svaniscano, e l'insonnia cominci ad essere accettata come uno stato naturale e sano – uno che è in realtà molto più sano e più efficiente del nostro stato normale, e che rappresenta la direzione futura dell'evoluzione della coscienza e un movimento verso un futuro positivo, più armonioso.

Steve Taylor PhD è un docente senior in psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito. È autore di numerosi libri di spiritualità e psicologia, tra cui Waking From Sleep e The Calm Center. www.stevenmtaylor.com

Solutions Collecting From Web of "Guasti e 'Shift-Ups'"