Guarire le nostre piaghe: trovare l'oro interiore

Abbiamo tutti ferite che hanno bisogno di essere curate. Come potrebbe non essere vero? Viviamo in un mondo esterno afflitto da tanta violenza sotto forma di sessismo, razzismo, oggettivizzazione, violenza domestica, abuso infantile, bullismo, emarginazione di messaggi culturali sulla bellezza e il successo e disfunzione familiare.

Negli ultimi cento anni, la psicologia occidentale ha portato la sua intelligenza, il cuore e la ricerca per la cura di queste ferite. Tuttavia, nel nostro sforzo di essere sollevati dal dolore, dal tormento e dai modelli di comportamento che ne derivano, ignoriamo troppo facilmente la reale possibilità che un grande dono si nasconda, persino in incubazione, in quel territorio ferito. Sperando di "superare" le nostre ferite, potremmo allontanarci o persino vergognarci del luogo stesso in cui il nostro dono sorge e vive.

Considera le seguenti storie:

Maya Angelou: Assalto sessuale e Dono della voce

Maya Angelou è nata a St. Louis, nel Missouri, nel 1928. All'età di otto anni è stata violentata dal fidanzato della madre. Maya esitò a dire alla sua famiglia, temendo che un parente avrebbe ferito o ucciso l'uomo. Abbastanza sicuro, pochi giorni dopo che lei parlò, l'uomo fu trovato morto. "Ho pensato, la mia voce lo ha ucciso; Ho ucciso quell'uomo, perché ho detto il suo nome. E poi ho pensato che non avrei più parlato, perché la mia voce avrebbe ucciso chiunque … "[1]

Maya ha fatto silenzio – per cinque anni. La sua famiglia, non sapendo come rispondere, ha inviato Maya a casa di sua nonna in Arkansas. Sua nonna trattenne il silenzio di Maya in modo sacro, dicendo a Maya di non preoccuparsi, che sarebbe diventata una grande insegnante un giorno. Alla fine, il mondo ne fu testimone: era una delle più grandi maestri d'America per la sua presenza pubblica, i volumi di poesia, le sette autobiografie e il mandato alla Wake Forest University.

La ferita che Maya ha ricevuto è potente e chiara, ma ciò che è anche fondamentale per la storia è il modo in cui ha reagito, diventando silenzioso.

La ferita non solo ha toccato il suo corpo ma ha anche toccato la sua voce.

In un certo senso, Maya aveva ragione sulla sua voce, era davvero potente. Non solo ha avuto un ruolo nella morte del suo stupratore, ma ha anche continuato a svolgere un ruolo nella vita e nella responsabilizzazione di tutti coloro che l'hanno sentita parlare. Era come se la sua psiche infantile sapesse, da qualche parte nel profondo, di avere quel tipo di potere. Era come se lei avesse cucinato quella voce, alchemicamente, finché non fosse pronta. Era come se sua nonna conoscesse anche il segreto della voce di Maya, trattenendo il suo silenzio con un amore prezioso finché, cinque anni dopo, esortò Maya a consegnare una lettura di poesie alla comunità ecclesiale della domenica.

La nonna di Maya sembrava sapere qualcosa che noi terapeuti stanno ancora imparando: alcune cose cucinano, gestano e si svolgono nel loro tempo, e in quella ferita può essere un vero tesoro.

James Baldwin: Critica dell'infanzia e dono della visione

James Baldwin è stato uno dei più grandi romanzieri, drammaturghi e attivisti d'America. Da bambino, il padre di James lo stuzzicava così tanto con i suoi occhi sporgenti che giaceva sulla schiena e gli aveva messo delle monete per "spingerli indietro". Come possiamo non essere toccati dalla sua storia e dal dolore della sua infanzia?

Tuttavia, la guarigione della sua ferita va oltre il portare sollievo alla sua sofferenza infantile. Una guarigione più completa richiede di abbracciare non solo la sua storia e la sofferenza infantile, ma anche il dono nascosto in quegli occhi. Gli occhi sporgenti di Baldwin si estendevano non solo alla lettera, ma anche simbolicamente, nel suo esame del razzismo, dell'omofobia e della mortale innocenza americana. I suoi occhi scrutarono nell'oscurità, illuminando le ombre nel ventre debolmente illuminato dell'America.

Quando vedi dal ventre, vedi cose che gli altri non possono vedere, non vedono, non vedranno.

La sua visione feroce era anche amorevole, rivelata in una lettera al nipote di 16 anni, dove scrisse sull'America bianca, i suoi compatrioti: "La cosa veramente terribile, vecchio amico, è che devi accettarli, e io significa molto seriamente. Devi accettarli e accettarli con amore, perché queste persone innocenti non hanno altra speranza. Sono in effetti ancora intrappolati in una storia che non capiscono e finché non lo comprendono, non possono essere liberati da esso. "Quegli occhi sporgenti non si allontanarono mai dalla verità, e emanarono sempre dal cuore.

L'insulto che ha ricevuto da suo padre lo ha incontrato proprio dove era il suo più grande dono.

La sua storia pone la domanda: perché il padre di James non ha stuzzicato la sua pancia, la sua sensibilità, la sua intelligenza? È come se la freccia della presa in giro del padre fosse disegnata, con accuratezza psicologica, proprio sul dono di Baldwin. Forse gli occhi di James intimidirono suo padre; forse suo padre era minacciato da ciò che James poteva vedere in lui. Ad ogni modo, l'insulto ricevuto da suo padre lo incontrò proprio dove era il suo dono più grande.

Riesci a immaginare di raccontare la storia di abusi di Baldwin senza menzionare che era uno dei più grandi visionari d'America? Sarebbe tragico! Lo stesso è vero per tutti noi.

VIDEO: IL REGALO NEGLI OCCHI DI BALDWIN

Client Story: ferire e il dono della sensibilità

Una volta ho lavorato con una donna che si sentiva invisibile da bambina. Per alcuni bambini questo non li avrebbe feriti come potentemente, ma per questa donna tagliò profondamente. Veniva da me soffrendo di essere regolarmente ferita da amici, parenti e colleghi. Naturalmente, voleva superare questo schema.

"Come posso imparare ad essere meno sensibile?" Chiese. Ha incautamente perseguito la sua guarigione cercando di superare la sua sensibilità. Porre la colpa per la sua sofferenza è iniziata presto, quando i suoi genitori le hanno detto, come hanno fatto molti amici, che doveva superare la sua sensibilità.

Invece di accettare la sua agenda, feci ulteriore indagine sulla sua sensibilità: dove viveva dentro di lei ("Nel mio cuore"), quale aspetto della natura poteva rappresentare la sua sensibilità ("L'erba che si muoveva così facilmente dal vento" ). La guidai per avvicinarmi al suo cuore, per percepire l'erba che scorreva che simboleggiava la sua sensibilità. Riferì di provare una gioia dolce e facile, dicendo che il suo cuore poteva sentire la fresca brezza dell'umore o dei modi di un altro, quasi prima di incontrarsi con una persona.

La sua guarigione non ha portato il tempo a liberarsi della sua sensibilità, un percorso che avrebbe amplificato il suo odio per se stesso. Invece, la guarigione arrivò possedendo la sua sensibilità, coltivando ulteriormente la sua finezza. Lei, come molti clienti con cui ho lavorato, ha imparato a incolpare e persino odiare la sua sensibilità, vedendola come "la causa alla radice della mia sofferenza".

Come molti, è stata criticata per la sua sensibilità, portandola a distogliere lo sguardo da essa, quando in realtà la sua sensibilità era il suo dono. Forse la sua famiglia e altri erano segretamente invidiosi della sua capacità di sentirsi così profondamente e facilmente; forse quelli che hanno imparato a mettere da parte i loro sentimenti erano persino gelosi della sua sensibilità, portandoli a essere critici nei confronti del suo dono. Ad ogni modo, proprio il sito delle sue ferite era il seme del suo dono.

Sia che si tratti delle nostre ferite o delle ferite di clienti e amici, dobbiamo stare attenti a non concentrarci solo sul loro dolore e sofferenza. Quando lo facciamo, inavvertitamente sponsorizziamo, condiscendiamo e non rendiamo testimonianza del potere e della capacità del dono della persona. Li riduciamo, li riduciamo, li incoraggiamo a essere meno integri e portiamo una forma di pietà all'equazione di guarigione.

Se vogliamo aiutare i nostri clienti, dobbiamo occuparci con cura, compassione e amore della storia, della ferita e della ferita. E poi dobbiamo chiedere: "Dov'è quella ferita in te?" "È nella tua sensibilità, nella tua intelligenza, nel tuo corpo, nella tua connessione con le persone? Sei stato attaccato per la tua intelligenza, sentimento, sensibilità? "

Quando apriamo il dono nascosto nella ferita, qualcosa di magnifico fiorisce fuori dal processo di guarigione. La guarigione diventa più che la risoluzione del dolore; diventa un percorso per scoprire chi siamo veramente e lo sbocciare dei nostri più grandi doni. Questa è la fioritura che vogliamo in una terapia profonda: una guarigione delle nostre ferite che porta vita e luce alla nostra magnificenza.

1. Maya Angelou So perché canta l'uccello in gabbia ". World Book Club. BBC World Service. Ottobre 2005. Recuperato il 17 dicembre 2013.

********************************

Potrebbe piacerti anche:

Lavorare con l'ombra

Vincere la battaglia con la critica interiore

David Bedrick
Fonte: David Bedrick

Teniamoci in contatto!

Iscriviti alla mailing list di David qui per ricevere newsletter, aggiornamenti sugli eventi e molto altro!

Per saperne di più sul lavoro di David, visita il suo sito qui.

Pianifica una sessione di consulenza individuale: dbedrickspeak@mac.com

Segui David su Facebook.

Segui David su Twitter.

Leggi di più sui post di David qui.

David è l'autore di Talking Back to Dr. Phil: Alternative to Mainstream Psychology.

Clicca qui per acquistare una copia firmata del suo libro.

Credito fotografico autore: barone Wolman

Solutions Collecting From Web of "Guarire le nostre piaghe: trovare l'oro interiore"