Guarigione del nostro tallone d'Achille: ricerca sulla terapia artistica in carcere

"Persona" Scegliere una mela da un disegno di un detenuto

Il post precedente, Art Therapy con un Recipitrant Sociopath ha portato a un certo numero di commenti dei lettori – mentre alcuni erano vituperivi, la maggior parte erano di supporto – che sollevavano un paio di preoccupazioni valide. [Come ho notato, mi sono arreso a uno dei più insultanti commentatori, Anonymous ', che come terapeuta dell'arte, devo essere un deficiente non istruito e poco professionale ** . Per essere chiari, sono un idiota professionista, educato]. Nello specifico, molti dei commenti sulla "discussione" potrebbero essere riassunti in una singola domanda:

Dove sono le prove che supportano i benefici della terapia artistica ?

Uno dei commentatori più ragionevoli, Thomas Shortliffe – un rispettato collega di terapia artistica del Canada di Montreal – ammise in risposta a uno degli attacchi di Anonymous (posso chiamarti Annie?) "In tutta onestà, la [mancanza di] prove scientifiche Il supporto della terapia artistica è il tendine di Achille ". Concordo.

Una delle sfide del nostro campo è stata la mancanza storica di una solida ricerca. Perché questo è stato discusso in molti forum. Mentre l'arte terapia si è storicamente focalizzata su casi di studio, riferimenti aneddotici e esplorazioni qualitative, c'era stato un supporto empirico, basato sull'evidenza, per i benefici della terapia artistica. Ciò che c'era non sembrava altrettanto sexy delle profonde esplorazioni narrative emerse nelle pubblicazioni; e nessuna meraviglia – l'espressione artistica e gli interventi terapeutici creativi si prestavano a un racconto buono, informativo e stimolante [devo confessarlo – anch'io ho tenuto saldamente questo concetto].

Tuttavia, questo continua ad evolversi, e molti clinici e educatori nel nostro campo riconoscono che c'è un posto per la ricerca empirica, robusta e generalizzabile e approfondita, esplorativa qualitativa non tralasciata, per sottolineare i benefici del visivo arte e terapia artistica in settori sempre più ampi di salute mentale, neuroscientifica e incentrata sulla salute. Continuano a sviluppare solidi programmi di ricerca e l'American Art Therapy Association, riconoscendone l'importanza, ne ha fatto una priorità e ha costituito la nuova Task Force della Research Foundation.

Sebbene in origine fosse un ricercatore qualitativo, da allora ho avuto la mia stessa epifania, con il risultato di un cambiamento di cuore metodologico. Di conseguenza, dal 2003 al 2009 ho condotto una serie di progetti di ricerca sui risultati combinando esplorazione quantitativa e vignette illustrative per stabilire se effettivamente l' arteterapia in carcere fosse efficace.

Vedete, per anni, mentre stavamo insegnando le teorie sul perché l'arte terapia potesse andare a beneficio dei detenuti, supportata dai tipi di vignette sopra descritti, non abbiamo mai smesso di esaminare se fosse effettivamente così. Pertanto, con la supervisione dell'Institutional Review Board (IRB) della Florida State University, del Dipartimento di Correzioni della Florida e il sostegno attraverso sovvenzioni, abbiamo condotto quattro studi di ricerca rigorosi. Questi studi sono stati successivamente diffusi in vari articoli su riviste peer-reviewed, capitoli di libri e presentazioni nazionali e internazionali, all'interno e tra diverse aree professionali.

Certo, questi non furono i primi studi condotti in carcere sull'efficacia dell'arte. Come accennato nel precedente articolo Art Behind Bars, "Uno studio ha rivelato che l'atto artistico può ridurre il numero di rapporti disciplinari scritti sui detenuti che hanno partecipato a un programma artistico (Brewster, 1983), e il Dipartimento di correzione della California ha rivelato che la recidiva diminuito per coloro che hanno partecipato al programma Arts In Corrections dello stato. "Tuttavia, questi studi sono piuttosto datati e nulla sui benefici della terapia artistica in carcere è mai stato realmente condotto ancora .

Pertanto, mi sposterò dalle narrazioni precedenti e trascorrerò i prossimi numerosi post che presentano questi studi.

Il pilota inizia il lungo viaggio

Pre-test PPAT drawing

Pre-test di disegno PPAT

Come ogni nuovo programma di ricerca, questo è iniziato con un semplice studio pilota, condotto nel 2003. Poiché era la prima incursione, è stato sviluppato come un progetto pre / post-test quasi sperimentale a singolo gruppo per affrontare la semplice ipotesi che i detenuti che ricevono servizi di terapia artistica dimostrerebbero un cambiamento marcato (Gussak, 2004).

Il ricercatore e alcuni stagisti di arteterapia hanno condotto sessioni di gruppo di arteterapia in un carcere maschile. Questo modesto studio pilota è stato condotto su 4 settimane, due sessioni a settimana, un'ora a sessione. C'erano 44 detenuti maschi che partecipavano, divisi in gruppi non più grandi di 8 membri.

I risultati sono stati calcolati usando semplici t- test con SPSS. I punteggi dei disegni FEATS (che sono stati esaminati in doppio cieco da tre terapeuti dell'arte non associati alle sessioni) e l'indagine su scala Likert completata dallo staff di salute mentale e correzionale hanno rivelato una significativa diminuzione della depressione e un aumento di energia, socializzazione e problem solving. Inoltre, è stato verificato attraverso le osservazioni del personale correzionale e confermato dai sondaggi che i detenuti che hanno partecipato al programma hanno seguito le indicazioni migliori e sono stati meno impulsivi.

Posttest PPAT drawing

Disegno PPAT post-test

Quindi, questi risultati hanno supportato l'ipotesi: che i detenuti che hanno partecipato a sessioni di arteterapia hanno dimostrato un cambiamento misurabile.

[Per esaminare l'intero studio, compresi i metodi, le direttive di arteterapia e i risultati statistici, si può trovare questo articolo, pubblicato su The Arts in Psychotherapy, qui. Una versione in word document è disponibile anche sul sito www.arttherapyinprison.com .]

Mentre un inizio modesto, il direttore e il direttore della salute mentale per il Dipartimento della correzione della Florida, ritenevano i risultati abbastanza impressionanti da sviluppare un programma più ampio, che consolidava la presenza degli internisti nel sistema carcerario.

Oh, anche, ho trovato questo approccio altrettanto sexy …

In arrivo …

Il prossimo post presenterà lo studio di follow-up, in cui sono stati presi provvedimenti per rendere la nostra ricerca in carcere molto più rigorosa e robusta, incluso l'aggiunta di un gruppo di controllo e un nuovo strumento di misurazione.

Pre/Post PPAT Drawing

Pre / Post PPAT Drawing

 

** Per essere onesti, Anonymous si è scusato per l'insulto dopo la mia risposta.

Riferimenti

Brewster, LG (1983). Una valutazione del programma arts-in-corrections del Department of Corrections della California. San Jose, CA: Università statale di San Jose

Gussak, D. (2004). Arteterapia con detenuti: uno studio pilota. The Arts In Psychotherapy, 31 (4), 245-259

Solutions Collecting From Web of "Guarigione del nostro tallone d'Achille: ricerca sulla terapia artistica in carcere"