Guardare i film per la prima volta: cosa ci vuole?

Il 28 dicembre 1895, 33 parigini pagarono un franco per vedere dieci brevi immagini in movimento, ciascuna raffigurante attività semplici, come una coppia che allatta i loro bambini o gli uomini che giocano a carte. Questa impresa apparentemente magica è stata resa possibile da Auguste e Louis Lumière, inventori di uno dei primi proiettori cinematografici.

Nonostante la novità di vedere queste immagini in movimento, inedite e in movimento, sono state facilmente interpretabili da questi spettatori della prima ora. Infatti, gli studi psicologici hanno confermato che le persone che non hanno mai visto un film in grado di interpretare azioni presentate in clip filmato a scatto singolo e persino clip con semplici modifiche (ad esempio, transizioni che mantengono l'impostazione spaziale). In questi giorni, tuttavia, un blockbuster hollywoodiano può contenere fino a duemila singoli scatti uniti per produrre ciò che si potrebbe immaginare sarebbe un'esperienza percettivamente stridente. Eppure quando guardiamo un film, queste migliaia di transizioni di colpo sono appena percettibili. La natura perfetta del montaggio cinematografico è attribuita al fatto che i film sono facili proxy per il modo in cui naturalmente vediamo il mondo che ci circonda o la visione dei nostri film dipende da una familiarità con il "linguaggio" del film?

In un interessante studio psicologico, Schwan & Indari (2010) è andato in un remoto villaggio in Turchia dove l'elettricità non era disponibile e ha mostrato filmati a persone che non avevano mai visto immagini in movimento. Sono stati mostrati quindici clip (su un laptop), che contenevano transizioni di editing comuni, anche se includevano discontinuità percettive, come ad esempio: 1) stabilire scatti in cui un tiro lungo (grandangolo) viene utilizzato per impostare l'impostazione spaziale prima di una chiusura -up shot, 2) punto di vista (POV) come un personaggio mostrato camminando verso casa sua con un taglio al punto di vista del personaggio una volta all'interno (ad esempio, una vista del corridoio), 3) taglio trasversale in cui si muovono scatti diversi tra due diversi eventi per mostrare che si verificano contemporaneamente, 4) ellissi, dove il tempo salta avanti tra due colpi, come ad esempio uno sparo di una persona in una cucina e poi in una sala da pranzo, e 5) colpo / rovesciati , che sono molto comuni durante le scene di dialogo quando i successivi colpi "sopra la spalla" si muovono con la conversazione di due personaggi. Tutte le clip presentavano eventi e azioni che sarebbero stati familiari agli abitanti del villaggio se fossero stati osservati nella vita reale. Dopo aver visto una clip, agli abitanti del villaggio è stato chiesto di dire cosa raffigurasse. Lo stesso compito è stato assegnato alle persone che vivono in un altro villaggio turco, ma queste persone hanno avuto frequenti esposizioni ai film.

I risultati sono stati sorprendenti in quanto individui senza esperienza cinematografica precedente hanno avuto un'estrema difficoltà nell'interpretazione di quasi tutte le clip. Quando gli è stato chiesto di descrivere le clip, questi ingenui spettatori non potevano collegare le azioni di uno sparo a quello successivo. Tutte queste transizioni sarebbero ovvie per noi e furono ben comprese dagli abitanti dei villaggi turchi che avevano una precedente familiarità con i film. È interessante notare che i tagli trasversali erano ben compresi anche dagli spettatori ingenui, anche se a prima vista sembrerebbe una transizione piuttosto difficile da seguire in quanto si presume che due eventi disparati si verifichino contemporaneamente. Questa modifica, tuttavia, era l'unica che non richiedeva la comprensione che si era verificato un lasso di tempo attraverso le modifiche. Quindi, si potrebbe prevedere che altre tecniche di modifica basate sul tempo, come dissolvenze o dissolvenze, che sono utilizzate per indicare che un tempo prolungato è passato, o suonare musica e immagini sfocate per indicare un flashback, sarebbero estremamente difficili da interpretare in quanto gli indicatori del tempo trascorso sembrano essere convenzioni particolarmente arbitrarie.

Attraverso innumerevoli visualizzazioni di film e programmi televisivi, siamo così abituati alle tecniche di editing cinematografico che a malapena le notiamo. Certo, a un certo momento tutti abbiamo dovuto sperimentare film per la prima volta. Forse, come con altre esperienze apprese, come la lettura, la guida e le abilità sportive, la nostra comprensione di come le storie vengono raccontate attraverso immagini in movimento è acquisita attraverso esposizioni multiple. Cioè, siamo diventati fluenti con la "grammatica" dell'editing cinematografico. Ciò che è difficile apprezzare ora, e ciò che mostrano lo studio di Schwan e Indira, è che la nostra esperienza cinematografica è in parte un fenomeno appreso strettamente legato alla nostra conoscenza di come i film vengono modificati, una conoscenza che è stata imparata piuttosto inconsciamente attraverso molte ore di guardare le immagini in movimento visualizzate su uno schermo.

Solutions Collecting From Web of "Guardare i film per la prima volta: cosa ci vuole?"