Guadagnare prospettiva dalla prospettiva di qualcun altro

Siamo, per la nostra stessa natura, egoisti. Questo perché il nostro principale punto di riferimento per il nostro modello del mondo è noi stessi. Se possiamo uscire dalla posizione del nostro ego – la nostra illusione narcisistica, la nostra "I-ness" – e riuscire a vedere le cose dal punto di vista delle persone con le quali interagiamo, questo modello del mondo e il nostro rapporto con esso , può cambiare abbastanza radicalmente.

Le relazioni sono transazionali, ma, poiché in genere non siamo di riflesso altruisticamente nella società – in altre parole, tendiamo a operare dal primariamente cablato "È tutto su di me!" – in genere tendiamo a vedere solo il nostro lato dell'equazione, e spesso a nostro rischio e pericolo

Un mio caro amico mi ha insegnato questa lezione in grande stile abbastanza recentemente. Mi ha chiesto di abbandonare il mio modello del mondo – un modello costruito in parte sulla vergogna, la segretezza e l'arroganza – e di dare un'occhiata a una situazione che avevo creato dal punto di vista dell'altra persona. Ciò che ho trovato quando ho fatto questo è stato che questi particolari aspetti del mio modello avevano modellato la situazione in modo tale che qualcosa che era, a prima vista, piuttosto benigno, in effetti, era distruttivo e dannoso. Un esempio rivelatore di come l'ego oscura la visione.

Prendendo il punto di vista di un'altra persona, ampliamo la nostra. Nel fare ciò, diventiamo consapevoli non solo delle nostre azioni, ma delle conseguenze di tali azioni. Comprendere sia l'azione che le conseguenze può condurci alla proprietà e rafforzare il nostro senso di responsabilità personale perché ci colloca in un luogo in cui nulla viene assunto e siamo obbligati a considerare tutti i lati di una situazione.

C'è un'etica negli insegnamenti di saggezza che suggerisce che quando guardi negli occhi di un'altra persona, stai guardando te stesso. Questo perché guardando gli occhi di un altro, stai guardando negli occhi di Dio e tu – noi tutti – siamo Dio. Se stai guardando te stesso, allora stai agendo verso te stesso, il che ci porta alla domanda "Come mi sentirei?"

Il livello di sensibilità e compassione che genera questa prospettiva è enorme. Ci spinge dall'ego-centricità all'etno-centricità – da "me" a "noi" – e che, nel migliore dei mondi possibili, può quindi portarci alla geocentricità, o "tutti noi". In definitiva, questo rivela la nostra umanità e il vero spirito di servizio con l'imperativo "le mie azioni sono qui per servirti" perché, alla fine, siamo qui solo per aiutare, non ostacolarci l'un l'altro.

© 2010 Michael J. Formica, Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Guadagnare prospettiva dalla prospettiva di qualcun altro"