Grit è la chiave del tuo successo? Dipende

Immagina per un momento due bambini, possiamo chiamarli Fred e Steve, che stanno imparando a suonare il piano. Fred e Steve sono giovani musicisti altrettanto talentuosi e quando si siedono per esercitarsi, danno la stessa intensa attenzione all'affinamento del loro mestiere. In effetti, l'unica differenza notevole tra i due ragazzi è che Fred è dedicato esclusivamente al pianoforte, mentre a Steve piace rimbalzare avanti e indietro tra piano, batteria e canto. Chi pensi che avrà più successo?

Se hai letto una qualsiasi delle recenti notizie sulla grinta, qui su Psychology Today o altrove, probabilmente metti i tuoi soldi su Fred. Immergendosi profondamente nella sua ricerca della padronanza del pianoforte, Fred concentrato è destinato a superare Steve sparpagliato, la cui attenzione divisa lo relega a essere per sempre il secondo migliore. Se quello fosse il tuo modo di pensare, saresti in buona compagnia, perché quella fu la stessa conclusione disegnata da Angela Duckworth, Christopher Peterson, Michael Matthews e Dennis Kelly quando offrirono questo esperimento mentale nel loro seminale articolo sulla grinta:

"Così, un prodigio che pratica intensamente ma passa dal piano al sassofono alla voce sarà probabilmente superato da un bambino ugualmente dotato ma grintoso."

Duckworth e i suoi colleghi avevano buone ragioni per scommettere su Fred concentrato. Attraverso una serie di studi, hanno dimostrato in modo convincente che la grinta, o la passione e la perseveranza nel perseguire obiettivi a lungo termine, è un migliore predittore di successo del solo talento. Era uno schema che si manteneva valido per gli studenti della Ivy League che cercavano voti migliori, battendo i concorrenti delle api che combattevano per vincere, e i cadetti di West Point che cercavano di sopravvivere alla prima estate di allenamento. È stata una visione così convincente che ci sono voluti solo pochi anni dalla prima pubblicazione per grinta di entrare nel lessico pubblico e nel nostro discorso nazionale sul futuro dell'educazione. In combinazione con la divulgazione di Malcolm Gladwell della presunta "regola da 10.000 ore" (in modi previsti e non), la grinta è diventata il segreto alla moda del successo.

Naturalmente, il nostro appetito per la grinta si è già rivolto alla domanda su come ottenerne di più, sia per noi stessi che per i nostri figli. Ma cosa succede se c'è di più nella storia di Fred e Steve? Cosa accadrebbe se entrambi i ragazzi si rivelassero di successo, ma in modi diversi? In altre parole, cosa succederebbe se Fred concentrato diventasse Frédéric Chopin, uno dei più grandi pianisti della storia, e Sperso Steve divenne Stevie Wonder, uno dei musicisti più famosi dell'ultimo mezzo secolo?

Sicuramente ci sono molte somiglianze tra Chopin e Wonder. Entrambi erano prodigi di immenso talento che dedicarono la loro vita alla musica. Entrambi potrebbero ottenere punteggi alti sulla scala della grinta. Tuttavia, questa sottile distinzione nell'elaborazione delle loro carriere evidenzia quanto sia difficile sapere che cosa significa successo per ogni singola persona, per non parlare di come possono perseguirlo al meglio.

Non è difficile immaginare un genitore o un insegnante che abbia letto di grinta confondendo la curiosità musicale di Wonder per la distrazione e la mancanza di autocontrollo. Se tu fossi i genitori di Stevie Wonder, come decideresti se lasciargli seguire la sua curiosità entro gli ampi confini della musica o spingerlo a scegliere un particolare strumento su cui concentrarsi? Cosa succede se gli interessi di tuo figlio sono più estesi anche della musica o di un singolo dominio? E quali sono i tuoi interessi professionali? Sono specifici e ben definiti, o in qualche modo concentrati con almeno un po 'di sfocatura?

A complicare ulteriormente le cose c'è ancora l'enfasi recentemente rinnovata su una definizione di successo che include non solo il raggiungimento dell'obiettivo, ma anche il benessere soggettivo. Concentrarci su una gamma relativamente ristretta di interessi ci renderà felici? Ognuno di noi potrebbe rispondere a questa domanda in modo diverso, e finora sono state fatte poche ricerche per aiutarci a comprendere quanto bene la grinta e la felicità possano coesistere. In uno studio sugli insegnanti, per esempio, Duckworth e i suoi colleghi hanno trovato una relazione positiva tra grinta e soddisfazione della vita, anche se piccola. La ricerca di Robert Vallerand, nel frattempo, suggerisce che potrebbe dipendere dal tipo di passione che hai per l'attività in questione.

Il "modello dualistico di passione" di Vallerand distingue tra passioni armoniose e ossessive. Nel primo caso, il nostro amore per un'attività rimane sotto il nostro controllo e si integra facilmente con il resto delle nostre vite. In quest'ultimo, l'attività diventa un interesse che consuma tutto ciò che interferisce con il perseguimento di altri obiettivi o interessi. Vallerand ha dimostrato attraverso un numero impressionante di studi che questi due tipi di passione non sono stati creati uguali.

Le persone con passioni armoniose, per esempio, riportano livelli di benessere più elevati rispetto a quelli senza, ma le persone con passioni ossessive no. In un contrasto più estremo, i ballerini con una passione ossessiva per il loro sport riportano una maggiore sofferenza da ferite croniche e sono più propensi a dire che l'orgoglio impedisce loro di prendersi cura quando sono feriti. Danzatori armoniosamente appassionati, d'altra parte, soffrono meno di ferite acute e fanno di più per evitare di farsi male in primo luogo.

Se la passione è uno degli ingredienti attivi della grinta, quindi, è importante notare che non sarà una passione qualsiasi. Combinare un focus ossessivo con una riluttanza a rinunciare potrebbe essere la ricetta perfetta per quello che alcuni studiosi chiamano un'escalation di impegno per una linea d'azione fallimentare.

Cosa dobbiamo fare di tutto questo, quindi, se siamo alla ricerca del successo per noi stessi o per i nostri figli? Le prime ricerche sulla grinta sono indiscutibilmente convincenti: in alcuni ambienti piuttosto competitivi, grinta fa un ottimo lavoro nel trovare l'oggettivamente eccellente tra il "meramente" sopra la media. Se hai una passione chiaramente identificata che si adatta già bene al resto della tua vita, sembra che la grinta possa funzionare a tuo favore.

Per il resto di noi, però, la risposta è meno chiara. Potremmo prima aver bisogno di dedicare del tempo a capire la nostra definizione di successo. Si tratta di essere il meglio del meglio, o ci accontentiamo di essere bravi se non grandi in quello che facciamo se ciò significa che abbiamo tempo ed energia da investire in altri obiettivi? Se troviamo una passione, come la teniamo sotto controllo? Possiamo essere perseveranti ma non appassionati, o viceversa? Forse un po 'per ironia della sorte, queste sono domande che possono richiedere molto tempo e sforzi concentrati per noi per rispondere. Forse abbiamo bisogno di grinta, dopo tutto.

Solutions Collecting From Web of "Grit è la chiave del tuo successo? Dipende"