Grazie, signora Price

Ricordo le sue parole, quasi come se fossero state pronunciate ieri.

La signora Mabel Price, la nostra consulente di scuola superiore nella piccola città di Westminster, nel Maryland occidentale, disse: "Appartieni al college, e farò tutto il possibile per farti arrivare lì".

Per me, il college era qualcosa fuori questione, qualcosa su un pianeta lontano, qualcosa che solo le persone privilegiate facevano. Dissi: "Non posso andare al college. Non ho i soldi. Non c'è modo che potrei permettermelo. Ho intenzione di arruolarsi in Marina. "

Anche se mi stavo diplomando al vertice della mia classe in quella piccola città, e mi piaceva l'esperienza dell'apprendimento e del pensiero, ero condizionato da una lunga tradizione di esperienza nella mia famiglia. Eravamo persone di mezzi decisamente limitati, e tre dei miei quattro fratelli maggiori erano andati a far parte dell'esercito: due nell'Air Force e uno nell'esercito.

Per i miei fratelli e molti altri come loro nell'America rurale, unire i militari era l'unico modo per uscire dalla fattoria e uscire dalla vita di mediocrità della piccola città. Hai un lavoro stabile con una paga decente; potresti andare in paesi lontani; hai sperimentato cose che i tuoi amici non avrebbero mai fatto; e ogni volta che sei tornato a Nowhereville, la gente ti trattava come una celebrità. Eri un uomo di mondo; tu sapevi un sacco di cose che gli yokel locali non sapevano; e le ragazze hanno mostrato più interesse di quando erano a scuola.

La signora Price non l'avrebbe "Una carriera militare è uno stile di vita perfettamente rispettabile", ha detto (sto parafrasando dalla memoria dopo più di 50 anni), "ma tu hai un dono che può fare la differenza nel mondo. Voglio che continui la tua educazione. "

All'inizio, a malincuore, l'ho accompagnata, anche se non riuscivo a immaginare questa grande avventura che si apriva. Fu solo dopo l'inizio dell'anno in cui dovevo laurearmi – il 1959, per la precisione – e mentre i miei amici e compagni di classe riempivano febbrilmente le loro domande per gli otto o dieci college che speravano di qualificare, non avevo t applicato a qualsiasi.

La signora Price disse: "Penso di poterti portare alla Johns Hopkins University". JHU era una scuola piccola, selettiva e molto rispettata nella vicina Baltimora. "Il professor Robert Pond, che vive qui in città, si è offerto di portare te e un altro studente al campus per una visita. Puoi dare un'occhiata al campus, parlare con le persone che ammettono e vedere cosa succede. Voglio che tu vada. "

Ricordo ancora quel giorno. La mia compagna di classe – che era già pazza di entrare a Hopkins – e io sono andato al campus con il dottor Pond. Ci ha trattati a pranzo al club della facoltà. In qualche modo ricordo la deliziosa zuppa di pollo e riso, ma non molto per il resto del pasto. Per un ragazzo di Hicksville, questa è stata una grande esperienza.

Sono tornato a casa con un pacchetto di moduli di ammissione. La signora Price sedeva con me mentre li riempivo e li spediva per posta. Con mio grande stupore, mi accettarono. Quando guardo indietro, rabbrividisco per l'atteggiamento sprezzante che ho preso – ho fatto domanda per una singola università, e quella ha deciso di scommettere su di me.

Ero lusingato e incuriosito, ma non ancora ottimista. "Ancora non ho i soldi", protestai. "Che cosa fa per essere accettato da JHU se non posso pagare le tasse scolastiche e tutti gli altri costi? La mia famiglia non può contribuire con un centesimo: semplicemente non ce l'hanno. "

"Ci sto lavorando," disse lei.

E, lavorarci sopra, l'ha fatto. Ha fatto domanda al capitolo Lion's Club locale per una borsa di studio da $ 500 a mio nome. Quando è stato annunciato, durante la nostra assemblea di laurea, che mi era stata assegnata la borsa di studio, ero sbalordito.

Ma ancora – anche se $ 500 erano un sacco di soldi in quel momento, non era neanche lontanamente abbastanza per finanziare un'istruzione universitaria.

Poi, il dipartimento di ammissione di Hopkins mi informò che mi stavano assegnando una borsa di studio che copriva quasi la retta del mio primo anno (la mano della signora Price, forse?). Ora, cominciava a sembrare che fosse fattibile – avrei dovuto lavorare part-time (ne avevo due in quel momento), ma avevo perso alcuni pasti ai miei tempi e non ero necessariamente intimorito dall'esperienza studentesca affamata.

Poi è arrivato il punto clinico: come parte del processo di iscrizione, avevo richiesto una sovvenzione nell'ambito del programma di prestito per studenti della difesa nazionale del presidente Eisenhower, che forniva fondi per gli studenti che si stavano specializzando in campi legati alla difesa, cioè STEM. La Guerra Fredda si stava intensificando in quel momento, e Ike voleva scienziati e ingegneri. Il programma offriva un tasso di interesse molto basso e un periodo di ammortamento decennale a semplice interesse. Mi hanno dato il prestito.

All'improvviso, sono andato al college.

Non passò molto tempo prima che la saggezza della guida di Mrs. Price fosse davvero intrisa del mio intelletto in via di sviluppo. Stavo camminando dal parcheggio del campus al mio primo giorno di lezione, parlando con il mio amico e compagno di classe, e siamo passati da un gruppo di uomini che stavano scavando un profondo fossato. All'improvviso, ho capito perché ero al college. Aveva ragione – mi era stato dato un regalo che poteva portarmi in posti meravigliosi. Ho deciso allora e là che preferivo vivere con il cervello piuttosto che con la schiena, e per quanto dignitoso e onorevole fosse il loro lavoro – altrettanto dignitoso e onorevole del mio – mi era stata data un'opzione che non avevano: un formazione scolastica.

Uno dei giorni più memorabili della mia vita è stato quando ho scritto quell'ultimo assegno per pagare il prestito studentesco federale. Ho ancora il controllo annullato.

Suppongo che un ricordo di 50 anni non possa essere considerato attendibile, ma negli anni successivi ho iniziato a chiedermi quanto bene – se non del tutto – avessi espresso la mia gratitudine alla signora Price. Non solo ha creduto in me; incoraggiami; e aiutami – lei mi incita davvero a prendere una delle decisioni più importanti e gratificanti della mia vita. Mi piacerebbe credere di aver detto "grazie" abbastanza spesso e sinceramente, ma ho sempre pensato che avrei potuto fare meglio.

Alcuni anni fa, riflettendo sull'esperienza per l'ennesima volta, mi venne in mente: "Forse potrei trovare la signora Price. Forse vive ancora a Westminster, o forse qualcuno saprà dove è andata. Potrei tornare là e farle visita, forse portare lei e suo marito a pranzo oa cena, portarle un regalo e farle sapere davvero quanto apprezzo ciò che ha fatto per me. "

Così, ho iniziato a cercare online indizi su dove potesse essere. Ho presto scoperto il suo necrologio, pubblicato sul Baltimore Sun e datato 8 ottobre 2001.

Suppongo che la lezione per me in questa storia – o una delle lezioni – sia questa: se ami qualcuno; se li apprezzi; se sei grato a loro – diglielo ora . Un giorno sarà troppo tardi.

Bene . . . Comunque . . . Signora Price, ovunque tu sia – Grazie.

Il tuo grato studente,

Karl Albrecht, Ph.D.

L'autore:

Il Dr. Karl Albrecht è un consulente di direzione esecutivo, coach, futurista, docente e autore di oltre 20 libri sui risultati professionali, le prestazioni organizzative e la strategia aziendale. È elencato tra i 100 migliori leader di pensiero nel mondo degli affari sul tema della leadership.

È un esperto riconosciuto di stili cognitivi e lo sviluppo di capacità di pensiero avanzato. I suoi libri Social Intelligence: La nuova scienza del successo , Intelligenza pratica: L'arte e la scienza del senso comune , e il suo Mindex Thinking Style Profile sono utilizzati nel mondo degli affari e della formazione.

La società Mensa gli ha presentato il premio alla carriera, per i contributi significativi di un membro alla comprensione dell'intelligence.

Originariamente un fisico, e dopo aver prestato servizio come ufficiale dell'intelligence militare e dirigente d'azienda, ora consulta, tiene conferenze e scrive su qualunque cosa pensi possa essere divertente.

http://www.KarlAlbrecht.com

Solutions Collecting From Web of "Grazie, signora Price"