Grazie, Eric Lindros!

Caro signor Lindros,

Grazie per avermi chiamato Scott. Non mi conosci, naturalmente … e, in realtà, nemmeno tu conosci Scott. Ma è direttamente grazie a te che Scott è venuto per incontrarmi sulle conseguenze della sua recente commozione cerebrale.

"Scott" non è il suo vero nome. Ho cambiato il suo nome e alcuni fatti su di lui, anche se non ne ho proprio bisogno: la commozione cerebrale negli sport di contatto è così onnipresente che potrebbe benissimo essere un vicino della porta accanto o il ragazzo in fondo alla strada. Atleti e fan amano le statistiche. Bene, le statistiche mostrano ripetutamente un tasso di commozione cerebrale nel 6-10% dei giocatori per stagione, a seconda dello sport e del livello di gioco.

E Scott non è un caso unico come l'atleta dell'hockey: un adolescente in ritardo, il suo intero mondo, praticamente da quando poteva stare in piedi, ha girato intorno a allacciare quei pattini e uscire sul ghiaccio. Praticare, giocare, uscire con i suoi compagni di squadra, è una routine che ama. Ha anche dei piani: giocare nella National Hockey League è, dice, la sua prima priorità.

Ma ora tutto è cambiato. Scott dice che ha avuto una "tonnellata di commozioni" nel corso degli anni, come molti dei suoi compagni di squadra. Un "ding" qui, una breve perdita di coscienza lì. Si è sempre tirato su, spinto verso l'alto, è stato un membro forte della squadra in grado di gestire qualsiasi cosa.

Alcuni mesi fa, durante una partita, "si è fatto male", come lo descrive. Qualche giorno libero, un po 'stordito, ma ancora – erano i playoff e la sua squadra aveva bisogno di lui. Un altro successo. Non era male, così ha finito il gioco, festeggiato con i suoi compagni di squadra, sfogato per giorni dopo. E poi venne la consapevolezza che non sarebbe tornato indietro questa volta. Ha attraversato una serie di appuntamenti medici e sondaggi e proddings. Ha sintomi classici e persistenti di commozione cerebrale: mal di testa quotidiano, disagio con luce intensa, vertigini, problemi di concentrazione e disperazione. Sta solo uscendo, ogni giorno come l'ultimo e il prossimo. Si sta prendendo a calci per tutti i modi in cui ha ignorato i sintomi e i consigli passati. Non è in grado di svolgere attività su base sostenuta. Ed è spaventato che non riuscirà mai a vivere il suo sogno.

Ed è qui che sei entrato, signor Lindros. Quasi la prima cosa che Scott mi ha detto riguarda un articolo che ha letto sulla rivista MacLean (l'equivalente canadese di Time o Newsweek). "Stavo leggendo un articolo su Eric Lindros e altre persone che stavano attraversando una commozione cerebrale", ha detto. "Molti di loro hanno detto che questo genere di cose aiuta".

Ho notato una tendenza negli ultimi anni: quando un genitore mi contatta per una domanda sull'assistenza per il figlio, una delle mie prime domande è sempre: "Sento che vedi il valore della psicologia dello sport. Ma tua figlia / figlio è interessato a lavorare con uno psicologo dello sport? "Sempre più spesso la risposta è diventata una variante di" Sì! Mi ha chiesto di trovare uno psicologo sportivo con cui lavorare! "

Questo è fantastico dal mio punto di vista, meglio di quanto i materiali di educazione pubblica di qualsiasi organizzazione possano mai essere, più forti di ogni singolo marketing. Quando arriverà quell'atleta, saprò che è motivato; Mi sentirò sicuro che sta anticipando che il lavoro che svolgiamo sarà utile per lei. Tutto quello che devo fare è consegnare – non ho bisogno di convincerlo per primo.

Qual è la ragione di questo cambiamento? Gli atleti sono stati sempre più pubblici sul loro lavoro con gli psicologi dello sport. Abbastanza coerentemente, dicono che gli psicologi dello sport sono stati utili per il loro sviluppo atletico, sia che si tratti di aumentare la fiducia, imparare la concentrazione concentrata, gestire i nervosismi pre-partita o migliorare la coesione della squadra. Gli atleti in un modo o nell'altro hanno trasmesso quel messaggio e quella modellazione dei ruoli, ed è stato un vantaggio per il lavoro che facciamo.

Tu, signor Lindros, hai fatto un passo in più: hai parlato del lato oscuro, della depressione e dell'ansia che può essere una parte molto reale del recupero da concussione. Hai parlato dei modi in cui avere qualcuno informato, solidale e obiettivo, al di fuori degli amici ben intenzionati e della famiglia eccessivamente sollecita, può essere un'ancora di salvezza e un elemento significativo nel recupero.

E persone come Scott, persone che soffrono di dolore e isolamento emotivo, stanno cercando di ottenere aiuto che altrimenti non sarebbe mai accaduto loro.

Scott è piuttosto depresso. Insieme a dargli supporto, abbiamo parlato di un certo numero di cose che può fare per migliorare il suo umore e sentire che è attivo nella propria guarigione. Imparerà come contenere i suoi pensieri "what if" e "se solo". Comincerà a fare attività fisica leggera per riconnettersi con la sua identità di atleta e migliorare il suo stato d'animo. Ha bisogno di diventare uno "studente di Scott": ora è curioso di vedere se riesce a trovare i modelli sottili che lo aiuteranno ad accelerare la sua guarigione. A tal fine, ha iniziato a tenere un diario. E sta per fare brainstorming con la sua famiglia alcuni progetti che potrà completare nei prossimi mesi, sia per dare struttura ai suoi giorni sia per provare un senso di realizzazione.

Questi sono i primi passi. Quanto ci vorrà prima che esca dal suo funk? Quando sarà in grado di tornare sul ghiaccio? Che io non sappia, immagino sia questo che mi rende uno psicologo e non un sensitivo!

Ma sono sicuro che, insieme, Scott ed io possiamo capire in che modo sarà in grado di cambiare il suo stato d'animo e capire di più su se stesso, qualunque sia il risultato. Alla fine del nostro primo incontro, Scott ha commentato: "Mi sento meglio".

Grazie a te, signor Lindros.

Cordiali saluti,
Dr. Kate Hays

Puoi raggiungermi direttamente @ http://www.theperformingedge.com

Solutions Collecting From Web of "Grazie, Eric Lindros!"