Gravidanza Cervello: La Guida della Mamma incinta, Parte 2

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Il mio amico smemorato – soggetto del mio articolo originale – ha dato alla luce una bambina nel Giorno del Ringraziamento. È una bellezza, e so che la mamma è d'accordo sul fatto che la malattia mattutina, l'olfatto pazzo e l'oblio valessero la pena alla fine.

Nel frattempo, mentre sta sperimentando una serie completamente nuova di processi biochimici che si verificano quando una donna diventa madre, ri-esploriamo anche altri cambiamenti folli che influenzano – o hanno origine – il cervello durante la gravidanza. Cosa causa goffaggine, voglie di cibo e malumore?

Inciampare su tutto

Aneddoticamente, molte donne riferiranno che uno dei primi segni di gravidanza fu che si sentivano più goffi, continuando a perdere le chiavi, versando il latte in cucina o inciampando nei loro stessi piedi. Infatti, uno studio ha riportato che il 27% delle donne cadeva almeno una volta durante la gravidanza, che è simile alla prevalenza delle cadute in quelli di età superiore ai 65 anni.

Michael Bentley (Flickr)
Fonte: Michael Bentley (Flickr)

Lungo la linea, la goffaggine ha un senso. Durante gli ultimi mesi di gravidanza, mentre il pancione cresce rapidamente, il centro di gravità della donna incinta si sposta gradualmente verso l'alto. Gli input neurali relativi alla postura – incluse le informazioni visive, vestibolari (equilibrio e orientamento) e somatosensoriali (tattili) – cambiano rapidamente durante la gravidanza, poi di nuovo dopo il parto, quando il centro di gravità ritorna. La regione del cervello che integra questa informazione, il lobo parietale, deve adattarsi di conseguenza, interpretando correttamente il nuovo input in continua evoluzione prima di inviare i giusti segnali per l'equilibrio e la coordinazione.

Ma cosa spiega la spontaneità all'inizio della gravidanza? È interessante notare che durante le prime settimane, i livelli di un ormone chiamato relaxina aumentano rapidamente. Come suggerisce il nome, rilassare rilassa le articolazioni, i legamenti e i muscoli del corpo, che è particolarmente utile per aiutare ad allungare la regione pelvica durante il parto.

Sebbene non esista letteratura scientifica sul modo in cui si riferisce alla goffaggine, si ritiene che il rilassamento dei muscoli del polso, delle mani e delle dita contribuisca ad una presa più sciolta, il che potrebbe spiegare perché le donne incinte si ritrovano a perdere oggetti più spesso. In alcune donne, l'aumento della ritenzione di liquidi causa la sindrome del tunnel carpale nel polso, peggiorando questi sintomi. È interessante notare che il rilassamento più elevato spiega anche perché molte donne in gravidanza soffrono di bruciore di stomaco – i muscoli dell'esofago non sono flessi, consentendo all'acido gastrico di risalire verso l'alto.

Dammi tutti i sottaceti e il burro di arachidi che hai

In generale, i nostri corpi "bramano" i cibi di cui abbiamo bisogno. Il desiderio di cibi salati, ad esempio, può essere un segno di disidratazione o squilibrio elettrolitico. D'altra parte, potremmo sentirci respinti da cibi che non sono buoni per noi. Come ho accennato nella prima parte, molte donne sono escluse dal mangiare carne, pesce e alcune piante durante la gravidanza, cibi più inclini a microrganismi o sapore amaro.

Le "voglie della gravidanza" sono forse l'effetto collaterale più comune e scherzoso della gravidanza, stimato in circa il 60% delle donne. Sottaceti e sarde; uova strapazzate e cioccolato; gelato al pistacchio e burro di arachidi. Ormoni pazzi, giusto?

spanginator (Flickr)
Fonte: spanginator (Flickr)

Forse sorprendentemente, però, i desideri di gravidanza non sono stati ampiamente studiati, né sono ben compresi. In generale, le donne hanno maggiori probabilità di riferire – e di essere più esplicite – le voglie alimentari rispetto agli uomini. Le donne riportano anche il desiderio di determinati alimenti durante il ciclo mestruale. In molti modi, il desiderio di cibo è culturalmente rafforzato; un biscotto gigante al cioccolato probabilmente non colma molte lacune nutrizionali per una donna durante il suo ciclo, ma è sicuramente divertente da mangiare quando ti senti particolarmente crumoso.

Uno studio dei ricercatori dell'Università del Connecticut ha riferito che le preferenze alimentari variano durante la gravidanza. Mentre i cibi amari avevano un sapore particolarmente potente e avversivo durante il primo trimestre, la preferenza per i cibi salati e aspri aumentava con l'avvicinarsi delle donne al secondo e terzo trimestre. Non è del tutto chiaro perché queste preferenze cambino durante la gravidanza; si pensa che il desiderio di cibi salati, come le patatine fritte, possa indicare che è necessario più sodio per compensare il maggior volume di sangue circolante, per esempio.

Voglia di sostanze non alimentari come argilla, carta, cartongesso o amido di bucato può essere un segno di una carenza nutrizionale più grave (spesso di ferro) e dovrebbe essere portato all'attenzione di un medico.

Altalena, umore dolce (terribile)

Se togli solo una pepita di informazioni dopo aver letto questo pezzo e la prima parte, dovrebbe essere questo: la gravidanza è uno dei momenti più dinamici e turbolenti della vita di una donna. E con così tanti cambiamenti che avvengono così rapidamente, a volte è difficile immaginare che siano tutti innescati da fluttuazioni in pochi ormoni chiave.

Durante le prime settimane di gravidanza, i livelli di estrogeni e progesterone aumentano rapidamente. Mentre tipicamente secreto dalle ovaie, questi due ormoni vengono prodotti anche nella placenta durante la gravidanza. Entro la sesta settimana di gravidanza, i livelli di estrogeni sono circa tre volte i livelli massimi in un tipico ciclo mestruale.

Ally Aubry (Flickr)
Fonte: Ally Aubry (Flickr)

Estrogeni e progesterone sono noti da tempo per esercitare potenti effetti sul funzionamento del cervello e possono persino spiegare le differenze di sesso nella presentazione di disturbi psichiatrici come la schizofrenia e la depressione. L'estrogeno, per esempio, è stato collegato ad aumenti dei recettori della dopamina e della serotonina in regioni del cervello importanti per la regolazione delle emozioni, del comportamento e dell'umore. Molte donne che hanno sperimentato diverse opzioni di controllo delle nascite ormonali, ad esempio, subiscono cambiamenti di umore attribuibili all'ottenimento di concentrazioni diverse di ciascun ormone. In gravidanza, molte donne riferiscono di sentirsi meno irritabili o irritabili dal secondo trimestre, una volta che i meccanismi di autoregolazione del cervello possono meglio adattarsi a queste fluttuazioni ormonali. Ma, come la maggior parte delle cose, varia da donna a donna.

A parte i cambiamenti ormonali, molto di più sta accadendo durante la gravidanza. Stressori fisici, dolore, affaticamento e cambiamenti nel metabolismo contribuiscono a sentimenti aspri, come quelli di noi che non sono in gravidanza possono riguardare comunque. Con la gravidanza, l'ansia per quanto riguarda la salute della madre o del bambino, la paura del lavoro, l'anticipazione della responsabilità di crescere un bambino, o anche le preoccupazioni finanziarie possono essere schiaccianti. La ricerca ha dimostrato che un forte sistema di supporto – partner, amici e parenti – migliora la salute fisica e mentale della futura gestante ed è associato a un minor numero di complicanze parto e ad una minore depressione postpartum.

I bambini fanno sicuramente conoscere la loro presenza molto prima delle notti insonni e dei pannolini puzzolenti, no?

C'è ancora molto che non capiamo cosa succede al corpo di una donna (e al cervello) durante la gravidanza. Indipendentemente da ciò, è difficile non meravigliarsi di come tutti questi cambiamenti si uniscano per rendere un essere umano sano in soli nove mesi pazzi.

Se vi siete persi Gravidanza del cervello: Parte 1 – che ha coperto la nausea mattutina, l'olfatto e l'oblio – potete verificarlo qui.

Non riesci a prendere abbastanza Brain Babble? Seguimi su Facebook, Twitter o controlla il mio sito web.

Solutions Collecting From Web of "Gravidanza Cervello: La Guida della Mamma incinta, Parte 2"