Gratitudine: ciò che ho imparato da Anne Frank e My Grandma

Il mio cuore è pesante. Eppure, ho una sensazione schiacciante di gratitudine. Mia moglie ed io abbiamo portato i nostri tre bambini al Museo della Tolleranza a Los Angeles per vedere la mostra di Anne Frank oggi. Perché? Poiché la mia figlia maggiore sta studiando Anne Frank a scuola, siamo ebrei e i nostri due bambini più piccoli ci chiedono che cosa fosse l'Olocausto. Era tempo.

Solo circa 80 anni fa, gli ebrei iniziarono ad essere emarginati e discriminati in Germania, poi prelevati dalle loro case, separati dalla loro famiglia e per la maggior parte uccisi. Mentre studiavo l'Olocausto e Anne Frank nella scuola media come mia figlia, la mia esperienza della sua storia e le storie degli altri che hanno sofferto, perso e sopravvissuto hanno avuto un impatto molto più forte di un adulto con tre figli.

Anne e la sua famiglia visse in clandestinità per due anni e, sebbene spaventata, la maggior parte dei pensieri e delle parole di Anna erano pieni di fede nelle persone e nell'umanità. Scrisse della bellezza della vita e si meravigliò per il mondo e per coloro che lo abitavano. Mentre ascoltavo le sue parole pronunciate dal suo diario, provavo un senso di timore e rispetto per un bambino saggio, coraggioso e coraggioso che ha insegnato tanto al mondo. Ho provato contemporaneamente un senso di gratitudine per ciò che ho nella mia vita: una moglie, tre figli sani, una famiglia, una casa e un paese in cui sono libero, indipendentemente dal mio background o dalle mie convinzioni. Ho anche provato un po 'di vergogna-vergogna di non pensare abbastanza a coloro che hanno sofferto, soffrono in tutto il mondo, e che non mi sento grato ogni momento di ogni giorno per quello che ho.

Questo mi porta al motivo per cui siamo volati a Los Angeles. Siamo venuti per festeggiare il 103 ° compleanno di mia nonna. Proprio come abbiamo gli ultimi sei anni circa, le mie zie, zii e cugini si riuniscono per la celebrazione della donna più straordinaria che nessuno di noi abbia mai conosciuto nel suo ristorante cinese preferito. Mia nonna, nata nel 1911, in Lettonia ha difficoltà a ricordare cosa ha fatto per colazione. Tuttavia, ricorda ancora i proiettili che volano sopra la testa quando lascia il suo villaggio all'età di quattro anni, e la fortuna di essere accolta con sua madre in un granaio da un contadino gentile quando era malata. Si ricorda di immigrare a Ellis Island, trasferirsi in Ohio, Los Angeles, Ohio, e (dopo l'attacco a Pearl Harbor) di nuovo a Los Angeles con i suoi quattro figli. Ricorda anche di stare in fila con me per due ore a Century City per guardare Star Wars – e anche io.

Soprattutto, ricorda mia nonna, è quanto sia grata di avere una famiglia da amare. Indipendentemente dalle palle della sua vita e dalla sua famiglia allargata, sorrise, scrollò le spalle e visse con il motto di "ciò che sarà sarà". Quando ti vede, ti guarda con i suoi occhi scintillanti, ti abbraccia, ti bacia e ti parla come se ti amasse più di chiunque altro al mondo. Eppure, lei ama tutti e 10 i suoi nipoti e tutti e 15 i suoi pronipoti lo stesso. Ogni anno festeggiamo un altro anno della sua vita, e lei dice che spera di festeggiare con noi tutto il prossimo anno.

Mentre le stavo salutando ieri sera, mi sentivo diverso. C'era uno sguardo diverso nei suoi occhi. Mi ha ricordato quanto ha amato me e la mia famiglia e mi ha detto di non dimenticarlo mai. Ho fatto del mio meglio per prendere tutto, non sapendo se guarderò i suoi occhi amorevoli e sentirò di nuovo la sua presenza amorevole. Le ho detto, come faccio sempre, che lei è sempre con me. Sono grato di aver avuto quel momento.

L'amore di Anna Frank per la vita, la sofferenza e la fine prematura, e la vita pienamente vissuta di mia nonna, mi lasciano l'impegno di vivere la vita con gratitudine. Mentre cerco di vivere nel momento e apprezzo ciò che ho, troppo spesso lo stress del lavoro e della vita mi gratifica. Dobbiamo concentrarci su ciò che abbiamo invece di ciò che non facciamo. Dobbiamo essere grati per la nostra libertà, la nostra famiglia, il nostro lavoro, il nostro rifugio e il nostro cibo. Sono grato di poter pensare e scrivere dove voglio, piuttosto che in una stanza buia che teme per la mia vita. Sono grato che mia nonna abbia influenzato la mia vita per 43 anni con amore e accettazione.

Mentre i nostri bambini litigavano sul sedile posteriore lungo la strada per l'aeroporto, presi la mano di mia moglie e le dissi che eravamo fortunati ad averli e tutti insieme, poi disse loro che avremmo portato via l'iPad se non lo avessero fatto smettila di litigare per questo

  • Come sfuggire al dramma nelle nostre teste
  • Tradimento - Ora cosa?
  • Butterfly Punch: fa vergognare i tuoi avversari a indossare guanti per bambini prima di buttarli fuori.
  • Un'indulgenza sessuale?
  • La mia terapeuta madre mi tratta come un paziente
  • Lavorare con coppie rageful: un approccio "Free-Range"
  • Fare aiuto utile
  • Infertilità: dolore, colpa e vergogna
  • Confrontando realtà complesse multirazziali
  • Il dono che continua a dare: affrontare la colpa dei genitori
  • Resa appassionata
  • Guarda più vicino: come l'idealizzazione delle vite degli altri ti isola
  • La bandiera confederata, i cannoni e la dissonanza cognitiva
  • Alcolisti delle donne: maestri dell'inganno
  • Raggiungere la compassione
  • Grid Irony? Taunting Initiatives e NFL
  • Come la vergogna soffoca l'amore e la creatività
  • Problemi di rabbia: una cortina di fumo per la fobia paura della paura
  • Il valore della relazione terapeutica - Prima parte
  • Mi vergogno
  • Nella mediazione, l'empatia è sufficiente o addirittura necessaria?
  • Finire l'impatto pernicioso di abuso sessuale infantile
  • L'amore è desiderio, non bisogno emozionale
  • Uso degli animali da vendere: uso responsabile degli animali negli annunci
  • Sentenza di matrimonio gay: forse possiamo tutti respirare più facilmente
  • Come de-escalare una lotta con un narcisista
  • Aspettando un giorno di sole
  • Cinquanta sfumature di grigio recensione
  • Cibo, acqua, riparo
  • Come far fronte al trauma delle molestie online
  • Parenting With Chronic Illness
  • Madre Teresa: nell'ombra di un santo
  • La migliore risposta al narcisismo negli studenti
  • Breaking Bad and Morality
  • Capitolo 4: Sex & Masturbation
  • The Asian Christian Sex Addict