Gloria femminismo

Un recente numero di Newsweek ha celebrato la Giornata internazionale della donna con i ritratti di "150 donne che scuotono il mondo". (Anche se "salva" potrebbe essere una parola migliore di "scuotere" – perché queste sono donne ispiratrici che fanno tanto bene a tutti noi .) Molte di queste donne sono nomi familiari e Hillary Clinton è presente in copertina, ma molti non lo sono, e la copertura è globale, evidenziando questioni che vanno dai diritti delle donne e alla violenza contro le donne all'attivismo pacifista, all'ecologia, alla politica e all'economia.

Questo è ciò che ho descritto altrove come femminismo della gloria e ne abbiamo bisogno di più. Dobbiamo riconoscere e celebrare le conquiste delle donne (e degli uomini) e la simbiosi tra loro, piuttosto che continuare a insistere sulla vittimizzazione nel femminismo vittimico e nei suoi corollari; uomini demonizzanti come oppressivi delle donne, e la risposta istintiva (ma necessaria) del mascolinismo della vittima. Non che dovremmo distogliere gli occhi dalle avversità, compreso quello che l'economista ha chiamato gendercide in India a causa della selezione del sesso (9 aprile 2011), e gli organi di 10 giovani donne trovate a Jones Beach, New York, presumibili vittime di un serial killer. Ma possiamo rallegrarci anche noi: il genere non riguarda solo vittime e demoni. Certamente donne e uomini sono vittime di molte avversità in questa vita, non sempre ugualmente; ed entrambi possono essere cattivi nei loro modi non particolarmente amabili. Possono anche essere eroi o eroine se preferisci il linguaggio specifico di genere. E queste 150 donne esemplificano l'eroismo al suo meglio. Indicano anche la velocità, la profondità e l'accelerazione dei cambiamenti nelle relazioni di genere negli ultimi 100 anni, in particolare nel cosiddetto Occidente.

L'espansione dei diritti per le donne: voto, istruzione, finanza, proprietà, occupazione e lavoro, coniugali, riproduttivi e così via è eguagliata dai risultati. Le donne ora costituiscono il 18% delle posizioni senior nelle 468 maggiori società canadesi (non parità, vero, ma in aumento ogni anno), il 60% di coloro che si diplomano con laurea e master (vale a dire il 50% in più degli uomini) negli Stati Uniti e in Canada e più dottori degli uomini negli Stati Uniti quest'anno per la prima volta. La politica è stata trasformata non solo dalla legislazione protettiva e promotrice (ad esempio le quote per le donne nelle assemblee legislative e corporative) ma soprattutto dai risultati delle donne nell'essere primi ministri, presidenti o cancellieri di così tanti paesi subito dopo il suffragio universale: prima lo Sri Lanka, ma anche il Regno Unito, l'Australia, il Brasile, il Canada, la Germania, l'India, l'Irlanda, la Liberia, il Pakistan, Trinidad e Tobago e molti altri, in modo che solo gli Stati Uniti, il Giappone e l'Italia del G7 non abbiano eletto le donne nell'ufficio più alto. In effetti, l'ultima notizia è che la first lady del Guatemala sta finendo il suo matrimonio di otto anni con il Presidente, che non può più candidarsi di nuovo, in modo che possa (1); ma immagino che lei possa sposarlo di nuovo dopo che il divorzio sarà finito, se lo vorrebbe.

Queste conquiste educative e politiche hanno rafforzato (e hanno riflesso) i processi di cambiamento nella distribuzione del lavoro e quindi nel reddito. Le donne sono diventate dottori e avvocati, camionisti e conducenti di taxi, ufficiali di polizia e ufficiali dell'esercito, a volte pompieri e persino preti; e i vincitori del premio Nobel per la pace. Allo stesso tempo, le occupazioni maschili si sono spostate con il declino dei settori primario e secondario (manifatturiero) dell'economia, a causa dell'esternalizzazione, del ridimensionamento, della robotizzazione, ecc., E dell'aumento del settore dei servizi e dell'economia della conoscenza, entrambi favorevoli donne. Il mondo del lavoro è cambiato totalmente dai tempi di Tennyson: "Uomo per il campo e donna per il focolare. L'uomo per la spada e per l'ago lei. L'uomo con la testa e la donna con il cuore. L'uomo al comando e la donna a obbedire. Tutto il resto confusione. "

Il risultato è stato una significativa equalizzazione dei salari. I problemi forse persistono. Allo stesso tempo, Newsweek ha riportato che "Le donne guadagnano 33 cent in meno per dollaro rispetto agli uomini" (p.50). Il seguente problema asseriva che guadagnavano il 75% del reddito medio maschile (p.13). Confuso ma anche fuorviante: molti lettori ritengono che questo differenziale rifletta una significativa discriminazione economica contro le donne. Non proprio. Un recente rapporto del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti respinge questo mito. Il rapporto DOL afferma che "il divario salariale crudo" tra lavoratori maschi e femmine a tempo pieno si era ridotto dal 37,9% nel 1970 al 21,5% nel 2007, e afferma che "il divario salariale crudo continua ad essere utilizzato in modi fuorvianti per far avanzare la popolazione (2) Le cifre del tempo del 33% e del 25% sono quindi fortunatamente fuori luogo e la stima più elevata forse confonde i lavoratori a tempo pieno e part-time, un errore elementare della statistica . Quindi che dire di questo gap del 21,5%? La maggior parte di questa lacuna salariale è spiegata, secondo la DOL, non solo dal fatto che le donne hanno maggiori probabilità di lavorare part-time rispetto agli uomini, ma hanno anche maggiori probabilità di lasciare la forza lavoro per avere figli, e di rimanere a casa forse per anni e per la cura degli anziani; alcuni sono spiegati dalle donne che scelgono occupazioni "a misura di famiglia" (al chiuso, sicure, saldi) mentre alcuni uomini scelgono i lavori più remunerativi (più pericolosi o più sporchi); le donne tendono a lavorare meno ore a settimana, meno settimane all'anno e meno anni a vita. La maggior parte di questo può essere quantificata; ma non al La decisione se accettare o meno pagare l'assicurazione sanitaria dell'azienda o selezionare un'azienda che lo fa.

La conclusione: "Le differenze nei salari grezzi possono essere quasi interamente il risultato delle scelte individuali fatte da lavoratori sia maschili che femminili" (p.2). Certamente le scelte individuali sono vincolate da norme culturali; ma allo stesso modo, esistono. Dato che circa l'80% dei posti di lavoro persi nel crollo del 2008-2009, o la mancata, come è stato chiamato, erano per gli uomini, (anche se per essere giusto il catalizzatore offre altri dati) e visto che i vantaggi educativi delle donne continueranno a persistere nel corso del tempo, (è stata espressa scarsa preoccupazione circa il divario di istruzione del 20%), sembra probabile che le disparità di reddito medie saranno invertite nel prossimo futuro (specialmente se si escludono Buffet e Gates dall'equazione). Tutto ciò potrebbe causare una certa "confusione" tennysoniana.

Detto questo, chiaramente non solo il significato e la realtà strutturale del genere cambiano rapidamente, ma stiamo anche diventando molto più società a parità di genere, e anche più meritocratiche. E questa è una gloria per tutti noi che dovremmo celebrare. Eppure, mentre l'equità di genere si è chiusa in politica, occupazioni e redditi, si è andata allargando nell'istruzione. Inoltre, il divario complessivo di disuguaglianza dei redditi tra i quintili superiore e quello inferiore si è ampliato. A volte sembra che quando si apre uno spazio vuoto si apre un altro.

Tutto ciò è stato reso possibile, in termini di cause immediate, dalla pillola, approvata per la prima volta dalla FDA nel 1960 e che ha facilitato una caduta precipitosa del tasso di fertilità, che a sua volta ha facilitato l'accesso delle donne all'istruzione, all'occupazione, al denaro, al movimento delle donne ecc. (discusso in precedenza); e in termini di cause più remote, dai valori dell'Illuminismo, incarnati dalla Dichiarazione di Indipendenza e dagli slogan della Rivoluzione Francese. C'è voluto del tempo prima che i nuovi valori di libertà, uguaglianza e diritti umani venissero attuati nelle riforme strutturali, e il processo continua, mentre continuano le lotte per i diritti e le libertà e le rivolte in Egitto, Tunisia, Libia, Zimbabwe e altrove testimoniano. Tuttavia, mentre affronteremo i nostri problemi, possiamo anche celebrare le nostre glorie.

(1) Globe and Mail 22 marzo 2011.
(2) Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, 12 gennaio 2009: un'analisi dei motivi della disparità di salari tra uomini e donne. CONSAD Research Corporation.

Solutions Collecting From Web of "Gloria femminismo"