Gli umani sono unici?

Un interesse spesso implicito di molti ricercatori in psicologia comparata (lo studio delle somiglianze e delle differenze tra gli umani e altri animali) è la scoperta di ciò che, esattamente, rende gli umani unici. Nota che non chiedo se gli umani sono unici; no, la particolarità degli esseri umani è data per scontata. E sul suo volto, questa libertà sembra scusabile: siamo una specie magnificamente produttiva , in tutti i sensi della parola, creando ogni cosa da elaborate pratiche culturali, a potenti città, e frasi nuove al volo – e anche incredibilmente piccole tecnologie che possono prendere su parte di questa creazione da parte nostra. Questo sembra distinguerci chiaramente dagli animali non umani.

Ma possono essere specificate le particolari caratteristiche fisiche o cognitive che ci rendono distintivi? Le proposte per ciò che ci rende unici sono arrivate veloci e furiose dai filosofi dell'antica Grecia. Platone definì notoriamente "uomo" come "un animale, bipede e senza piume". Il suo contemporaneo Diogenes minò abilmente questa prima definizione: strappando un uccello delle sue penne, dichiarò, "ecco l'uomo di Platone!"

Platone non fu così facilmente respinto. Ha semplicemente aggiunto "avere unghie larghe" alla sua definizione.

Questo è il tenore di call-and-response che sta ancora accadendo tra gli studiosi: una caratteristica "unica" appena suggerita è dichiarata per l'umanità, e i ricercatori sul comportamento animale prima o poi ripudiano questa affermazione, trovando un comportamento simile tra i non- gli esseri umani. "L'uomo è un animale che usa strumenti", dichiarò Thomas Carlyle nel diciannovesimo secolo; Cento anni dopo, Jane Goodall trovò gli scimpanzé a Gombe usando degli esili rametti come strumenti con cui sondare i termiti (questo induce le termiti sempre vigili a saltare e attaccare l'oggetto intruso, creando lecca lecca termite per gli scimpanzé affamati). Affinché non pensiamo che l'uso degli strumenti sia un comportamento solo dei primati superiori, è stato ben documentato in animali tanto vari come vespe e uccelli; per non pensare che l'uso di uno strumento sia un comportamento meccanico o riflessivo, molti di questi animali sono stati visti per modificare e perfezionare gli strumenti per servire al meglio il loro scopo.

Dopo Goodall, la barra per l'umanità cominciò ad essere sollevata con regolarità. E ciascuno è stato, se non balzato, almeno scosso. Una storia in vaso del dialogo esteso tra le proposte e gli intervistati include questi punti salienti:

È la capacità di imitare – un'abilità che non è richiesta per richiedere una comprensione dell'intento del dimostratore – visto solo negli umani? No. Ci sono buone prove per almeno il mimetismo nelle scimmie e nelle scimmie (da qui i nostri idiomi "scimmia vede, scimmia fai" e il verbo "scimmia"), e per l'emulazione – osservando il comportamento degli altri nel raggiungimento dell'obiettivo, e ottenendo l'obiettivo loro stessi. Se non l'imitazione, forse la cultura è indicativa di umanità? Se il caso più famoso, l'abitudine di pulire le patate prima di mangiarle, che si diffondono tra una truppa di macachi giapponesi, è un caso di "cultura" ancora dibattuto. Certamente le specie in ambienti diversi mostrano comportamenti distinti, che sono forse descrivibili come differenze culturali.

Se non la cultura, la memoria ? Guarda un cane che va verso un osso sepolto, o una boscaglia di ghiandaia che dissotterra un seme nascosto, e questa distinzione è resa discutibile. Navigazione ? Qui gli animali, usando tali capacità come la magnetosensazione, il rilevamento di campi elettrici e la percezione della luce ultravioletta, ci superano di molto. Auto-consapevolezza ? Il migliore, anche se controverso, test per questo, riconoscendosi in uno specchio, è passato non solo dagli umani di 2 anni, ma da scimpanzé, delfini e almeno un elefante.

Bene, allora, è un linguaggio ? La gamma di comunicazioni tra animali selvaggi – dalla canzone delle balene al canto degli uccelli – è impressionante (e molto rimane sconosciuta alla scienza), ma non è convincente per coloro che considerano un linguaggio strutturalmente coerente e grammaticale come qualitativamente diverso. Anche quel muro ha dei buchi: mentre Washoe lo scimpanzè non ha mai imparato a parlare (la laringe dello scimpanzé è troppo alta per parlare), il bonobo Kanzi comunica con competenza una tavola di simboli, e il pappagallo grigio deceduto di recente parlava sintatticamente e semanticamente. Inglese nel rispondere alle domande sugli oggetti nel suo ambiente. Ok, allora: ha una teoria della mente : capire che gli altri hanno conoscenze e credenze diverse dalla propria? I bambini non passano in modo affidabile la teoria dei test mentali fino all'età di tre o quattro anni, quindi sembra un'abilità avanzata. La ricerca con gli scimpanzè mostra che in alcuni casi si rendono conto di ciò che altri scimpanzé (o umani) hanno visto, e quindi conoscono, un buon inizio su una teoria della mente. La mia ricerca personale che osserva i cani nel gioco sociale suggerisce che la loro abilità nell'usare diversi tipi di attenzione in momenti diversi può solo essere spiegata come una certa sensibilità, sebbene rudimentale, agli stati mentali degli altri.

In una conferenza di eminenti scienziati l'anno scorso, un gruppo di esperti su questa questione ha portato alla reiterazione di molte delle proposte di cui sopra, già smentite, e l'introduzione di poche altre, compresa la capacità di fingere; religione; avere emozioni secondarie (disgusto, empatia, orgoglio, colpa, gelosia e così via); avere un senso del tempo. Infine, alcuni dichiarano che c'è qualcosa di diverso nel nostro cervello: elemosinare la domanda.
Nei prossimi post affronterò alcune di queste proposte, tutte similmente indebolite con ulteriori prove dal comportamento animale.

Alla luce del nostro persistente interesse nel trovare la caratteristica che ci rende speciali, e altri animali meno speciali, suggerisco che potremmo averlo trovato: il nostro interesse nel trovare la caratteristica che ci rende speciali.

Solutions Collecting From Web of "Gli umani sono unici?"