Gli umani evolvono per ballare? Grandi cervelli e nascite

Nel mio ultimo post, ho attinto il lavoro di Sarah Hrdy per suggerire che l'allevamento cooperativo, come praticato da una linea di ominidi pre-homo sapiens, ha creato il contesto in cui l'abilità degli umani di notare, ricordare e ricreare modelli di movimento si è dimostrata vantaggioso per la loro sopravvivenza. I neonati in grado di muoversi e connettersi con più caregiver potrebbero essere stati in grado di garantire una cura migliore. Questa strategia genitoriale, suggerisce Hrdy, ha creato il contesto in cui gli esseri umani potrebbero evolversi in creature caratterizzate da grande cervello, interamente dipendenti, a crescita lenta.

Tuttavia, la domanda rimane. Perché costruire quei cervelli? Quali pressioni stavano operando a favore dei cervelli? Wrangham argomenta in modo convincente che le calorie derivanti dalla cottura forniscono anche il carburante per far crescere grandi cervelli. Al 2% del nostro peso corporeo, il cervello consuma il 20-25% del nostro apporto energetico. Ma dov'era il bisogno?

Robin Dunbar, nel suo libro Grooming, Gossip, and the Evolution of Language (Harvard University Press), suggerisce che gli umani avevano bisogno di quei cervelli per monitorare le sempre più complesse relazioni sociali dei loro gruppi sociali sempre più complessi. Secondo la leggenda, una volta che i primati pre-umani si trasferirono fuori dalla foresta e si inoltrarono nelle pianure, iniziarono a trascorrere più tempo camminando eretti. Per il cibo, questi ominidi in partenza dalla foresta hanno prima spazzato via la preda lasciata da animali più grandi, e poi, osservando questi predatori, hanno imparato a cacciare se stessi. Probabilmente hanno inseguito il gioco in branco. Hanno controllato il fuoco, cucinato e condiviso il cibo, e così massimizzato il loro carico calorico, sviluppando una capacità di correre per lunghe distanze. Hanno curato collettivamente i loro giovani. Si sono uniti in gruppi per la protezione a tutte le ore. E per tenere traccia di tutte queste relazioni sociali, la storia va, hanno aggiunto un grande prefrontale o neocorteccia al tipico cervello dei primati, una porzione della nostra zucca che sarebbe servita come base per l'azione simbolica, il linguaggio, la legge e cultura (1998: capitolo 6, 108-12). Come afferma Dunbar, gli esseri umani vantano il "cervello più grande relativo alle dimensioni del corpo di qualsiasi specie che sia mai esistita" (1998: 3).

Eppure è importante notare che un cervello umano non è semplicemente grande. Ciò che è insolito è la dimensione relativa della neocorteccia rispetto al resto del cervello. A sostegno della sua tesi sulle pressioni sociali sullo sviluppo cerebrale della neocorteccia, Dunbar ha analizzato i rapporti della neocorteccia con le dimensioni complessive del cervello per una serie di mammiferi e quindi ha correlato tali rapporti con le dimensioni del gruppo. Sulla base del modello chiaro emerso, ha concluso che il rapporto umano di 4: 1 prevede una dimensione media di gruppo di 150. Questa dimensione "sembra rappresentare il numero massimo di individui con cui possiamo avere una relazione veramente sociale" (1998: 68-77), e sembra trovare riscontro nella dimensione media delle chiese, dei clan dei cacciatori-raccoglitori e degli amici di Facebook.

Tuttavia, non è possibile che i primi ominidi possano aver sviluppato una strategia diversa dall'aumentata capacità cerebrale di monitorare le loro relazioni sociali, come l'ordinamento gerarchico praticato dai bovini nella nostra fattoria, dove avere le corna aiuta? Perché coltivare cervello per questo scopo?

Un altro approccio a questa domanda sarebbe quello di radicare la pressione per far crescere grandi cervelli anche più indietro nel tempo, prima di aggregazione sociale, nel fatto di camminare in piedi. Come sa qualsiasi donna incinta, camminare induce il travaglio. Quando una donna cammina, i muscoli che trattengono il bambino sono gli stessi muscoli che devono rilasciare per far uscire il bambino. Se camminare in posizione eretta ha indotto precedenti lavori in esseri umani che vivono nelle pianure, l'accentuata dipendenza di questi giovani avrebbe creato il contesto in cui l'allevamento cooperativo come strategia genitoriale fa la differenza. Avrebbe anche creato una situazione in cui i bambini, nati prima, avrebbero avuto un maggiore bisogno di creare e codificare modelli di movimento che non avevano avuto il tempo di stabilire in utero. È possibile, quindi, che il camminare in posizione eretta metta in moto un vibrante ciclo auto-rinforzante di cervelli sempre più grandi e, date le dimensioni e il peso di quei cervelli, sempre più precoci nascite. I bambini nati prima e dopo, con una capacità mentale di compensare la differenza.

Gli scienziati stimano che il cervello degli ominidi abbia smesso di crescere 195.000 anni fa, circa 50.000 anni dopo la comparsa dell'homo sapiens. A quel tempo, i bambini umani, così come sono oggi, anche quando sono trascorsi quaranta settimane, nascono in modo efficace prematuro di un anno rispetto agli altri primati. Sono completamente e completamente dipendenti da altri umani per la loro sopravvivenza. Non possono nutrirsi o trasportarsi da soli. Non possono alzare la testa o scalare i peli del loro petto come fanno gli scimpanzé. Se fosse permesso svilupparsi nell'utero al livello di maturità cerebrale e corporea comune tra altri mammiferi e primati, un bambino umano sarebbe emerso un anno dopo, dopo ventuno mesi di cura del grembo materno.

Questo parto prematuro o "altrizionale" crea una situazione che è unica tra i primati. Non solo un neonato deve continuare a crescere il suo cervello mentre è fuori dall'utero, ma deve farlo in un ambiente molto più complesso e variabile rispetto all'abitino ombreggiato, imbottito e smorzato. Deve farlo in relazione con un cast di caregivers umani mobili da cui dipende. E deve farlo con la capacità che ha quando è nata: la capacità di creare, notare, ricordare e ricreare modelli di movimento. Di conseguenza, la stessa biologia di un cervello umano – la sua struttura neuronale – emerge come una funzione dei movimenti che un bambino sta facendo, e dei movimenti che la stanno facendo.

Le implicazioni di questo sviluppo sono molte e rilevanti per la nostra comprensione degli umani e della danza. Più di ogni altro primate, i bambini umani devono essere in grado di giocare con il movimento. Da un lato, hanno bisogno di imparare quali sono i movimenti migliori per assicurare cibo e abbracci. Devono essere in grado di discernere come muoversi in modi che li collegano agli altri in modi piacevoli, mutuamente vitali. D'altra parte, hanno anche bisogno di imparare non solo quali movimenti fare ma come fare nuovi movimenti. Hanno bisogno di sviluppare una consapevolezza sensoriale in grado di guidarli nell'inventare i movimenti in risposta a una sempre più mutevole serie di problemi.

Tutte queste attitudini cerebrali sono quelle che la pratica degli esercizi di danza.

Potrebbe essere che la danza è l'attività che gli umani hanno sviluppato cervelli per fare come condizione abilitante del loro migliore divenire corporeo?

La prossima settimana: cosa direbbero i neuroscienziati?

Solutions Collecting From Web of "Gli umani evolvono per ballare? Grandi cervelli e nascite"