Gli uccelli di una piuma fumano e bevono insieme

Foto di Lewis Wickes Hine tramite Shorpy.com

Tendiamo ad essere molto simili ai nostri amici. Abbiamo interessi e stili di vita simili. Ci impegniamo in modelli simili di fumare e bere, o siamo simili nella scelta di non fumare o bere. Ma perché? Siamo venuti insieme fin dall'inizio a causa delle nostre somiglianze, ad esempio, chiacchierando nell'area fumatori condivisa al lavoro? Ci incoraggiamo a vicenda a bere responsabilmente o no? Oppure stiamo tutti rispondendo in modo simile a un ambiente culturale condiviso?

Esaminando i dati di oltre 12.000 adulti all'interno di una rete sociale densamente connessa, i ricercatori hanno scoperto che se una persona fuma, gli altri fino a tre gradi di separazione sono più propensi a fumare. Cioè, se fumi, è il 61% più probabile che i tuoi amici fumino, il 29% in più di probabilità che i tuoi amici amici fumino, e l'11% in più di probabilità che i tuoi amici-degli-amici-amici fumino.

Ma la domanda su cosa esattamente ci fa essere così simili ai nostri amici non può essere risolta da semplici schemi di associazione. Per aiutare a districare le cause di queste somiglianze, ci rivolgiamo a uno studio gemello.

Una possibilità: correlazione Gene-ambiente

Uno studio su oltre 800 coppie di gemelli adolescenti britannici ha rivelato che la percentuale di migliori amici che un gemello aveva bevuto era del 28% circa ereditabile. (Vedi il mio post precedente per una descrizione di che cos'è l'ereditabilità e come la valutiamo.) La misura in cui i migliori amici dei gemelli hanno bevuto era anche un buon predittore dei modelli di consumo dei gemelli.

Stimando congiuntamente l'ereditabilità dei modelli di consumo degli amici e l'ereditabilità dei modelli di bere dei gemelli, i ricercatori hanno stabilito che questa relazione era dovuta sia ad influenze genetiche che ambientali sovrapposte. Le influenze genetiche sul bere dei gemelli e dei loro amici si sono sovrapposte di circa il 40%, mentre le influenze ambientali condivise (quelle che tendono a fare gemelli simili tra loro, indipendentemente dal fatto che siano identiche o fraterne) si sono sovrapposte a più dell'80%.

L'esistenza di influenze genetiche sovrapposte tra il nostro consumo di alcolici e il bere dei nostri amici è un esempio di correlazione gene-ambiente (spesso etichettato come "rGE"). La correlazione geno-ambientale si verifica quando le influenze genetiche su un tratto o comportamento rendono più probabile che un individuo sia esposto a un ambiente che è anche associato a quel tratto o comportamento.

Esistono tre potenziali fonti di correlazione gene-ambiente, che possono essere tutte illustrate con un solo esempio: osservate la camera da letto di un bambino (chiamiamole "Jessie") ed è piena di libri. Perché?

  • Correlazione passiva gene-ambiente: Jessie è stata cresciuta dai suoi genitori biologici, che sono abbastanza intelligenti e ben educati. I genitori riempivano tutta la casa di libri. I genitori di Jessie hanno trasmesso entrambi i loro geni (l'intelligenza è circa l'80% ereditabile negli adulti e circa il 45% ereditabile nei bambini) e un ambiente arricchito con opportunità di apprendimento.
  • Correlazione genica-ambiente attiva: a Jessie piace leggere, così spesso richiede libri come regali di compleanno e di vacanza. Qui, la sua caratteristica ereditaria (l'intelligenza) ha portato Jessie a plasmare attivamente l'ambiente circostante (chiedendo più libri).
  • Evocativa correlazione gene-ambiente: tutti quelli che incontrano Jessie sanno che lui / lei è un bambino molto intelligente. Senza chiedere, molte persone pensavano di dare i libri di Jessie come regali di compleanno (anche se Jessie voleva davvero alcuni videogiochi).

La maggior parte degli ambienti in cui ci troviamo non sono casuali. Man mano che sviluppiamo una maggiore autonomia durante l'adolescenza e nell'età adulta, diventa sempre più probabile che il nostro ambiente sia collegato ai nostri attributi e alle nostre scelte personali.

Anche l'influenza sociale è importante

Un altro potente modo per esaminare come i comportamenti degli amici si relazionano l'uno con l'altro è osservare i cambiamenti nel comportamento per un lungo periodo di tempo. Lo studio sopra menzionato dei fumatori e dei non fumatori socialmente collegati ha dimostrato che non solo il fumo tende ad aggregarsi, ma anche lo smettere.

In oltre 30 anni di osservazione, le percentuali di fumo all'interno del campione sono diminuite drasticamente, da più della metà di tutti i partecipanti che fumavano nei primi anni '70 a solo il 20% circa del fumo nei primi anni del 2000. Gli autori hanno incluso un'animazione molto carina nel loro lavoro, illustrando lo schema di smettere di fumare nel corso dello studio.

Invece di smettere di presentarsi casualmente, interi gruppi o gruppi di persone tendevano a smettere di fumare nello stesso periodo. La probabilità che una persona fumata è diminuita del 25% se uno dei fratelli ha smesso di fumare, il 36% se un amico ha smesso e il 67% se il coniuge ha smesso.

Per confronto, un vicino che ha smesso non ha avuto effetto. Inoltre, una maggiore distanza geografica non ha ridotto l'effetto dell'abbandono di un fratello / amico / coniuge. Questo suggerisce che le norme sociali, o processi che implicano comunicazione e influenza, sono un fattore importante nella decisione di smettere di fumare (piuttosto che essere dovuti a influenze strettamente basate sulla posizione, come il costo delle sigarette).

Gli amici non sono casuali, ma certamente non sono geneticamente "determinati". La conoscenza dell'interazione reciproca tra i nostri comportamenti e i nostri amici rende l'intervento nel ciclo più possibile.

Se stai cercando di tagliare o smettere di usare qualsiasi sostanza, avere un gruppo sociale che non usa o usa responsabilmente non lo renderà facile , ma dovrebbe renderlo più facile .

 

citazioni:

Christakis, N., & Fowler, J. (2008). La dinamica collettiva del fumo in una grande rete sociale. New England Journal of Medicine, 358 (21), 2249-2258 DOI: 10.1056 / NEJMsa0706154

Fowler T, Shelton K, Lifford K, Rice F, McBride A, Nikolov I, Neale MC, Harold G, Thapar A e van den Bree MB (2007). Influenze genetiche e ambientali sulla relazione tra l'uso di alcol tra pari e il consumo di alcol negli adolescenti. Dipendenza, 102 (6), 894-903 PMID: 17523983

Copyright 2012 Jaime Derringer

Solutions Collecting From Web of "Gli uccelli di una piuma fumano e bevono insieme"